Blockchain pubblica vs privata: la fine del dibattito
Blockchain

Blockchain pubblica vs privata: la fine del dibattito

By Pavel Kravchenko - 20 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Per quanto strano possa sembrare, il dibattito sul tema “quale blockchain sia migliore: pubblica o privata” è ancora in corso.

Il motivo per cui le persone non sono ancora d’accordo sull’opinione comune risiede nel fatto che la maggior parte delle argomentazioni non sono integrate da definizioni chiare riguardo alla tecnologia e ai metodi della sua applicazione.

Questo ha portato ad alcune idee sbagliate circa la catena dei blocchi.

Le opinioni pubbliche sono troppo dipendenti dalle ideologie soggettive degli opinion leader “Per quanto mi riguarda, ritengo che…”. Questa è una situazione sana. Soprattutto quando parliamo di tecnologia che ha meno di 10 anni.

In realtà, il problema sta proprio nel porsi la domanda. Non si tratta di “bene o male”, ma – “adatto p non adatto”. Per concludere, confrontiamo le due blockchain basandoci sui fatti e le proprietà oggettive che la tecnologia può dare.

Non è pubblica o privata. È senza permesso o autorizzata

Poiché abbiamo deciso di comprendere con precisione la situazione, dobbiamo passare prima ad un livello più basso, partendo dalla superficialità per andare alla specificità. Ecco perché, più avanti nell’articolo, rinunciamo alla formulazione “pubblica e privata”, ma ora continuiamo con la definizione di blockchain senza permesso e autorizzata.

A volte la gente sostiene che la blockchain pubblica sia senza permesso e quella privata sia autorizzata. A quanto pare, la logica va in questo modo… Ma, non è così. Altrimenti, come si spiegherebbe l’esistenza di una blockchain pubblica autorizzata?

Che cosa vuol dire “senza permesso”

Il parametro “senza permesso” significa che è possibile partecipare a un determinato processo del sistema senza restrizioni e limitazioni. Non si ha bisogno di alcun permesso.

Se un certo sistema dichiara di non essere autorizzato, è obbligato ad avere ogni singolo processo nella sua contabilità aperto a tutti.

Bitcoin è un buon esempio: ogni singola persona può memorizzare beni (monete BTC) nella contabilità, trasferirli, e così essere il validatore (partecipare al processo decisionale del sistema).

Nessuno controlla esplicitamente i processi in corso della rete Bitcoin. Anche le decisioni di aggiornamento sono prese reciprocamente dalla community. Un tale sistema non ha alcun livello di privilegio, per essere precisi, ne ha solo uno – comune a tutti.

Che cosa vuol dire “autorizzata”

Questo parametro implica la necessità di un privilegio o di un’autorizzazione a partecipare a un particolare processo.

Se un sistema dichiara di essere autorizzato, significa che almeno uno o più processi nella sua contabilità sono limitati per l’uso generale.

A differenza della blockchain senza permesso, dove c’è un solo tipo di applicazione (tutti i processi sono aperti), nel caso della blockchain autorizzata si possono avere un sacco di combinazioni di quali processi siano aperti e quali non lo siano.

Ripple è un esempio di blockchain autorizzata.

È il caso di quando la contabilità stessa è aperta al pubblico, il che significa che tutti possono memorizzare le risorse, trasferirle, anche vedere la cronologia delle transazioni, anche se la convalida è autorizzata.

Solo le parti designate possono partecipare a questo processo: banche partner, privati (ad esempio grandi titolari di ondulazioni), qualcuno della comunità del progetto Ripple, amici di amici, ecc…

A volte si verificano casi in cui tutti i processi della contabilità sono autorizzati. Detto questo, è necessario essere una parte designata per poter utilizzare le funzionalità del sistema, per non parlare del processo di convalida.

Ciò ha senso nei casi in cui, ad esempio, alcune imprese private desiderino creare un canale di pagamento che consenta loro di effettuare transazioni senza terzi.

La blockchain può consentirlo, ma è evidente che non sarebbe come Bitcoin. Hanno invece bisogno di una rete privata che consenta il regolamento esclusivamente tra le imprese coinvolte nel processo commerciale.

In questo modo, farebbero una (privata) blockchain autorizzata, dove è necessario il permesso specifico di partecipare a uno dei processi in corso.

Proprietà che la blockchain può dare ai vari ambienti

Per riassumere, ci sono due tipi di blockchain: autorizzata e senza permesso. Conoscete già alcuni esempi della loro applicazione e potreste anche concludere che entrambi hanno un senso.

