Al via in UK la miniera più efficiente d’Europa
Al via in UK la miniera più efficiente d’Europa
Mining

Al via in UK la miniera più efficiente d’Europa

By Patrizia Licata - 23 Mar 2018

Chevron down

In Gran Bretagna è in arrivo la prima miniera di bitcoin europea strutturata come società commerciale a responsabilità limitata finanziata da privati.

Sarà creata dall’azienda tecnologica Bladetec col nome di Third Bladetec Bitcoin Mining Company (TBBMC) e si strutturerà in tre sedi (Londra, Surrey e Suffolk) coprendo un totale di 3.500 piedi quadrati.

I co-fondatori John Kingdon e John Pitcher stanno mettendo insieme finanziamenti per 10 milioni di sterline con cui compreranno 1.000 unità hardware per il mining basate su ASIC (Application Specific Integrated Circuits) che girano alla super-velocità di 43 Terra-hash al secondo.

The power of less

“Per fare i minatori di bitcoin serve un team dedicato, con elevata esperienza, che sa bene come muoversi”, si legge nella nota per gli investitori, e Bladetec pensa di avere le carte in regola.

Fondata nel 2002 dagli stessi Kingdon e Pitcher, l’azienda ha lavorato al supporto IT per clienti di alto profilo tra cui la Nato e il ministero della Difesa britannico.

“Il modello operativo resta lo stesso: in un mondo in cui le operazioni di calcolo diventano sempre più complesse e intense, l’obiettivo è fare di più con meno“.

Si tratta di un chiaro riferimento all’utilizzo massiccio di energia elettrica, uno degli elementi più controversi dell’attività di mining e su cui è intervenuto anche Declan Kennedy, parte del team manageriale della TBBMC: “Le nostre macchine sono incredibilmente efficienti sul piano energetico. Ovviamente avremo bisogno di molta elettricità, ma stiamo negoziando prezzi estremamente favorevoli col fornitore di rete”.

Come ci guadagnano gli azionisti

Il mining di bitcoin è un’attività molto complessa (se ne è occupata in questi giorni anche la Duma russa) e competitiva: i nuovi BTC sono creati a una velocità standard e quanti più minatori si uniscono alla rete tanto più diventa difficile fare profitti.

Nella loro nota agli investitori, Kingdon e Pitcher cercano di rassicurare: le caratteristiche tecnologicamente avanzate della TBBMC ne faranno una delle maggiori 25 miniere globali e il risultato di questa posizione dominante saranno “significativi ritorni per gli azionisti”.

Agli investitori che oggi contribuiscono al finanziamento della bitcoin farm britannica viene offerta la possibilità di comprare le azioni al prezzo di 1 sterlina l’una con un investimento minimo di 5.000 sterline.

Gli azionisti saranno al 100% i proprietari della TBBMC. L’exit è stimata fra due o tre anni, quando verranno venduti sia i bitcoin estratti sia le macchine ASIC.

L’azienda, riporta BTCManager, prevede di estrarre 1.280 bitcoin che, ai prezzi attuali, equivarrebbero a circa 7,5 milioni di sterline

Patrizia Licata
Patrizia Licata

Laureata in Letteratura italiana (Sapienza di Roma) e giornalista pubblicista, lavora come freelance. Si occupa da sempre di energia, automotive e finanza. Negli ultimi anni si è specializzata sul web e l'economia digitale, anche grazie alla perfetta conoscenza dell'inglese. Ha collaborato con agenzie di stampa (9Colonne, Agi), quotidiani (Repubblica, inserto A&F), settimanali (Il Mondo-Rcs). Oggi scrive anche per CorCom e il Gruppo Digital360, L'Automobile-Aci, Start Magazine.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.