In Australia arriva la Bitcoin City
Criptovalute

In Australia arriva la Bitcoin City

By Marco Cavicchioli - 5 Giu 2018

Chevron down

Read the article in English language here.

Nel mondo si stanno moltiplicando le iniziative territoriali che mirano a consentire ad un’ampia clientela l’utilizzo di criptovalute su larga scala.

Di sicuro l’adozione di Lightning Network, che renderà le transazioni bitcoin immediate ed a bassissimo costo, potrà giocare un ruolo fondamentale in questo processo, visto che ad oggi invece le transazioni sono troppo lente, e mediamente costose, per poter immaginare che tanta gente accetti di utilizzarlo come mezzo di pagamento.

Nel frattempo, Agnes Water, piccola cittadina turistica del Queensland, nella punta nord-orientale dell’Australia, si sta portando avanti.

Per ora sono 31 gli esercizi commerciali, come resort, tour operator, ristoranti e pub ad aver deciso di accettare criptovalute come pagamento.

Addirittura, all’ingresso del Paese è comparso un cartellone con scritto:  “Benvenuti in Agnes Water-1770, la prima città della moneta digitale australiana”.

TravelbyBit

Sono accettati bitcoin, bitcoin cash, NEM, litecoin ed ethereum, ed è stata anche sviluppata un’apposita app dalla startup TravelbyBit.

Inoltre, anche l’aeroporto internazionale di Brisbane, il più importante della zona, accetta criptovalute in molti esercizi commerciali al suo interno.

Nel frattempo, a Lubiana, capitale della Slovenia, è nato un centro commerciale di ben 475.000 metri quadrati denominato “BTC City“, con più di 450 negozi, un cinema, un casinò, un parco acquatico, un centro sportivo, eccetera.

La startup di fintech Eligma ha creato un sistema di point-of-sale che viene utilizzato da alcuni rivenditori all’interno di BTC City, con l’obiettivo di trasformarlo in una vera e propria “Bitcoin City”.

Anche per tale scopo è stata sviluppata un’app chiamata Elipay, già utilizzata in numerosi negozi del centro e nel parco acquatico. Sono anche stati installati alcuni ATM di criptovalute.

Il nome BTC City deriva dalla società BTC fondata nel 1954 come impresa di logistica, che nel corso del tempo ha creato molti magazzini nel nord-est di Lubiana.

Nel 1990 il complesso è stato convertito in area commerciale adottando il nome di BTC City, ed ora si definisce “il più grande e popolare centro commerciale, ricreativo, ricreativo e culturale europeo” della Slovenia.

A proposito dell’iniziativa di trasformare BTC City in “una vera Bitcoin City“, la società dichiara di voler sviluppare un ecosistema che integrerà tecnologie avanzate basate su blockchain, intelligenza artificiale, realtà virtuale, machine learning e, ovviamente, criptovalute.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.