Eppure, è tutto un discorso inattivo, se non copriamo le proprietà reali che la tecnologia della catena dei blocchi può offrire ai vari ambienti. Generalmente, ci sono tre ambienti:

  1. Distribuita senza permesso. Completa decentralizzazione. Ogni singolo processo è privo di permessi. Il livello finale dell’ambiente senza permesso distribuito suppone anche che tutti i validatori siano anonimi e che la loro quantità sia sconosciuta.
  2. Decentralizzata autorizzato. Decentralizzazione parziale. I processi primari del sistema di contabilità (emissione, convalida, gestione degli aggiornamenti, governance, ecc.) sono autorizzati ma distribuiti. Il sistema non è completamente accessibile, ma si dispone di un certo numero di validatori (a volte anche indipendenti) che prendono decisioni reciproche considerando i processi specifici. È il caso di Ripple, dove l’emissione è interamente centralizzata, mentre la partecipazione al processo di convalida implica l’autorizzazione ed è effettuata da parti indipendenti o parzialmente indipendenti.
  3. Centralizzata autorizzata. Centralizzazione completa. Il controllo di tutti i processi di tale sistema contabile è interamente nelle mani di un’entità che è responsabile di prendere le decisioni. È interessante notare che, avendo un sistema di contabilità basato su blockchain completamente centralizzata, è possibile decentralizzarla concedendo ai propri partner commerciali i loro nodi (server), in modo che possano partecipare al processo decisionale (naturalmente, solo se ciò ha senso per le proprie relazioni commerciali). Ciò è possibile solo se il protocollo su cui è costruito il sistema contabile consente la presa di decisioni reciproche. Alcuni metodi sono inizialmente sviluppati per essere centralizzati, ma con il potenziale di essere distribuiti. In questo modo si potrebbe passare dall’ambiente centralizzato autorizzato all’ambiente decentralizzato autorizzato (di nuovo, solo se ha senso per quello che si sta facendo).

Ora copriamo alcune delle principali proprietà che la catena dei blocchi prevede.

Consenso tra i validatori

In generale, è il meccanismo di consenso (non la catena dei blocchi) che fornisce regole al protocollo che permettono alle parti indipendenti di agire come un unico organismo e di accordarsi reciprocamente sulle modifiche del database.

Tuttavia, sarebbe difficilmente raggiungibile senza l’allineamento flessibile dei dati che la tecnologia blockchain può consentire.

Che cos’è questo flessibile allineamento di dati? La registrazione di tutte le transazioni è suddivisa in blocchi. I validatori producono ogni successiva serie di transazioni individualmente e raggiungono un consenso.

Questo fornisce un approccio coerente, robusto ed efficace alla riconciliazione dei dati perché non richiede la copia dello stato finito di tutti gli indirizzi e dei token non spesi.

La prova che il sistema contabile era ingannevole

L’idea fondamentale è che come utenti finali avrete una prova incontestabile che siete stati truffati (nel caso in cui si verifichi, naturalmente).

Si tratta di una proprietà fondamentale rispetto all’ambiente autorizzato centralizzato e decentralizzato perché in questo caso si ha a che fare con un’entità specifica.

Il fatto che tutti gli utenti possano avere la prova di essere stati traditi è un punto di sostanziale per l’organizzazione e può, in qualche modo, garantire la sua integrità.

Anche se questa proprietà non ha alcun senso nei sistemi distribuiti senza permesso come Bitcoin, perché non si può incolpare Bitcoin.

Non è gestito da un’entità che si può provare a chiudere. Nessuno dei due può esercitare pressioni sui minatori di Bitcoin perché, in generale, sono indipendenti e anonimi.  

Il modo in cui funziona

Per permettere agli utenti di vedere la propria lista di pagamenti o il loro saldo corrente, il portafoglio digitale deve inviare una richiesta alla rete o, per l’esattezza, ai validatori della rete.

I validatori, nel rispondere a tali richieste, possono anche fornire al portafoglio digitale i dati relativi alle transazioni, in particolare se sono state confermate o meno e in quale blocco.

In questo modo, i validatori autenticano tali risposte con la loro firma digitale o con altre prove. Il portafoglio digitale salva tutte le rassicurazioni di questi validatori sulla conferma delle transazioni.

Se ad un certo punto il sistema contabile inizia a contraddirsi (dichiarare che le transazioni precedentemente confermate sono ora non confermate o viceversa), gli utenti disporranno di prove solide che la contabilità è effettivamente ingannevole.

