Con HashCash nasce un nuovo crypto-miliardario
Con HashCash nasce un nuovo crypto-miliardario
Criptovalute

Con HashCash nasce un nuovo crypto-miliardario

By Simona Naldi - 9 Ago 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Raj Chowdhury è un nuovo miliardario delle criptovalute. A soli 34 anni l’imprenditore indiano ha sottoscritto un accordo con HashCash come esperto blockchain con una remunerazione tale da spingerlo nel Gotha dei super-ricchi del mondo delle crypto.

Questa affermazione di ricchezza viene fatta dallo stesso imprenditore in un comunicato stampa a seguito dell’emissione di 90 miliardi di token HashCash (HCX) di cui ne possiede 10 miliardi. Con una una stima di 20-30 centesimi di dollaro per token, vuol dire che Raj ha un patrimonio attuale pari a 2 – 3 miliardi.

HashCash è una società che si pone come obiettivo la gestione di transazioni internazionali monetarie fra istituzioni finanziarie ad alta velocità e basso costo attraverso il network HCnet, seguendo un modello simile a quello di Ripple, dichiarando la possibilità di giungere sino a 3000 tps.

Raj Chowdhury, con la sua esperienza come responsabile dell’innovazione presso l’indiana ICICI bank e per aver lavorato nel team di Stellar ed Hyperledger, è sicuramente la persona giusta per poter svolgere un importante ruolo di guida in questa società.

Rimane però il fatto che i token HCX, che costituiscono il cuore della sua ricchezza, non sono attualmente listati su nessun exchange rilevante, né su Coinmarketcap se ne trova alcuna quotazione.

L’unico dato di valore certo che viene fornito dal sito Hashcashconsulting è che il token vale poco più di 20 centesimi di dollaro.

Il valore di un token, come di qualsiasi bene fungibile, non è determinato in modo teorico ma dal valore di scambio sul mercato, per cui il signor Raj è sicuramente ricco, magari anche più ricco di quanto dichiarato, ma per ora la sua ricchezza rimane solo teorica.  

Simona Naldi
Simona Naldi

Laureata in materie scientifiche, blogger, editor per libri in lingua inglese, public relation per autori di libri.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.