La guida definitiva su Zilliqa
La guida definitiva su Zilliqa
Blockchain

La guida definitiva su Zilliqa

By Mohammad Musharraf - 14 Lug 2018

Chevron down
Ascolta qui
download

Read this article in the English version here.

Dall’evoluzione della prima criptovaluta e blockchain, Bitcoin, gli innovatori non si sono fermati. Hanno continuato a prosperare per emancipare il massimo potenziale possibile della blockchain per rendere questo mondo digitale più efficiente.

Bitcoin, Ethereum, Waves o qualsiasi altra blockchain hanno tutti i loro difetti su cui viene costantemente lavorato per essere riparati. In mezzo a questa lotta per sviluppare una blockchain migliore, più veloce ed efficiente, è stato avviato il progetto di Zilliqa.

Quindi cos’è esattamente Zilliqa? E come può essere considerata una versione migliorata della blockchain esistente?

Un’ introduzione a Zilliqa blockchain

La scalabilità è stata un problema di blockchain fin dall’inizio, ma ci sono state molteplici implementazioni e sviluppi che l’hanno migliorata fino a un certo livello.

Inizialmente, per la blockchain Bitcoin, la scalabilità era ovunque tra 3,3 e 7 transazioni al secondo, che è molto bassa. Poi è arrivata la blockchain Ethereum che consente circa 10 transazioni al secondo. Sebbene sia un aumento di valore, non è molto apprezzabile.

Accanto a questo, hanno anche un costo di transazione elevato che rende questi due famosi blockchain ancora meno adatti per i tempi a venire.

È qui che subentra Zilliqa. Zilliqa ha il potenziale per risolvere il problema della scalabilità della blockchain. Hanno implementato la teoria del sharding nella loro rete per effettuare transazioni a un ritmo molto più veloce.

Per coloro che non sanno che cos’è lo sharding, ecco una breve definizione: sharding si riferisce alla divisione di un grande database in parti più piccole che sono più veloci e possono anche essere facilmente gestite. Questi database più piccoli separati dall’unico database di grandi dimensioni sono indicati come shards.

La rete Sharding di Zilliqa è correlata al numero di nodi sulla blockchain in modo tale che i tassi di transazione aumenteranno man mano che si aggiungono più nodi alla rete.

Essendo più specifico, il throughput della piattaforma aumenterà in proporzione per ogni 600 nodi che verranno aggiunti alla rete.

Ciò significa che più grande diventa la rete, più transazioni al secondo saranno in grado di elaborare la blockchain che mette da parte tutti i limiti di scalabilità che le blockchain hanno dovuto affrontare fino a questo momento.

Se tutto va bene, si può dire che Zilliqa potrebbe essere per le criptovalute ciò che aziende come Mastercard e Visa sono in valute legali.

In che modo funziona lo sharding per Zilliqa?

Come precedentemente detto, Zilliqa lavora sul principio dello sharding e il grande database, cioè i nodi attivi, di Zilliqa sarebbero distribuiti in alcuni frammenti. Ogni frammento sarebbe composto da un massimo di 600 nodi e, poiché ci sarebbe un aumento nel numero di nodi, ci sarebbe un frammento addizionale creato per contenere quei nodi.

Nella versione testnet di Zilliqa, la rete ha sfruttato un throughput di 1218 transazioni al secondo quando c’erano 1800 nodi attivi. Quando il numero di nodi attivi è stato raddoppiato, il throughput è aumentato a 2488 transazioni al secondo.

In questo esperimento c’erano 3 e 6 frammenti rispettivamente per 1800 e 3600 nodi attivi che elaboravano singolarmente piccole frazioni delle transazioni totali eseguite sulla rete, fornendo quindi un throughput più elevato.

Il testnet di Zilliqa ha presentato molto efficacemente al verso cripto il potenziale che porterà nel mondo digitale con il lancio del suo mainnet.

Oggi è il momento in cui le reti più famose come Bitcoin ed Ethereum possono elaborare le transazioni al ritmo di 3-4 e 10-20 ogni secondo. Tenendo presente il fatto che la concorrenza diretta delle criptovalute è con le valute legali, non può passare inosservata la possibilità di effettuare più di 2.400 transazioni utilizzando Visa e Mastercard.

Questo è il fatto che Zilliqa ha creato un tale fermento nel settore. Potrebbe essere una svolta significativa per l’intero universo blockchain e può portare l’implementazione della vita reale di blockchain e criptovalute a un livello più alto.

