banner
La spinta della BCE verso una valuta digitale della Banca Centrale
La spinta della BCE verso una valuta digitale della Banca Centrale
Regolamentazione

La spinta della BCE verso una valuta digitale della Banca Centrale

By Harriet Palmer - 19 Apr 2020

Chevron down

Diversi governi in tutto il mondo stanno iniziando a prendere in considerazione l’idea di creare una valuta digitale della banca centrale (CBDC) per i loro rispettivi Stati e sembra che la Banca Centrale Europea (BCE) si stia muovendo in questa direzione.

Dopo aver subito un crollo che ha fatto scendere i suoi prezzi da €6.950 a €3.537 da un giorno all’altro, Bitcoin continua a riconquistare la fiducia degli investitori muovendosi in una direzione positiva.

Infatti, alcuni trader di TradingView hanno addirittura previsto che il prezzo di Bitcoin salirà alle stelle a €8.637 entro la fine di aprile. Considerando che il tanto atteso halving è proprio dietro l’angolo, gli investitori e i trader possono aspettarsi che il prezzo di Bitcoin segua una tendenza al rialzo nei mesi a venire. 

Con FXCM che spiega quanto sia facile aprire un account di trading – con i neofiti che devono solo compilare un modulo di richiesta – non c’è da stupirsi che molti stiano cogliendo questa opportunità per iniziare a fare trading crypto.

Molti ipotizzano che questo ritrovato interesse per le valute digitali della banca centrale sia dovuto principalmente ai recenti eventi globali, che hanno spinto tutti quanti in situazioni particolari. Un grande esempio di uno Stato il cui interesse per la moneta digitale sembra essere salito in alto di fronte alla pandemia globale è quello degli Stati Uniti. 

I funzionari statunitensi hanno già redatto due progetti di legge di emergenza di stimolo economico per far ripartire l’iniziativa del governo di creare una CBDC, che si chiamerà eThaler e sarà emessa su Ethereum

Anche la Banca Centrale Europea (BCE) ha piani simili in materia di CBDC. All’inizio di quest’anno, la presidente della BCE, Christine Lagarde, ha espresso il suo sostegno alla partecipazione attiva della banca allo sviluppo di una CBDC che, a suo avviso, soddisferà la richiesta di pagamenti transfrontalieri più veloci e meno costosi. 

Oltre a valutare i costi e i benefici dell’emissione di una CBDC, la BCE ha anche formato una task force di esperti per lavorare a stretto contatto con le banche centrali nazionali al fine di determinare la fattibilità di una CBDC per la zona euro.

Nel suo discorso alla conferenza del Reinventing Bretton Woods Committee “Managing the Soft Landing of the Global Economy” dello scorso anno, Vitas Vasiliauskas, Presidente del Consiglio di amministrazione della Banca di Lituania e membro del Consiglio direttivo della BCE, ha enumerato alcuni dei vantaggi delle CBDC. 

Questi benefici includono pagamenti e regolamenti di sicurezza più efficienti, una migliore trasmissione delle politiche monetarie, una riduzione dei rischi di credito di controparte e di liquidità e tassi di deposito e di prestito più elevati.

Naturalmente, l’adozione di una CBDC ha anche i suoi svantaggi. Sulla base dell’esauriente documento di lavoro pubblicato dalla BCE, Forbes suggerisce che uno dei potenziali problemi è la mancanza di attenzione alla privacy o all’anonimato a causa delle preoccupazioni relative al riciclaggio di denaro. 

Il piano della BCE di utilizzare le grandi aziende orientate alla digitalizzazione come fornitori terzi metterà in discussione la quantità di dati che esse detengono sull’intera popolazione. Un altro problema sarebbe l’uso a più livelli della moneta digitale che presenterà la CBDC come un mezzo di scambio efficace e non come un deposito di valore. 

Questa situazione rende la CBDC una soluzione efficace per risolvere i problemi strutturali del sistema sottostante e le inefficienze delle banconote cartacee. 

Gli eventi recenti hanno portato diversi paesi e regioni a considerare l’integrazione della moneta digitale nei loro sistemi finanziari. Nel caso della BCE, sebbene siano già stati compiuti diversi sforzi, c’è ancora molta strada da fare prima che la banca possa emettere una propria CBDC.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.