Brendan Blumer, EOS: “Blockchain porterà alla rivoluzione sociale e trasformerà i governi”
Brendan Blumer, EOS: “Blockchain porterà alla rivoluzione sociale e trasformerà i governi”
Blockchain

Brendan Blumer, EOS: “Blockchain porterà alla rivoluzione sociale e trasformerà i governi”

By Aneta Karbowiak - 7 Mar 2019

Chevron down

Brendan Blumer, il CEO di Block.one, la compagnia che ha creato il software EOS.IO, ha parlato ieri al quarto DC Blockchain Summit 2019, tenutosi a Washington, della tecnologia blockchain che “porterà alla rivoluzione sociale” e “trasformerà i governi in piattaforme di sviluppo”.

Read this article in the English version here.

Tra i rappresentanti del Congresso Blockchain Caucus degli Stati Uniti e altri personaggi importanti del governo americano erano presenti anche i personaggi più influenti della tecnologia blockchain e della finanza, tra i quali

  • Brad Garlinghouse, il CEO di Ripple,
  • Anoop Nannra, responsabile di blockchain presso Cisco,
  • Tom Jessop di Fidelity Investments e Matthew Roszak di Bloq.

Lo scopo dell’incontro era quello di discutere con gli innovatori tecnologici di tutto il mondo e con i responsabili delle politiche e autorità di regolamentazione sui problemi che hanno un impatto sul crescente scenario blockchain. Blumer è stato interrogato sull’influenza che questa tecnologia avrà sul commercio, regolamentazioni, sicurezza e sul business.

Sotto la visione e leadership di Blumer e di Daniel Larimer, Block.one ha aiutato EOS a diventare tra le più importanti ICO – attualmente la 4° blockchain per il valore della capitalizzazione – e ha portato alla creazione di una comunità di sviluppatori molto vivida che è al centro di questa tecnologia.

La blockchain permette di trasferire e conservare i dati in tutta sicurezza e in modo trasparente così che quando avvengono dei cambiamenti ognuno li può vedere, cosa che prima era offuscata.

“Mi piace vedere che internet ci sta portando a un nuovo tipo di infrastruttura per la conservazione dei dati digitali” ha detto Blumer rispondendo alle domande basi sulla tecnologia in questione.

“La criptovaluta è solo un’unità di conto. Sono proprio come le pagine Excel. Puoi usarle per tenere traccia di tutto il che significa che possono essere qualsiasi cosa – da un token di utilità che può essere usato per rappresentare la nostra presenza qui in questa conferenza, le criptovalute possono essere una security il che significa che puoi usarle per le attività in titoli, possono essere merce o qualsiasi cosa si possa immaginare”.

La blockchain e la rivoluzione per i governi

Blumer si è espresso soprattutto sulle implicazioni della blockchain per i governi e di come essa può migliorare le sue operazioni.

“Blockchain trasformerà i governi in piattaforme di sviluppo. Se si dà un’occhiata a come sono strutturati oggi i governi, la maggior parte delle azioni e dell’esecuzione e tutto ciò che fa è quasi esternalizzata. Noi esternalizziamo l’applicazione dell’intero sistema finanziario a organizzazioni private come banche ecc. che applicano le polizze, ma una volta che si prende un qualcosa come l’USD e lo metti su una blockchain, permetti alla blockchain o all’USD di essere programmabili e questo trasforma la valuta in una piattaforma di sviluppo con la quale le persone si possono integrare.

Proprio ora, quando costruiamo prodotti e servizi, lo facciamo con i vincoli dell’USD. Siamo in grado di effettuare trasferimenti ogni tanto, sono costosi, lenti e costruiamo prodotti attorno a questi limiti, ma in futuro una volta che le leggi sulla giurisdizione e le leggi sulle tasse saranno codificate nel dollaro stesso, le imprese potranno costruire la loro tassa sui governi come valute fiat e questo cambierà drasticamente l’impresa e in che modo l’impresa può interfacciarsi direttamente con il governo contrariamente alle braccia di terzi o ai tradizionali sistemi bancari e legali.

Permette ai governi di estendere la giurisdizione e automatizzare la regolamentazione a un livello che non è mai accaduto prima, ma la realtà è che automatizzando la regolamentazione si inizia a digitalizzare come funzionano le cose e si rimuove molta ambiguità su come le aziende dovrebbero lavorare. Quando ci sono regole rigide codificate nella valuta stessa, questo consente alle persone di essere conformi, affinché le persone costruiscano le cose nel modo giusto”.

