banner
Il Wyoming consolida la sua posizione nel mondo delle criptovalute
Il Wyoming consolida la sua posizione nel mondo delle criptovalute
Criptovalute

Il Wyoming consolida la sua posizione nel mondo delle criptovalute

By Giorgi Mikhelidze - 7 Mag 2021

Chevron down

Abbiamo visto i luoghi che sono soprattutto hub per l’investimento o il trading di criptovalute, e ultimamente, il Wyoming sembra essere uno di questi

Quando si parla di criptovalute, esistono diverse associazioni nei loro confronti. A volte le persone sono scettiche a causa del fatto che si tratta di valute virtuali e non sono in grado di vedere o toccare l’asset.

Inoltre, i governi hanno diverse regolamentazioni sugli asset crypto in quanto non c’è un’opinione condivisa su di essi e su ciò per cui possono essere usati. Tuttavia, la domanda sul mercato e la popolarità delle valute virtuali è aumentata soprattutto durante la pandemia Covid, poiché molte persone sono state costrette a lasciare il loro posto di lavoro a causa della mancanza di lavoro e hanno dovuto trovare l’alternativa per generare qualche profitto finanziario o addirittura un reddito. 

Trasformazione del Wyoming 

Nel mondo delle criptovalute, la transizione del Wyoming in un booster di blockchain è famosa. Fino a poco tempo fa, i cittadini di quel paese non erano in grado di utilizzare un account Coinbase a causa delle rigide regole per il trasferimento di denaro. Invece, il Wyoming ha approvato 13 regolamenti sulla blockchain negli ultimi due anni, con una serie di altri piani in arrivo. Cosa vuole dalla blockchain lo stato meno popolato del paese, che si trova lontano dai centri tecnologici e ha una lunga storia di essere sinonimo di una insostenibile dipendenza dallo sfruttamento delle risorse?

“L’ethos della blockchain e l’ethos del Wyoming sono molto simili”, dice Caitlin Long, co-fondatrice della Wyoming Blockchain Coalition, un’organizzazione di advocacy incaricata di promuovere la legislazione crypto-friendly, molte delle quali sono di natura libertaria. Gli sforzi del Wyoming riflettono il mosaico di statuti statali del paese, che è sorto nella mancanza di linee guida federali coerenti. Alcune città, come New York, sostengono un’applicazione rigorosa. Il programma Bitlicense dello stato, lanciato nel 2015, comporta una rigorosa procedura di screening per le imprese che desiderano fare affari con i cittadini di New York, suscitando critiche che scoraggiano la creatività. 

Leggi e regolamenti

Lindholm e Long hanno collaborato sulle leggi relative alla blockchain per la prima volta due anni fa. Long, un ex dipendente della Morgan Stanley si è interessato dopo aver appreso che non poteva donare bitcoin alla sua alma mater, l’Università del Wyoming, a causa di leggi statali. In questo caso, i regolamenti sull’uso di bitcoin, sia che si tratti di uno scambio, acquisto, vendita, o anche il gioco d’azzardo Bitcoin per i clienti statunitensi non veniva considerato come azione legale. 

Lindholm, un sostenitore di lunga data delle criptovalute, aveva precedentemente tentato di affrontare la questione. I suoi colleghi, d’altra parte, hanno spesso correlato il bitcoin con la vendita di droga e truffatori. 

Long sostiene che presentando la blockchain come un mezzo per sostituire le tasse statali in calo dall’industria del carbone, la loro sorte è cambiata. Hanno introdotto disegni di legge che esentavano tali valute digitali dalle leggi statali sui titoli ed esentavano le criptovalute dalle tasse statali sulla proprietà, insieme agli avvocati di Consensys, una società che sviluppa e facilita le applicazioni Ethereum.

Questi regolamenti sono stati firmati, ed entro l’anno successivo, sono diventati la base per quello che Long si riferisce come una “struttura legale completa” per i proprietari di asset digitali e le imprese. Secondo Benjamin Sauter, un avvocato di Kobre & Kim che si occupa da vicino delle aziende di blockchain, l’impatto di queste leggi tende ad essere un po’ sommesso. Il problema è che la blockchain è intrinsecamente difficile da confinare in una singola giurisdizione. 

È facile tenere lontani i newyorkesi, ma è più difficile per un’organizzazione approfittare di regole più permissive in un singolo piccolo stato. Le aziende devono anche seguire i regolamenti federali su questioni come la legislazione sui titoli. L’anno scorso, la Securities and Exchange Commission ha indicato che tutti i token utilizzati nelle offerte iniziali di monete sono titoli, e quindi soggetti alla supervisione federale, senza stabilire alcuna regola specifica. Secondo Long, la decisione ha effettivamente affossato i tentativi del Wyoming di attirare le imprese ICO nello stato. Lindholm, che l’anno scorso ha co-fondato BeefChain, una startup blockchain che verifica la provenienza del bestiame di qualità del Wyoming, crede che il Wyoming sia sulla strada giusta per attirare le imprese che offrono più di una tassa di deposito di 100 dollari e un pacchetto PO di Cheyenne.

Aziende che, in altre parole, offrono occupazione e centri di creatività ai residenti del Wyoming. Come prima mossa, cita un paio di disegni di legge approvati a febbraio che forniscono una nuova forma di licenza bancaria crypto-friendly, nonché regole che consentono alle banche di conservare i beni digitali. Le banche fondate sotto la licenza non sarebbero assicurate dalla FDIC e sarebbero riluttanti a erogare prestiti perché sarebbe richiesto loro di tenere più del 100% delle loro obbligazioni in riserva. Avrebbero ancora bisogno di aprire un ufficio fisico nello stato. 

I sostenitori della blockchain del Wyoming stanno ora considerando alcune proposte meno convenzionali su come la blockchain potrebbe essere utilizzata nei servizi governativi, ora che è stato stabilito un quadro normativo. La Taskforce Blockchain del Wyoming ha ascoltato i risultati di un processo della contea di Teton per mettere i titoli di proprietà su un sistema di blockchain e un lancio da parte dei funzionari delle Bermuda per lavorare su una forma di identificazione digitale il mese scorso. Ha anche proposto di rendere il Wyoming un “porto sicuro” per gli sviluppatori che sono preoccupati di essere citati in giudizio per le azioni che si verificano sul software “decentralizzato” che creano ma su cui sostengono di non avere alcuna influenza.

Riassumendo 

Infine, per riassumere, il quadro generale dei regolamenti crypto negli Stati Uniti è abbastanza visibile dagli esempi menzionati sopra. Il sistema della giurisdizione e le sue leggi sono difficili da capire, poiché richiede molte procedure. Le leggi e i regolamenti sono diversi da stato a stato in quanto richiedono l’approvazione del governo federale e di quello statale. 

La ragione per cui ora possiamo considerare il Wyoming come il posto migliore per svolgere le attività legate alle criptovalute consiste nelle sue leggi e regolamenti recentemente adottati che facilitano la situazione in termini di restrizioni. Si ritiene inoltre che questo caso avrà un effetto di ricaduta anche sugli altri stati. 

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.