C’è un secondo lato di questa moneta

Sebbene lo sharding farebbe molto con il throughput complessivo della rete, ha un grosso problema che il team dovrebbe occuparsi prima dell’avvio del mainnet, ed è la comunicazione tra i nodi.

Su reti come bitcoin, ogni nodo contiene l’informazione completa della blockchain, ma nel caso di Zilliqa, i nodi sarebbero divisi in più frammenti, il che significa che ogni nodo avrebbe solo una parte limitata delle informazioni della blockchain completa.

È come raccontare piccole parti di una lunga storia a più persone e poi dire loro di rimontarle nell’ordine giusto. Anche se non è impossibile, non è neanche facile.

Zilliqa ha la soluzione

Nonostante il problema sia un po ‘complicato, Zilliqa ha trovato una soluzione semplice. Si chiama meccanismo di consenso ibrido.

Potresti essere a conoscenza del meccanismo di consenso che indica che oltre la metà del numero totale di nodi esistenti dovrebbe essere d’accordo nel far sì che una transazione abbia successo. Poiché questo non può accadere in modo semplice in caso di Zilliqa (a causa di frammenti) come per gli altri blockchain, il team di Zilliqa ha portato a utilizzare la versione ibrida con lo stesso meccanismo di consenso.

Il meccanismo di consenso ibrido è suddiviso in due livelli, ovvero layer shard e layer DS (directory service).

Ciò significa che il consenso non verrà raggiunto su un singolo livello, ma le informazioni verranno elaborate attraverso due livelli diversi per lo scopo.

Shard Layer: in questo layer, una parte delle informazioni totali della blockchain viene elaborata su shard, che è noto come micro-block. Quando ogni frammento ha elaborato le informazioni, questi microblocchi (le informazioni sulle transazioni elaborate da ciascun frammento) vengono combinati in uno nell’epoca di DS.

DS Layer: il layer di Directory Service è composto da un gruppo di nodi selezionato casualmente. Questo gruppo è indicato come il comitato DS. Questo gruppo di nodi collega quindi tutti i micro-blocchi per formare un blocco e quindi dimostra la sua validità.

Una volta che la validità è dimostrata, Zilliqa usa il consenso Practical Byzantine Fault Tolerance per raggiungere la finalità.

Statistiche del mercato di Zilliqa

Durante il periodo dell’ICO, i token ZIL sono stati assegnati a US $ 0,0038 e fino ad ora (9 luglio 2018), il token è scambiato a US $ 0,0824 (0,00001228 BTC). Si tratta di un aumento di oltre il 2100% dai tempi dell’ICO, che era solo 7 mesi indietro. Questa è una chiara indicazione del fatto che le persone hanno dimostrato un’enorme quantità di fiducia nell’azienda e nella sua valuta.

La performance di ZIL è stata piuttosto buona negli ultimi sette giorni in quanto ha mantenuto un aumento complessivo dell’11,66% in quel momento. Nelle ultime 24 ore è stato fatto un trade di ZIL del valore di $ 28.204.600 che è apprezzabile. La sua capitalizzazione di mercato si attesta a $ 624.276.493 ed è classificata al 25 ° posto di altre 1000 criptovalute.

Poiché la rete principale di Zilliqa non è ancora stata lanciata e ha ancora visto un tale aumento del suo valore, si può stimare che Zilliqa potrebbe rivelarsi ancora più grande nei tempi a venire dopo il suo lancio sul mainnet.

Il numero totale di token ZIL per il commercio è 12.600.000.000 mentre l’importo che viene scambiato sul mercato è 7.576.143.444.

Cosa offrirà Zilliqa al suo lancio?

La risposta che l’ICO di Zilliqa ha raccolto e il ronzio che ha creato attraverso la comunità blockchain attraverso i risultati evidenziati della testnet v1.0 hanno impedito alle persone di cancellare giorni dal loro calendario per vedere finalmente il mainnet Zilliqa lanciato.

Anche se Zilliqa sarebbe una piattaforma aperta, il che significa che tutti avrebbero accesso uguale ad esso, si può dire che sarebbe molto vantaggioso per quelli che possono sviluppare smart-contract e dApp alla rinfusa.

Al momento, c’è bisogno di una piattaforma che possa ospitare smart-contract e dApps e sarebbe resa possibile da Zilliqa poiché la sua tecnica di sharding consente transazioni veloci che sono molto favorevoli per le dApps.

Scilla: il linguaggio di programmazione esclusivo della piattaforma

Il team di Zilliqa ha compreso l’importanza di sviluppare un linguaggio di programmazione che potrebbe essere più sicuro e standardizzato. E quindi, Scilla.