A livello militare, Brendan Blumer pensa che la blockchain risolverà un sacco di problemi legati alla sicurezza nazionale.

All’improvviso, una notte negli ultimi 10 anni, ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che una delle più grandi minacce alla sicurezza per il paese era Facebook

Visto che i dati stanno diventando il nuovo petrolio, ci si rende conto che le più grandi aziende al mondo non possono proteggerli.

Gli stessi problemi di sicurezza riguardano il DNS, che non è sicuro. L’identità è la cosa più preziosa che abbiamo e i dati che la riguardano non possono essere gestiti da una società privata perché il rischio che vengano rubati e utilizzati per fini illeciti o altro è troppo grande.

“Blockchain chiude un sacco di scappatoie di sicurezza di cui il governo deve preoccuparsi oggi”.

Brendan Blumer blockchain rivoluzione

Come sarà il mondo quando avverrà la tokenizzazione?

Il CEO di Block.one parlando della tokenizzazione e dell’infrastruttura necessaria affinché essa possa avvenire, così ha commentato:

“Bitcoin ha un grosso limite di scalabilità perché può processare circa 3 TPS, ma mentre andiamo avanti, progetti come EOS che possono scalare a decine di migliaia TPS, hanno costi nominali, un secondo di conferma e Inter Blockchain Communication dove si possono avere milioni di blockchain che lavorano senza problemi nel back-end e che può scalare, questo è ciò che ci vuole per costruire qualcosa dove puoi mettere ogni like, ogni contenuto, social media, Uber, AirBnb tutti sulla blockchain e noi abbiamo architettato l’infrastruttura che può scalare e questo è ciò che succederà quest’anno”. 

Negli ultimi tempi Facebook ha subito tante critiche che riguardano la privacy e la gestione dei dati. Mark Zuckerberg ha detto ieri che vuole fare il rebranding al social media focalizzato sulla privacy:

“Capisco che molte persone non pensano che Facebook possa o vorrebbe anche costruire questo tipo di piattaforma incentrata sulla privacy, perché francamente non abbiamo una solida reputazione per la creazione di servizi di protezione della privacy, e storicamente ci siamo concentrati su strumenti per una condivisione più aperta”,

Così ha scritto in un post sulla sua pagina Facebook intitolato “Una visione incentrata sulla privacy per i social network “.

Zuckerberg ha scritto nel suo post che il nuovo Facebook verrebbe costruito attorno a obiettivi principali come interazioni private, crittografia, permanenza, sicurezza, interoperabilità, archiviazione sicura dei dati e tutto ciò attraverso la famiglia di app di Facebook, tra cui Instagram, Messenger e WhatsApp.

A tal proposito, ha detto Blumer:

“La prossima versione di Facebook non sembrerà un’organizzazione privata perché sfrutta un codice open source perché blockchain consente alle comunità open source di rivoluzionare le aziende così come le conosciamo oggi, quindi la prossima versione di FB sarà una community distribuita in cui blockchain riconoscerà automaticamente il valore che viene creato attraverso contenuti, consumi di contenuti, token e l’open source creerà organizzazioni competitive”

Blumer ha parlato anche dell’impatto rivoluzionario che la blockchain avrà sul settore bancario. Tutti i soldi sono messi in banca e la banca investe per conto dei clienti. Quando ci sarà la tokenizzazione, ogni prodotto avrà un token.

In questo momento è difficile per le persone mettere soldi altrove che in una banca, ma in futuro le persone avranno la possibilità di mettere valore in cose che capiscono così che cosa cambierà è che i soldi fluiranno dalle banche e incideranno sul valore creazione.

“Crea un effetto domino che cambia il mondo intero. Ciò che questa tecnologia sta facendo sta portando alla rivoluzione sociale. Le comunità possono creare organizzazioni più competitive rispetto alle tradizionali strutture aziendali. Siamo in una fase molto iniziale di questa rivoluzione. Blockchain ha qualche limitazione di ridimensionamento ma presto non avrà importanza su quale blockchain i dati siano archiviati finché possono comunicare attraverso IBC che è attualmente sotto lo sviluppo di Block.one. L’esperienza sarà senza soluzione di continuità”.

 

Aneta Karbowiak
Aneta Karbowiak

Laureata in Biologia all'Università degli Studi di Genova, si è presto interessata allo sviluppo delle applicazioni mobili e dei chat bot. È entrata nel mondo dell'editoria come manager di un sito di sport inglese dove ha gestito un team di dieci persone. Appassionata della tecnologia blockchain e delle criptovalute, ha cominciato a scrivere per Qubithacker.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.