Come funzionano le tasse sulle crypto nel Regno Unito
Come funzionano le tasse sulle crypto nel Regno Unito
Regolamentazione

Come funzionano le tasse sulle crypto nel Regno Unito

By Michael Kuchar - 18 Apr 2020

Chevron down

Le crypto non sono esenti da tasse nel Regno Unito, ma come e quanto vengono pagate?

L’evasione fiscale è un reato. In ogni caso, si possono pagare le tasse solo quando si sa di doverlo fare.

Gli investitori e i trader di crypto nel Regno Unito sono stati obbligati a pagare le tasse negli ultimi anni. HMRC (Her Majesty’s Revenue and Customs) – l’ente di riscossione delle imposte nel Regno Unito – ha pubblicato un documento orientativo su come queste tasse devono essere pagate e in quali casi si applicano.

A causa dei recenti avvenimenti, l’HMRC ha sicuramente una visione approfondita delle tasse crypto. Nel 2018, la Crypto Assets Task Force ha presentato all’HMRC un rapporto speciale che ha portato al rilascio della guida fiscale. 

Inoltre, nel 2019 l’ente ha effettuato varie richieste di informazioni da parte di Coinbase e di altri importanti exchange di criptovalute nel 2019, richiedendo dettagli sugli investitori crypto del Regno Unito.

In che modo l’HMRC vede le crypto

Le criptovalute sono valute digitali che esistono su una blockchain. Tuttavia, l’HMRC considera le criptovalute come asset (crypto-asset) e per loro è un tipo di asset relativamente nuovo. Non considerano le criptovalute come denaro o qualsiasi altra forma di valuta.

L’attenzione fiscale si concentra su tre tipi di crypto-asset, ovvero gli utility token, i security token e gli exchange token. Questo copre praticamente qualsiasi forma in cui le criptovalute esistono, sono usate o sono trasferite.

Tuttavia, il regime fiscale è attualmente disponibile solo per gli exchange token, che sono le valute conosciute – BTC, ETH, XRP, LTC, ecc… Inoltre, i processi di tassazione non si basano sul tipo di token, ma piuttosto sul modo in cui viene utilizzato.

Quando è necessario pagare le tasse?

Secondo l’HMRC è necessario pagare le tasse sulle plusvalenze solo quando si vendono le criptovalute. Ciò consiste nello scambiare le criptovalute con le valute fiat (USD, GBP, EUR, ecc…) e scambiare una particolare criptovaluta con un’altra (BTC con ETH, BTC con LTC, ETH con XRP, ecc…).

Include anche l’invio delle criptovalute ad altre persone con le quali non siete affiliati in alcun modo (non sono il vostro partner civile, il vostro coniuge o un membro della vostra famiglia). In una transazione di questo tipo, si presume che sia stato effettuato un pagamento offline per la criptovaluta. 

Non è necessario pagare le tasse quando si regalano le criptovalute ai familiari o ai coniugi. Il pagamento delle tasse è esentato anche quando si effettuano donazioni crypto per beneficenza o situazioni simili.  

Anche le aziende i cui obiettivi includono il trading delle criptovalute sono soggette al pagamento delle tasse in base ai loro profitti. Ciò include gli exchange crypto e le piattaforme di trading che operano nel Regno Unito. 

La tassazione è in qualche modo sinonimo di imprese il cui business consiste nel trading di strumenti finanziari come azioni e titoli.

Altri casi in cui è necessario pagare le tasse includono il mining, lo staking e gli airdrop. Questo significa che le tasse si pagano quando si riceve un reddito dalla conversione di criptovalute, soprattutto quando il valore cambia.

Fattori che determinano l’importo delle imposte

 

Due fattori determinano l’importo delle tasse che si pagano nel Regno Unito. Questi sono l’aliquota fiscale marginale e la fascia d’imposta sul reddito. Tuttavia, viene imposto un limite di esenzione di 12.500 sterline, sia per i vostri guadagni che per gli utili derivanti dalla vendita di criptovalute. 