Audit in tempo reale

Anche in questo caso, la blockchain memorizza la cronologia di tutte le modifiche nel database. Ciò consente una verifica dettagliata di ogni singola modifica fino all’ultima.

Inoltre, un auditor può ricevere ed esaminare immediatamente ogni nuovo blocco. In pratica, questo è ciò che si può chiamare un audit in tempo reale.

In futuro, questo approccio ci consentirà di eliminare i fastidiosi controlli annuali dei revisori o altre ispezioni.

Ad esempio, se si è impegnati in qualsiasi attività commerciale, dopo aver costruito il database con la catena dei blocchi, sarete in grado di aiutare i regolatori con i nodi di controllo (server), che permetterebbero loro di effettuare ispezioni in tempo reale e in modo autonomo (a livello di software), senza essere in grado di modificare le transazioni.

Registrazione e restrizioni

Questo è vicino alla questione della censura. A seconda dell’ambiente, la piattaforma basata su blockchain può saltare le identificazioni degli utenti, le registrazioni, i KYC, ecc. in questo modo evitare qualsiasi restrizione per gli utenti.

Naturalmente, non funziona con un ambiente centralizzato autorizzato, perché lì c’è una particolare organizzazione che governa il sistema contabile e può facilmente imporre qualsiasi censura.

In un sistema decentralizzato autorizzato, invece di avere un validatore, ne avete un certo numero, il che complica la possibilità di vietare gli utenti o limitare le loro azioni, perché dovrete cooperare con altri validatori.

Ecco perché più validatori indipendenti avete, più democratizzato è l’ecosistema per gli utenti.

Alla fine, il potenziale di questa proprietà si sprigiona completamente in un ambiente distribuito senza permesso, dove si dispone di un numero imprecisato di validatori anonimi.

In quanto tale, il rischio della loro cooperazione può essere minimo, il che significa che i partecipanti sono liberi di decidere ciò che è giusto e ciò che non lo è reciprocamente. Nessun potere può mai cercare di vietare o limitare le azioni degli utenti.

Ma c’è un’osservazione critica: in questo caso, ogni utente si assume tutti i rischi ed è interamente responsabile di se stesso.

Bene, date un’occhiata a un grafico più dettagliato delle proprietà della blockchain e del modo in cui funzionano con gli ambienti in cui è stata implementata.

blockchain pubblica

Conclusione

Dopo aver analizzato le proprietà che la catena dei blocchi può introdurre nei vari ambienti, possiamo ora concludere con piena certezza che l’applicazione della blockchain può avere un senso in casi assolutamente diversi (e la distribuzione senza permesso è solo una di queste).

La blockchain non sta diventando insensata con il diminuire della decentralizzazione. In realtà, questa scala è abbastanza ampia: dalla centralizzazione totale alla decentralizzazione completa.

blockchain pubblica

Ciò è dovuto al fatto che in alcuni casi non è possibile raggiungere la completa decentralizzazione e l’indipendenza (come con Bitcoin), perché si possono avere dipendenze che né la blockchain né qualsiasi altra tecnologia potrà mai sostituire.

Ad esempio, nel caso della proprietà digitale, è sempre necessaria una particolare entità che autenticherà i dati relativi alla propria identità, ai diritti di proprietà e così via.

L’ampia definizione di blockchain suona così: tecnologia che permette di memorizzare e sincronizzare i dati tra parti indipendenti (a volte, non hanno nemmeno bisogno di fidarsi l’una dell’altra).

Da qui possiamo concludere che il campo di applicazione è eccezionalmente vasto perché, indipendentemente dalla sfera o dall’industria, abbiamo sempre a che fare con dati specifici che dobbiamo gestire.

La tecnologia ha ancora alcune sfide da superare, ma il potenziale è davvero alto, e non si conclude con il caso “senza permesso”. La battaglia tra blockchain pubblica e privata è un gioco alla pari.

Avatar
Pavel Kravchenko

Kravchenko è il founder di Distributer Lab. E' anche blogger, crittografo e ha una laurea in Sicurezza informatica. Pavel lavora nel mondo blockchain dal 2014 e si è sempre concentrato soprattutto sulla sicurezza, analisi del rischio e tokenizzazione. Crede che la sua missione - insieme a quella della sua azienda - sia quella di creare un ecosistema aperto che usi un unico e uniforme sistema di pagamento, il cosiddetto "finacial web".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.