Scilla è un linguaggio di programmazione funzionale che mette a parte due aspetti dei contratti che sono computazione e comunicazione. Questo linguaggio di programmazione non supporta applicazioni che richiedono un tipo specifico di cicli e istruzioni condizionali. Ciò, tuttavia, aumenta la sicurezza della piattaforma in quanto potrebbe aiutare gli utenti a verificare la sicurezza di un contratto prima di metterlo in uso.

Il team

Se parli di cose tecniche, rimarrai stupito dal team di Zilliqa, ma c’è una mancanza di persone, che appartengono all’atmosfera aziendale, nella squadra.

Xinshu Dong

Xinshu è l’amministratore delegato di Zilliqa. Ha un dottorato in Informatica presso l’Università Nazionale di Singapore. È un esperto di sicurezza informatica e ha lavorato a numerosi progetti nazionali di sicurezza informatica. Possiede anche una precedente esperienza nel settore della blockchain poiché è stato coinvolto nel lavoro di ricerca e sviluppo di Anquan, blockchain scalabile e sicuro. Era un ingegnere capo ad Anquan, e quindi si può dire che ha sia la conoscenza della blockchain che le capacità di leadership competitiva.

Christel Quek

Christel, grazie alla sua esperienza combinata di business e tecnologia, è un blocco molto importante della squadra. Ha co-fondato BOLT, un servizio di TV e giochi in diretta utilizzato da oltre 3 milioni di persone in più nazioni. Accanto a questo, ha anche diretto il primo ufficio Asia-Pacifico di Brandwatch e ha lavorato come responsabile dei contenuti su Twitter.

Oltre a loro, il nucleo centrale di Zilliqa comprende Prateek Saxena, Chief Scientific Advisor (PhD in Computer Science, NUS), Yaoqi Jia, blockchain architect e Juzar Motiwalla, stratega di Zilliqa.

Come già accennato, il team di Zilliqa richiede più persone che potrebbero sostenerli dal punto di vista del business. Perché non importa quanto buona sia la piattaforma che costruisci, se non raggiungi correttamente il pubblico giusto, potrebbe succedere che la piattaforma non lo renda mai grande.

Avendo avuto una breve panoramica di tutti gli aspetti di Zilliqa, sono sicuro che anche tu devi essere già entusiasta del lancio di Zilliqa Mainnet. Per ora, ci sono novità che il lancio avverrà il primo di settembre di quest’anno (2018).

Uno sguardo ai pro e ai contro

Pro

  • Concetto ambizioso: l’idea che Zilliqa si è ritagliata è qualcosa che ha lo scopo di avvantaggiare il mondo nel suo complesso.
  • Un team esperto: se parliamo degli aspetti tecnici, c’è una grande quantità di conoscenza e esperienza nel team di Zilliqa.
  • Una risposta eccellente in ICO: gli ICO definiscono molto su cosa pensa la gente del concetto di un’azienda blockchain e Zilliqa ne ha avuto uno eccezionale. Era così che dovettero astenersi dall’organizzare una vendita pubblica dei gettoni quando fu raggiunto l’hard cap, ma in seguito lo fecero a causa della schiacciante richiesta del token.

Contro

  • Mancanza di membri provenienti da un contesto imprenditoriale: come accennato, Zilliqa potrebbe essere una grande piattaforma, ma richiede persone che presentino l’abilità della piattaforma di fronte alle persone giuste in modo accurato per permettere a Zilliqa di essere utilizzato da quante più persone possibile.
  • Ritardo nel lancio di Mainnet: il Mainnet avrebbe dovuto essere lanciato a metà del 2018, ma sembra che ci sia più lavoro da completare da parte del team prima che possano mettere la loro piattaforma in avanti per uso pubblico.

Un’ultima parola

Tutto il brusio che Zilliqa sta portando su se stesso è molto ben giustificato. Dopotutto, sarebbe la prima piattaforma blockchain che alla fine produrrebbe una velocità di transazione di criptovalute in grado di eguagliare quella delle valute legali o addirittura superarle.

Blockchain e criptovalute in se stesse erano una rivoluzione per l’umanità e Zilliqa è qualcosa che è una rivoluzione nella rivoluzione. Zilliqa aveva già $ 20 milioni prima del 2017 e ha raccolto altri $ 22 milioni attraverso l’ICO che definisce il potere che guida la piattaforma.

Ora tutto è nelle mani del tempo, e si può solo immaginare quanto utile Zilliqa si dimostrerebbe per la comunità blockchain.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.