Microsoft compra Github. Panico tra i developer
Microsoft compra Github. Panico tra i developer
Blockchain

Microsoft compra Github. Panico tra i developer

By Aneta Karbowiak - 5 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

La notizia ha scatenato una protesta da parte della community, causando la fuga di oltre 2 mila repository.

I developer di Bitcoin hanno espresso su Twitter la propria disapprovazione rispetto all’acquisizione di GitHub, chiamando i colleghi a rimuovere qualsiasi codice legato a Bitcoin dal repository.

La maggior parte della cripto community ha da sempre fatto affidamento su GitHub, ma c’è la paura che l’acquisizione da parte di Microsoft possa minarne l’autonomia.

Wladimir J. van der Laan, core developer di Bitcoin, ha scritto su Twitter:

“Non ho molta fretta, ma mi aspetto che questa sia l’inizio di una lunga [e] dolorosa strada [di Github] verso l’obsoleto, forse finendo allo stesso modo del codeplex”.

Sono in tanti a criticare la mossa, sostenendo che Microsoft potrebbe arrivare al punto di ostacolare il potenziale di Github.

Perché Microsoft vuole GitHub?

L’accordo tra le due compagnie, del valore di 7,5 miliardi di dollari, è soggetto al controllo e approvazione da parte sia degli Stati Uniti che dell’Unione Europea e dovrebbe concludersi entro la fine del 2018.

Si tratta della seconda più grande acquisizione di Microsoft dopo quella di LinkedIn per 26,2 miliardi di dollari.

Microsoft ha già una community di 28 milioni di sviluppatori su GitHub ed è anche quella più attiva.

L’acquisizione di una piattaforma che si vanta di sostenere la decentralizzazione viene percepita come sospetta.

È stato insinuato che Microsoft potrebbe saccheggiare i dati.

Nel suo annuncio, però, Microsoft ha promesso di mantenere GitHub una piattaforma indipendente e aperta agli sviluppatori di tutti i settori.

“Gli sviluppatori continueranno ad essere in grado di utilizzare i linguaggi di programmazione, gli strumenti e i sistemi operativi di loro scelta per i loro progetti e saranno ancora in grado di distribuire il loro codice su qualsiasi sistema operativo, qualsiasi cloud e qualsiasi dispositivo”.

Gli sviluppatori rimangono diffidenti

Nonostante l’acquisizione non sia stata ancora finalizzata, la notizia ha causato la fuga delle repository, preferendo GitLab e altre piattaforme indipendenti come Keybase e BitBucket.

Su Twitter è stato anche creato un hashtag #movingtogitlab.

Nel frattempo su un subreddit di Ethereum, un utente che si dice un dipendente di Microsoft ha scritto:

“Dubito che Microsoft tenterà di censurare le discussioni sui commit/problemi, e se ciò accadesse in qualche modo, lo spostamento del codice sorgente in un nuovo repository Git è piuttosto semplice.”

Aneta Karbowiak
Aneta Karbowiak

Laureata in Biologia all'Università degli Studi di Genova, si è presto interessata allo sviluppo delle applicazioni mobili e dei chat bot. È entrata nel mondo dell'editoria come manager di un sito di sport inglese dove ha gestito un team di dieci persone. Appassionata della tecnologia blockchain e delle criptovalute, ha cominciato a scrivere per Qubithacker.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.