Azioni Gamestop: ascesa, tracollo e conseguenze
Azioni Gamestop: ascesa, tracollo e conseguenze
News dal Mondo

Azioni Gamestop: ascesa, tracollo e conseguenze

By Eleonora Spagnolo - 20 Feb 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Le azioni di Gamestop dopo il rally delle scorse settimane, sono tornate praticamente al punto di partenza. 

Anzi, sembrano orientate verso una discesa tanto repentina come repentina è stata la salita. Basti pensare che giovedì 18 febbraio hanno perso l’11%. 

Tuttavia il caso Gamestop ha aperto una profonda riflessione su quello che è avvenuto, sull’importanza dei social e delle app. È un caso di speculazione, sia per quel che riguarda i piccoli investitori di WallStreetBets, sia per quel che riguarda gli hedge fund.

Cosa è successo con le azioni di GameStop

GameStop a dicembre dello scorso anno era un’azienda in forte crisi. Quotata in borsa dal 2004, ha accusato due tipi di crisi: 

  • l’evoluzione verso il digitale dal gaming, che ha reso poco profittevoli le catene di negozi fisici,
  • la pandemia. 

A dicembre 2020 il fondo RC Ventures ha acquisito il 13% della società per 76 milioni di dollari presentando un piano di rilancio incentrato sull’ecommerce. A gennaio le azioni di GameStop crescono passando da 4 a 18 dollari. 

Ma nonostante questo, gli hedge fund scommettono sulla fine di GameStop. Per questo Melvin Capital e Citron Research iniziano a vendere allo scoperto le azioni di GameStop. 

La vendita allo scoperto funziona così: il fondo si fa prestare le azioni, e le vende, il prezzo scende, quindi il fondo le ricompra ad un prezzo inferiore e le restituisce a chi le ha prestate, guadagnando sulla differenza. 

È qui che subentra WallStreetBets, il forum di Reddit dove i “piccoli investitori” hanno notato che erano in vendita il 130% delle azioni in circolazione: già questo spiega un mercato non sano. Sfruttando una semplice legge di mercato, cioè che all’aumento della domanda aumenta anche il prezzo, gli investitori retail hanno iniziato a comprare in massa le azioni di GameStop. Questo ha fatto lievitare il prezzo delle azioni, fino al picco massimo di 483 dollari. Più il prezzo delle azioni di GameStop cresceva, più aumentava l’esposizione debitoria degli Hedge Fund, non più in grado di ricomprare delle azioni improvvisamente lievitate di prezzo. 

La narrativa vuole che un gruppo di piccoli investitori tramite una semplice app di trading abbia messo in scacco i grandi della finanza. La storia però non è proprio così semplificabile, perché poi Robinhood ha interrotto il trading di Gamestop, la SEC ha acceso i fari sulla vicenda e persino il Congresso degli Stati Uniti nei prossimi giorni ascolterà i protagonisti di questa vicenda: gli esponenti degli Hedge Fund, il CEO di Robinhood, quello di Reddit e uno youtuber. 

Le conseguenze

Marco Bernasconi su Tradingview ha commentato:

“L’effetto GameStop ha causato queste conseguenze:

Gli investitori professionali sono adesso preparati ad una maggiore volatilità del mercato.

I politici di Washington si stanno ponendo il problema delle conseguenze negative di questo sui mercati”.

Insomma, l’impennata delle azioni di Gamestop potrebbe portare a cambiare la regolamentazione.

Ma quel che è sicuro è che la frenesia da Gamestop è stata talmente esagerata che nei giorni scorsi è emerso che ben 359 milioni di dollari, pari a 2 milioni di azioni, non sono mai stati consegnate a chi le aveva acquistate. È quel che ha rilevato Bloomberg. Questo è un indizio che dimostra che si sono messe sul mercato azioni che di fatto non c’erano. 

Sulla necessità di una regolamentazione si è pronunciato anche Bill Gates. Il founder di Microsoft, alla CNBC, che si è detto contro questa speculazione che ha paragonato a delle scommesse:  

“La gente si diverte a giocare d’azzardo. Purtroppo, è un gioco a somma zero. L’idea che tu guidi una valutazione molto, molto al di là di ciò che è razionale, è difficile da vedere socialmente come un buon uso del tempo. E, sapete, le persone che entrano presto ottengono un guadagno. Quelli che entrano tardi si sentono dei fessi”.

Per questo bisogna intervenire e regolamentare la speculazione, proprio come è regolamentato il gioco d’azzardo: 

“I forum Reddit dove la gente ha un motivo per spingere qualcosa e uscire a quei prezzi alti, sapete, la [Securities and Exchange Commission] deve guardare questo perché non pensiamo al mercato azionario come ad un ruolo da casinò. Abbiamo restrizioni sulle attività di gioco d’azzardo”.

Ed è una buona ragione per frenare anche le scommesse che viaggiano sui mercati.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.