Abkhazia: la crypto mining farm della Georgia
Abkhazia: la crypto mining farm della Georgia
Mining

Abkhazia: la crypto mining farm della Georgia

By Giorgi Mikhelidze - 13 Dic 2020

Chevron down

L’Abkhazia è stata una parte importante della Georgia nel corso della storia e ora è anche un importante centro per le attività di crypto mining.

Questa regione è stata tormentata da conflitti negli anni ’90 che hanno portato la Russia a sequestrare illegalmente l’Abkhazia. Pochi paesi riconoscono l’Abkhazia come stato sovrano e la maggior parte degli stati membri dell’ONU la proclamano parte della Georgia.

Il tema del crypto mining in Abkhazia è molto popolare. Ci sono molte mining farm presenti in Abkhazia da molto tempo. Nell’autunno del 2017, il tema dell’introduzione di una propria criptovaluta nel paese è stato discusso attivamente anche in Abkhazia. 

Le discussioni hanno visto la partecipazione di pessimisti e ottimisti. Ciò non sorprende, poiché oggi è difficile valutare in modo inequivocabile tali prospettive. Alcuni hanno parlato dei vantaggi del mining di Stato, altri della rete elettrica danneggiata. 

I problemi energetici dell’Abkhazia non sono iniziati ieri

Ogni anno le infrastrutture energetiche delle città e dei villaggi dell’Abkhazia risultano deteriorate, il che porta a incidenti permanenti. I costi dell’energia elettrica estremamente bassi non incoraggiano le imprese locali e i residenti a risparmiare denaro. Allo stesso tempo, solo la metà dei consumatori paga regolarmente l’elettricità. 

L’Abkhazia è un territorio conteso e quasi tutto viene utilizzato per il mining a causa dei bassi costi dell’elettricità e delle tasse pressoché nulle.

Rispetto alla Georgia, il territorio ha anche molte operazioni di mining che hanno integrato le crypto nell’economia su una scala decente. Le crypto stanno diventando sempre più popolari in Georgia e molte industrie le stanno già adottando come metodo di pagamento. 

I casinò online hanno iniziato a prendere in considerazione la possibilità di incorporare le crypto come metodo di pagamento, ma attualmente è impossibile usare Bitcoin per giocare alle slot nei casinò georgiani.

Il periodo d’oro e il divieto delle crypto mining farm in Abkhazia

I bassi prezzi dell’elettricità in Abkhazia e la mancanza di qualsiasi controllo sulle attività dei miner hanno attirato un numero considerevole di persone in Abkhazia desiderose di ottenere Bitcoin. La febbre delle criptovalute è cominciata. 

I cittadini russi e i loro partner dell’Abkhazia hanno costruito mining farm su tutto il territorio. C’erano abbastanza farm di questo tipo nelle strutture statali. Il consumo di energia elettrica aumentò notevolmente, il che influì immediatamente sullo stato delle reti elettriche locali, dove le tensioni diminuirono ancora di più e gli incidenti divennero quasi quotidiani. Di conseguenza, le autorità hanno esaurito la pazienza. 

Nel novembre 2018, Raul Khajimba ha ricevuto un report del direttore generale della Black Sea Energy Company, Aslan Basaria, sulla situazione dell’energia in Abkhazia, dopo di che è stato deciso di sospendere le mining farm. 

Alla fine di dicembre 2018 è stata adottata la risoluzione “Sulle misure temporanee per limitare il consumo di energia elettrica da parte di alcune categorie di abbonati” e, all’inizio di gennaio 2019, in Abkhazia sono state disattivate 15 mining farm. 

Prospettive di crypto mining in Abkhazia per il 2020

In generale, il mining è ora ufficialmente vietato in Abkhazia. All’inizio del 2019, il divieto delle mining farm sarebbe stato a lungo termine. 

L’energia dell’Abkhazia è in una situazione difficile in questo momento. Nell’estate del 2019, il Ministero dell’Economia dell’Abkhazia ha preparato un disegno di legge per regolamentare le attività dei miner, ma poi ha avviato una tumultuosa campagna elettorale, e all’inizio dell’anno l’opposizione ha costretto alle dimissioni del “presidente” appena eletto. Nella primavera del 2020 l’epidemia del coronavirus ha complicato i piani di miliardi di persone, anche in Abkhazia. 

 Tuttavia, l’Abkhazia non sarebbe l’Abkhazia se il divieto del crypto mining fosse stato rigorosamente rispettato. Ci sono ancora molte grandi mining farm in tutta l’Abkhazia, con le quali le autorità dell’Abkhazia possono fare ben poco.  La posta in gioco è molto alta. 

Non è necessario aspettarsi seriamente che l’Abkhazia diventi un serio centro internazionale del mercato delle criptovalute. Almeno fino a quando non risolverà i problemi piuttosto dolorosi nel settore dell’energia e nel campo degli investimenti e dell’imprenditoria. 

Altrimenti, tutti i progetti assomiglieranno all’organizzazione di un torneo intergalattico di scacchi. Il mining in Abkhazia è un fenomeno puramente locale con la partecipazione di alcuni investitori russi.

Ovviamente, tutte le questioni sono risolte sulla base di una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, ma bisogna capire che nel piano legislativo la situazione è molto instabile. In Abkhazia, la crisi energetica è in fiamme, da ottobre 2020 sono iniziate interruzioni di corrente dei ventilatori ogni giorno per 8 ore al giorno. 

Una crisi di questo tipo con carenza di energia elettrica avrebbe potuto essere evitata se le “autorità” dell’Abkhazia avessero introdotto fin dall’inizio quote di consumo di energia elettrica per i miner. 

Come sempre, invece di sfruttare le opportunità del mining a vantaggio dello Stato, i funzionari hanno creato alimentatori separati e problemi per tutti gli altri – lo Stato, i cittadini e i miner onesti.

Per quanto riguarda l’introduzione della criptovaluta statale dell’Abkhazia, molto dipenderà dalle tendenze che prevarranno su questo tema in Russia. Il disegno di legge sulle regole di regolamentazione della moneta digitale, introdotto nel parlamento russo nella primavera del 2019, è ancora fermo. Inoltre, questo documento definisce solo che i token sono proprietà e che è illegale utilizzarli come sistema di pagamento. 

Conclusione

Sognando, è possibile immaginare come alcuni anni dopo la creazione della propria criptovaluta, l’Abkhazia possa rinunciare al denaro ordinario. Ci saranno ovunque mining farm, e gli investimenti crypto si diffonderanno nella regione.

Tuttavia, l’attuazione di questo compito costerà almeno un miliardo di dollari. E soprattutto, sarà necessario risolvere qualche altro problema interno all’Abkhazia, che purtroppo non è stato risolto per decenni.

 

Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.