banner
Oxford, la sfida delle virtual currency alle valute fiat
Oxford, la sfida delle virtual currency alle valute fiat
Criptovalute

Oxford, la sfida delle virtual currency alle valute fiat

By Simona Naldi - 22 Ago 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Due studiosi della facoltà di legge dell’Università di Oxford, Rosa Maria Lasta e Jason Grant Allen, stanno analizzando con profondità le sfide regolamentari, quindi legali, del mondo delle criptovalute.

In un report pubblicato sul sito del comitato ECON del Parlamento Europeo, i due ricercatori iniziano da una chiara distinzione: le Virtual currency (VC, Valute virtuali) private come bitcoin, e le VC pubbliche, emesse dalle banche centrali o da altri enti statali.

Lo studio non si ferma certo a questa sola divisione. Anche perché per gli studiosi la comparazione fra le VC con gli strumenti finanziari già presenti come forme di pagamento elettronico (future, azioni o titoli di credito), crea alcune difficoltà analitiche.

In sostanza, emerge come l’introduzione di uno strumento completamente nuovo abbia messo in luce (e anche in crisi), definizioni finora ritenute chiare e incontrovertibili legate alla finanza.

Questa opacità fa rende necessario analizzare prima le caratteristiche tecniche e le funzioni economiche, per poi successivamente passare a definizioni di carattere legale.

Il problema della definizione legale delle VC è principalmente un problema di confini, intesi da diversi punti di vista:

  • Fra entità, o criptovalute, regolate e quelle che sono al di fuori di ogni regolazione;
  • Fra diverse giurisdizioni nazionali;
  • Fra mondo reale e cyberspazio, che rende ancora più difficile l’applicazione delle norme a un mondo virtuale.

Un problema per ora ritenuto secondario, ma che in futuro può diventare essenziale, collegato all’emissione delle VC private, è legato al fatto che modificano la quantità di moneta in circolazione senza il controllo o l’approvazione della Banca Centrale.

Questa quantità di moneta “fuori controllo” impatta il mondo finanziario ordinario attraverso vari canali:

  • entità regolate che creano VC;
  • entità non regolate che offrono servizi di carattere finanziario;
  • entità regolate che fanno prestiti per la partecipazione e nuove VC;
  • entità regolate che promuovono servizi finanziari offerti da VC.

Insomma, si può creare una profonda commistione fra un mondo nuovo poco regolato e poco regolabile, e un mondo tradizionale e altamente regolato.

E questo in futuro creerà conflitti che necessitano una regolamentazione.

Il report si occupa anche del tema delle CBVC, valute virtuali emesse da banche centrali o comunque da enti statali.

Un caso particolare è quello dell’Estcoin, la valuta proposta dallo Stato estone, combattuta dalla BCE perché contraria al suo statuto che ammette solo l’euro come moneta a corso legale nella UE.

Un’opposizione talmente forte, quella dell’Eurotower, da aver condotto al ritiro della proposta.

Nello stesso tempo, per gli studiosi, l’idea di E-euro, un euro in forma di VC, potrebbe avere una qualche utilità nel superare la completa dicotomia fra autorità fiscali e monetarie che si è venuta a creare nell’area euro con la creazione della BCE.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.