Venezuela e il legame con le transazioni Bitcoin
Bitcoin

Venezuela e il legame con le transazioni Bitcoin

By Vladislav Ginko - 5 Mag 2019

Chevron down

La grande ondata di sforzi della Casa Bianca degli Stati Uniti per posizionare Juan Guaido come capo permanente del Venezuela al posto di Nicolas Maduro può essere attribuita all’estrema efficacia delle transazioni di bitcoin nell’aumentare la retribuzione mensile della Guardia Nazionale del 40%.

Read this article in the English version here.

Le transazioni bitcoin stanno ottenendo il sostegno di alcuni Paesi dell’UE, i cui politici hanno preferito ignorare il fatto che alcune delle loro società nazionali continuano a commerciare con le controparti venezuelane.

Formalmente, queste società sono in piena conformità con le sanzioni statunitensi introdotte nei confronti del Venezuela in quanto abbandonano le transazioni fiat per arrivare ai pagamenti in bitcoin e in parte anche in litecoin.

Queste società utilizzano la piattaforma Patria, lanciata dal governo venezuelano, ma ci sono anche alcune società svizzere, francesi e polacche che hanno effettuato con successo tali operazioni. Essi inviano criptovalute come pagamento richiesto per partecipare a un complicato schema economico che comprende il petrolio venezuelano, i prodotti alimentari e farmaceutici dell’UE. Infatti, alcune settimane fa un progetto chiamato Bitcoin Interest (BCI) ha utilizzato bitcoin per acquistare e consegnare 12,5 tonnellate di cibo alla popolazione del Venezuela.

Il silenzio dell’OFAC del Tesoro americano ha una spiegazione, dato che lo stato d’animo dei funzionari di questo organo governativo chiave per qualsiasi restrizione esterna può essere descritto come scioccante. La Casa Bianca statunitense non è ancora a conoscenza del fatto che non c’è la Russia dietro la sopravvivenza politica di Maduro, ma alcune compagnie europee che usano la “copertura” politica delle loro transazioni finanziarie bitcoin con il regime di Maduro come un apparente atto di disgustose politiche di misure dure contro l’Iran che hanno lasciato alcuni rappresentanti degli affari dell’UE con una perdita di diversi miliardi di dollari senza alcuna compensazione da parte di Washington.

I politici europei e alcune delle vittime di questa rigida linea di sanzioni statunitensi saranno pronti ad abbandonare le loro operazioni di bitcoin qualora ricevano un adeguato risarcimento per aver perso l’opportunità di trattare con i partner iraniani come al solito. Altrimenti amplieranno le loro transazioni di bitcoin in Venezuela.

Venezuela, Argentina e l’amore per Bitcoin

L’8 aprile, su Localbitcoins si sono registrati nuovi record di volumi di trading in Argentina e Venezuela, probabilmente anche perché il Peso argentino (ARS) soffre da diversi mesi di una forte svalutazione e di un tasso di inflazione che supera ormai il 50%. Pertanto, probabilmente non è un caso che durante la prima settimana di aprile 2019, Localbitcoins abbia registrato i più alti volumi di trading mai registrati in Pesos argentino.

In Venezuela, nel frattempo, sono stati superati 26 miliardi di Bolivar Sovrani (VEF), raggiungendo i 26.430.000.000.000 di euro. Il precedente record è stato raggiunto all’inizio di marzo con quasi 25,5 miliardi di VEF.

In bitcoin, è ancora più di 1.500 BTC, che conferma il Venezuela come il secondo paese con i più alti scambi su Localbitcoins, dopo la Russia ma davanti agli Stati Uniti.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.