Tuttavia, le transazioni crypto con plusvalenze inferiori a £12.500 non richiedono il pagamento di tasse. Ma, la vendita di più criptovalute (con le plusvalenze effettive inferiori al limite di esenzione individualmente), con il risultato di un importo circa quattro volte superiore a £12.500, richiederà il pagamento dell’imposta sulle plusvalenze. 

Si prega di notare che se non si acquistano direttamente le criptovalute, ma ci si limita a speculare sui loro prezzi tramite i CFD (ad esempio, come quello che offre un popolare broker di CFD IQ Option UK), potrebbero essere applicati altri metodi di tassazione. 

Come viene calcolato l’importo delle tasse?

Il pooling assicura un processo semplificato per il calcolo dell’importo dell’imposta sugli utili da capitale crypto ai sensi della sezione 104 della legge britannica sulla tassazione degli utili da capitale del 1992 (Taxation of Capital Gains Act 1992). Questo metodo di calcolo è solitamente associato a tutti i beni che vengono trattati in modo anonimo, ovvero i particolari beni acquisiti o ceduti non vengono identificati.  

Il pooling comporta la separazione di ogni tipo di asset crypto che una persona potrebbe possedere in diversi pool. Supponendo che si investa in BTC, LTC e ETH, si tratta di tre pool. Ogni pool ha un costo ammissibile che cambia man mano che gli asset crypto vengono scambiati. Il costo ammissibile viene dedotto dall’importo totale del patrimonio derivato alla fine di un anno fiscale per rivelare la plusvalenza. Da questa plusvalenza viene addebitata l’imposta.

Esempio 1:

Nel marzo 2020, il signor X del Regno Unito acquista 3 BTC per 18.500 sterline. Entro gennaio 2023, vende le 3 BTC per 25.500 sterline. Il suo utile di £7.000 non sarà tassato considerando che l’importo è al di sotto del limite di esenzione fiscale – meno di £12.500.

Esempio 2:

Nell’aprile 2018, Miss Ann una imprenditrice con sede a Londra acquista 4 BTC per 24.400 sterline, 400 LTC per 15.000 sterline e 200 ETH per 28.000 sterline. Entro dicembre 2020, ha venduto 4 BTC per 31.000 sterline, 200 LTC per 11.000 sterline e 150 ETH per 24.500 sterline.

Ecco le sue plusvalenze:

Pertanto, il suo pagamento delle tasse sarà del 20% di 13.600 sterline, pari a 2.720 sterline.

Nota: lo stesso crypto-asset può essere separato dalla pool principale dopo lo stesso giorno e 30 giorni di regole speciali di pooling. Come tali, sono calcolati separatamente con diversi costi ammissibili.

Cosa si deve fare?

In qualità di crypto trader o investitore, è imperativo che registriate correttamente tutte le transazioni effettuate con le valute digitali. Gli importi delle tasse si basano principalmente sul valore della criptovaluta al momento della transazione. Il valore della criptovaluta è molto volatile, e senza una registrazione iniziale, calcolare il valore fiscale quando è il momento del pagamento può essere difficile. Di conseguenza, si potrebbe finire per pagare più di quanto si suppone.

Le piattaforme di scambio di criptovalute spesso registrano e salvano le transazioni crypto di tutti gli utenti per tali riferimenti. Potete fare affidamento su di esse, oppure potete fare la registrazione da soli utilizzando un qualsiasi strumento di registrazione.

In conclusione, come vengono tassate le criptovalute nel Regno Unito?

Sono finiti i giorni in cui il governo non aveva alcun interesse per ciò che accadeva nel mondo crypto. Nel Regno Unito, è necessario pagare le tasse per le criptovalute che si vendono per profitto.

I trader e gli investitori sono responsabili del pagamento delle tasse nel Regno Unito e in altri paesi europei. Se si effettuano transazioni crypto nel Regno Unito, le dichiarazioni dei redditi devono essere aggiornate per evitare di incorrere in sanzioni governative.

Avatar
Michael Kuchar

Michael Kuchar è un trader professionista di forex e di criptovalute. Quando Michael non analizza i grafici o non scrive sul suo blog, molto probabilmente viaggia o cerca di imparare a fare boxe senza essere ucciso.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.