Attacco hacker per Coinrail
Altcoin

Attacco hacker per Coinrail

By Simona Naldi - 11 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English language here.

In una giornata molto negativa per le criptovalute, giunge dalla Corea la notizia che un exchange locale, Coinrail, è stato violato dagli hacker.

L’informazione, confermata dallo stesso account twitter della società, parla di un’intrusione informatica all’interno del sistema, con la conferma che il token Pundi X è stato escluso dall’hacking.

exchange coinrail

Questa informazione è importante perché, se in generale Coinrail non è un grande exchange, con volumi giornalieri fra i 2,5 e i 2,7 milioni di dollari, è però uno dei maggiori punti di scambio per Pundi X, un token non tanto conosciuto ma con una capitalizzazione multimilionaria e con volumi di transazione intorno ai 6 milioni.

Pundi X ha come finalità quella di “dare la possibilità di comprare criptovalute in modo facile come comprare una bottiglia d’acqua” e, in questi giorni, viene ad essere scambiato da PXS a NPXS.

L’exchange ha specificato la portata dell’attacco, affermando che ad essere rubati sono stati, NPXS, nPer, Fernix, Enfer e Aston ed Idex.

Il personale dell’exchange ha avvisato i team dei diversi token, molti dei quali ancora in fase di pre quotazione o proveniente da recenti ICO, e sono cominciate le operazioni di recupero.

Prima di tutto si sono congelate e recuperate le quantità rubate di nPer e NPXS.

Quindi si è cercato di tracciare e recuperare gli altri token, riuscendo a tornare in controllo di altri 2/3 di quelli persi.

In totale si calcola che siano stati coinvolti nell’attacco elettronico token per un valore di alcune decine di milioni di dollari e per questo motivo Coinrail ha azzerato gli scambi e congelato tutti i propri wallet.

Alcuni organi di informazione hanno collegato il calo odierno del valore delle criptovalute, con bitcoin  ampiamente sotto i 7000 dollari, a questo hack, ma il volume non elevato di transazioni coinvolto sembra escluderlo, rendendo più probabile, come elemento scatenante del flashcrash, le notizia sui subpoena erogati dal CFCT contro alcuni grandi exchange.

Simona Naldi
Simona Naldi

Laureata in materie scientifiche, blogger, editor per libri in lingua inglese, public relation per autori di libri.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.