Ethereum vs EOS, il cambiamento di rotta delle DApp
Ethereum vs EOS, il cambiamento di rotta delle DApp
Blockchain

Ethereum vs EOS, il cambiamento di rotta delle DApp

By Aneta Karbowiak - 18 Set 2018

Chevron down

Ethereum vs EOS, le due blockchain si stanno giocando il titolo per la migliore mainnet per lo sviluppo delle DApp.

Read this article in the English version here.

La mainnet di EOS è stata attivata soltanto tre mesi fa e già gode di oltre 200 applicazioni live o in fase di sviluppo.

Per fare una comparazione, sulla rete Ethereum ci sono circa 1800 DApp create, però, in tre anni.

Quindi, la blockchain di Ethereum, che è stata lanciata il 30 luglio 2015, non ha di certo raggiunto un grado d’adozione iniziale comparabile a quello di EOS, anche se bisogna mettere in considerazione che è stata la prima piattaforma per le applicazioni decentralizzate.

EOS ha adesso una tale velocità di crescita che in breve tempo potrebbe sorpassare il suo competitor principale. Ci sono alcuni fattori che stanno contribuendo a questo sorpasso: per esempio, la velocità di EOS è oltre le 4000 transazioni per secondo (TpS), le transazioni hanno fee quasi nulle e la sicurezza è maggiore.

Non è quindi tanto strano che ci siano già DApp che scelgono di spostarsi da Ethereum alla blockchain di EOS.

Non si tratta certo di una scelta facile in quanto bisogna riscrivere il codice delle DApp da Solidity al linguaggio C++, ma queste difficoltà vanno in secondo piano se si tengono presenti i vantaggi della migrazione.

Ethereum vs EOS, tutte le app che si sono spostate

Unico

Uno dei primi progetti che, dopo un’iniziale esplorazione di Ethereum ha scelto EOS come piattaforma, è stato quello di una startup italiana, Unico. Dopo una prima versione dello smart contract creata per Ethereum per emettere collezionabili, venderli e consentire scambi decentrati tra i collezionisti, il team ha deciso di spostarsi su EOS.

In meno di due settimane dal rilascio della DApp, Unico ha raggiunto oltre 2000 download e punta a “diventare il punto di riferimento degli NFT su EOS” come dichiara Ivan D’Ettorre, CTO di Unico. Gli smart contract sono stati già pubblicati su testnet e mainnet, ma il team si aspetta ancora più download appena verranno rilasciati i token e verranno fatti gli airgrab e airdrop.

Medipedia

Medipedia (MEP) è un’app dedicata alla sanità. Eliminando gli intermediari dalle interazioni paziente – servizio sanitario si pone come un attore importante nel crescente settore del turismo sanitario.

L’applicazione utilizza la tecnologia blockchain per collegare automaticamente il paziente con il servizio ricercato e altre offerte relative alla sanità.

Medipedia era originariamente basata su Ethereum ma, dopo un’attenta analisi e comparazione delle due blockchain, il team ha preso la decisione di portare il progetto su EOS perché “la scalabilità e la velocità delle transazioni sulla rete Ethereum sono limitate”.

La startup ha voluto guardare al futuro e ha dichiarato nel suo blog che “man mano che la rete Medipedia cresce con il tempo, la struttura del contratto intelligente di Ethereum non sarà l’ideale per l’obiettivo di Medipedia di fornire servizi sanitari standard globali in tempo reale.”

Tixico

Il 10 luglio scorso Tixico ha annunciato lo spostamento della propria DApp da Ethereum a EOS. Tixico è una piattaforma per l’acquisto di biglietti per eventi quali sport e concerti.

Tixico elenca i vantaggi della piattaforma EOS e spiega il motivo dietro alla decisione del cambiamento sul proprio blog: “Sebbene Ethereum sia ampiamente utilizzato e per molti è la scelta più ovvia sul mercato in quanto gli smart contract hanno molte possibilità, la velocità delle transazioni è notevolmente inferiore a quella richiesta dalla nostra piattaforma. Questa è una delle cose che abbiamo visto come un problema e dovevamo fare qualcosa al riguardo.”

EOSBET

Di solito, quando viene lanciata una nuova blockchain, le prime applicazioni ad apparire sono quelle di giochi ed EOS non fa differenza.

EOSBET è una startup che è partita su Ethereum, ma successivamente ha scelto EOS per il maggiore volume delle transazioni che, in una settimana, ha raggiunto 18.1 mln e che la blockchain di Vitalik Buterin non ha potuto supportare nei tempi minimi.

Già a febbraio e ancora prima del lancio della mainnet di Larimer, EOSBET aveva rilasciato dei giochi in versione beta. Il team dietro la dapp si è espresso sul motivo dello spostamento del progetto, motivando così: “Le carenze ben documentate della rete Ethereum hanno creato molti problemi con cui abbiamo avuto a che fare negli ultimi mesi. In parole povere, i nostri giocatori meritano un’esperienza utente migliore di quella che può essere offerta su Ethereum, e per questo la stiamo costruendo su EOS.”

Siccome EOSBET ambisce a diventare un casinò online, scrive nel suo blog: “Ethereum riesce a malapena a supportare una semplice DApp da gioco, per non parlare di un casinò su scala commerciale”.

Billionaire Token

Anche Billionaire, che prima era basato sullo standard ERC20 di Ethereum, ha scelto di spostarsi su EOS.

Insights Network

Il team di Insights Network ha scritto che “sebbene Ethereum abbia in programma di aumentare il limite attuale di circa 21 transazioni al secondo (in particolare con Casper, Plasma e Raiden), siamo stati attratti dalla mentalità del team EOS per costruire una blockchain progettata per scalare sin dall’inizio.”

La maggiore scalabilità, una larga community dei developer, la sicurezza e le transazioni senza commissioni sono stati i fattori principali per questa decisione.

Oltre ai progetti menzionati, ci sono anche altri che, dopo aver valutato altre blockchain come Lisk, Ark, Neo e Icon, hanno scelto EOS.

Sentinel Protocol, per esempio, un mercato B2B che punta a fornire servizi finanziari a tutti gli underbanked si era spostato su ICON, ma in seguito si è spostato su EOS e il team ha dichiarato che la scelta è stata necessaria a causa di un contrattempo nella roadmap di ICON che non rispecchiava il loro calendario di sviluppo.

Con una mainnet così giovane ma già tanto popolare, ci si può aspettare un vero e proprio boom di utenti non appena Daniel Larimer finirà di costruire la sua piattaforma social su EOS. Il developer spera anche che la sua idea di Universe Basic Inheritance (URI) porterà all’adozione di massa.

D’altro canto, EOSfinex, exchange decentralizzato di Bitfinex, ha già annunciato che, durante l’evento Blockchain Live di Londra del prossimo 26 settembre, si terrà la presentazione ufficiale della versione beta della piattaforma.

 

Aneta Karbowiak
Aneta Karbowiak

Laureata in Biologia all'Università degli Studi di Genova, si è presto interessata allo sviluppo delle applicazioni mobili e dei chat bot. È entrata nel mondo dell'editoria come manager di un sito di sport inglese dove ha gestito un team di dieci persone. Appassionata della tecnologia blockchain e delle criptovalute, ha cominciato a scrivere per Qubithacker.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.