Nei mari delle crypto comandano le Balene
Nei mari delle crypto comandano le Balene
Criptovalute

Nei mari delle crypto comandano le Balene

By Simona Naldi - 3 Ago 2018

Chevron down

Un recente report pubblicato da TABB Group mette in dubbio che gli exchange siano il cuore del trading di criptovalute.

Secondo la ricerca, il mercato OTC, Over the Counter, quindi gli scambi diretti fra controparti, sarebbe di gran lunga più ampio: ben due/tre volte maggiore di quello regolato tramite exchange pubblici.

Dato che quello tramite exchange raggiunge i 4 miliardi di dollari di scambi al giorno, avremmo un mercato OTC con volumi fra gli otto e i dodici miliardi giornalieri.

Questi scambi avverrebbero fra le famose “Whales”, le “Balene” delle criptovalute, cioè gli operatori con grandi patrimoni che si  scambierebbero enormi quantità di crypto direttamente fra di loro e le acquisterebbero dai minatori, generando un enorme movimento di valute virtuali non registrato.

Un effetto secondario, ma non per importanza, sarebbe una relativa illiquidità degli exchange e la scarsa prevedibilità dei loro movimenti.

Va detto che i risultati della ricerca TABB Group hanno suscitato qualche perplessità.

Ad esempio Eric Wall, un ricercatore blockchain, ha affermato: “Ho appena letto una valutazione del TABB Group (in un report dal costo di 5000 dollari) che il mercato OTC supera di 2-3 volte quello degli exchange. Questo significherebbe da 1 ad 1,5 milioni di transazioni OTC al giorno. Strano non si vedano sulla blockchain, dove si contano 100.000 transazioni giornaliere”.

Colti sul vivo, gli analisti del TABB group hanno risposto che loro si basano su interviste agli operatori del settore che non riguardano solo Bitcoin e che non tutte le transazioni sono visibili perché molte riguardano wallet transati “al portatore”, senza quindi una transazione ufficiale sulla blockchain.

Cosa significherebbe se fossero veri i dati del TABB group? Vorrebbe dire che molta della volatilità degli exchange non avrebbe una vera spiegazione in eventi del mondo reale, ma potrebbero essere nient’altro che l’effetto secondario di transazioni non assorbite nei mercati OTC.

Allo stesso tempo dobbiamo chiederci come queste enormi transazioni sui mercati delle criptovalute possano non avere delle ripercussioni sui mercati finanziarie e non abbiamo corrispondenti transazioni monetarie.

Un wallet con al suo interno svariati milioni in BTC o in ETH può facilmente passare di mano in modo perfettamente anonimo, ma se la corrispondente transazione monetaria non fosse registrata saremmo di fronte a un evento molto preoccupante.

Simona Naldi
Simona Naldi

Laureata in materie scientifiche, blogger, editor per libri in lingua inglese, public relation per autori di libri.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.