Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

La correlazione tra l’halving di Bitcoin del 2020 e la bull run
La correlazione tra l’halving di Bitcoin del 2020 e la bull run
Bitcoin

La correlazione tra l’halving di Bitcoin del 2020 e la bull run

By Rayne Davis - 15 Mar 2020

Chevron down

Esiste la convinzione che l’halving di Bitcoin porti con sé un aumento del prezzo, pertanto ci si aspetta lo stesso anche per quello che avverrà nel 2020.

Questo vale se si guarda all’andamento dei prezzi poche settimane dopo gli halving precedenti. Ma è opportuno guardare a queste tendenze alla luce di una bull run, ovvero di un mercato rialzista? In tal caso, possiamo essere sicuri che sia l’halving ad aver causato la bull run? 

Queste sono domande particolarmente interessanti che potrebbero offrire un’idea di ciò che potrebbe accadere a maggio 2020, ovvero quando si verificherà il terzo evento di halving di Bitcoin.

Storia degli halving di Bitcoin e delle bull run

Purtroppo, i dati sugli halving e la loro correlazione con le bull run non sono così abbondanti come si potrebbe pensare. Occorre tuttavia notare che ci sono stati due halving prima del prossimo di maggio e che entrambi sono stati seguiti da un aumento del prezzo. In entrambi i casi, il prezzo è sceso raramente ai livelli del giorno dell’halving, anche durante i bear market (mercati ribassisti). 

Il primo halving si è verificato il 28 novembre 2012. All’epoca, il prezzo di bitcoin si aggirava intorno ai $12 USD e ha continuato ad aumentare dopo un breve calo nelle settimane successive all’halving. In realtà, si può dire che la bull run è iniziata da lì ed è durata fino alla disfatta di Mt Gox che ha causato il crollo dei mercati all’inizio del 2014.

Con il secondo halving è possibile vedere uno scenario simile. Il 9 luglio 2016 il prezzo di bitcoin si aggirava intorno ai 650 dollari. Subito dopo l’halving c’è stato un calo di breve durata e poi una corsa inarrestabile fino a quasi 20.000 dollari, conclusasi nel dicembre 2017. 

Due halving sono sufficienti per arrivare a una conclusione?

È proprio qui che i dati e la logica iniziano a scontrarsi. Bitcoin ha appena 11 anni e ha avuto 2 halving. In occasione del terzo halving di maggio, l’89% di tutti i BTC sarà già stato estratto. Quindi, questo innescherà lo stesso tipo di reazione del mercato che hanno avuto i due halving precedenti? 

I grafici logaritmici – in grado di misurare le variazioni percentuali rispetto alle variazioni assolute del prezzo – potrebbero fornire una migliore visione complessiva. Nei grafici su scala logaritmica, possiamo vedere che dopo ogni halving c’è un aumento del prezzo, ma è molto più moderato dopo il secondo halving. In altre parole, la presunta bull run dopo il secondo halving non è neanche lontanamente spettacolare come quella che ha seguito il primo.

Il nuovo halving di Bitcoin potrebbe essere meno significativo

Esaminando la serie di dati molto limitata – 2 eventi in 11 anni – sul grafico logaritmico, sarebbe ragionevole ipotizzare che il conseguente aumento del prezzo dopo il prossimo halving, potrebbe non somigliare affatto ad una bull run. 

Questo è paradossale, soprattutto se si considera il fatto che il nuovo dimezzamento della fornitura di bitcoin consentirà ai miner di incrementare l’offerta di BTC dall’89% al 95,37% durante il prossimo periodo di estrazione. 

Se la domanda continua a mantenere i livelli attuali, allora questo dimezzamento della fornitura dovrebbe essere sufficiente a generare un’incredibile bull run. Tuttavia, gli effetti dell’halving riguardano solo il lato dell’offerta di bitcoin. 

La domanda di bitcoin stabilirà il ritmo della prossima bull run dopo l’halving

Questo è l’elemento chiave che molti non vedono quando considerano l’evento dell’halving di Bitcoin come la scintilla per la prossima bull run. Non solo i dati storici sono limitati per fare qualsiasi tipo di ipotesi sicura, ma si presume anche che la domanda continuerà a crescere.

Forse l’effetto psicologico del calo della fornitura di bitcoin creerà abbastanza FOMO (paura di essere tagliati fuori) da far scattare la scintilla per la bull run. Questo sarebbe direttamente correlato al halving, ma tutto dipende da come vengono considerati i numeri. 

In realtà, anche se l’offerta di Bitcoin sarà superiore al 95% del massimo dopo la fine di questo prossimo periodo di halving, questi eventi stanno rallentando la velocità con cui i rimanenti BTC stanno entrando nel mercato. 

Osservando il mercato in questo modo, si potrebbe ottenere l’effetto psicologico opposto. Dopo tutto, la differenza tra l’89% e il 95% dell’offerta massima è così grande dal punto di vista psicologico?

L’adozione è l’unico fattore che può portare ad una bull run sostenuta

Questi effetti psicologici sono tipici anche in un ambiente dominato dai trader. Indipendentemente dal fatto che si entri in una bull run dopo il prossimo halving o meno, è in gran parte slegato dall’adozione di Bitcoin. L’adozione è il modo migliore per sostenere la domanda, il che a sua volta renderebbe tali dimezzamenti della fornitura più preziosi per coloro che guardano al prezzo – i trader.

La correlazione tra gli halving di Bitcoin e le bull run è una polarizzazione sul lato dell’offerta.

Di conseguenza, si può dire che, anche se le poche indicazioni relative alle bull run di Bitcoin sono in qualche modo correlate con gli halving, considerare i dati in questo modo è assolutamente parziale. In effetti, coloro che vedono questo scenario soffrono di una polarizzazione sul lato dell’offerta di Bitcoin. Il lato della domanda è una componente critica; l’halving potrebbe avere solo un effetto psicologico marginale su questo lato dell’equazione.

Anche dopo aver considerato il lato della domanda, è necessario comprendere che ci sono altri fattori che potrebbero essere correlati ad una bull run. Questi includono fattori esogeni – come l’eccesso di liquidità nei mercati tradizionali dovuto ad anni di quantitative easing – e potenziamenti che rendono Bitcoin più utile – come SegWit e la successiva implementazione del Lightning Network. 

È importante cercare di valutare questi fattori quando si guardano i grafici dei prezzi, siano essi lineari o logaritmici. 

In definitiva, questi fattori sono un po’ più difficili da separare, quindi è possibile che non saremo mai in grado di capire la correlazione tra gli halving di Bitcoin e le bull run in modo preciso.  

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.