Bitcoin meglio dell’oro contro l’inflazione

by

3 minuti di lettura

Pubblicato su: 3-08-2021

Negli ultimi 12 mesi bitcoin è stato migliore dell’oro come copertura contro l’inflazione. 

È quanto riferisce su Twitter Anthony Pompliano, facendo notare l’enorme differenza che c’è stata nel rendimento dei due asset nell’ultimo anno. 

Infatti l’oro l’anno scorso di questo periodo valeva circa 1.960 dollari l’oncia, mentre ora è sceso poco sopra i 1.800$. 

In altre parole negli ultimi 12 mesi ha perso quasi il 10%. 

A dire il vero fino a fine marzo la perdita era ancora più pesante (-14%), ma poi ha recuperato un po’. 

Bitcoin invece l’anno scorso in questo periodo valeva circa 11.000$, mentre ora veleggia attorno a quota 38.000$, ovvero più di tre volte tanto. 

Anzi, fino ad aprile aveva un prezzo superiore di oltre 5 volte a quello di 12 mesi fa, poi però è sceso. 

Invece l’inflazione negli USA negli ultimi 12 mesi è stata del 5,4%, iniziando a crescere in particolare a febbraio. 

Infatti fino a gennaio era rimasta sotto quota 1,5%, ma già a febbraio era salita all’1,7%, con una crescita che si è acuita a partire da marzo, per poi esplodere ad aprile. 

Prendendo in esame solamente gli ultimi sei mesi, ovvero da febbraio a giugno, il prezzo dell’oro è sceso complessivamente dell’1,4%, sebbene prima con una forte discesa fino a marzo, e poi una forte risalita da aprile a maggio, seguita da un ulteriore calo. 

Invece il prezzo di bitcoin da febbraio è salito del 18%, sebbene con una vera e propria impennata fino ad aprile, una forte discesa fino al 20 luglio, ed una risalita a partire dal 21 luglio. 

Quindi sia prendendo in considerazione gli ultimi 12 mesi, ovvero il medesimo periodo su cui si calcola l’inflazione annuale, sia prendendo in considerazione solo gli ultimi 6 mesi, ovvero da quando l’inflazione negli USA si è impennata, bitcoin comunque batte l’oro di almeno un ordine di grandezza. 

Oro e bitcoin nei periodi di crisi

Bisogna però sempre ricordare che oro e bitcoin, sebbene possano essere considerati entrambi come coperture contro l’inflazione, differiscono nettamente dal punto di vista finanziario perlomeno per una caratteristica: l’oro infatti viene considerato risk-off, mentre ovviamente bitcoin deve per forza essere considerato risk-on. Questo fa sì che durante i periodi di maggior crisi l’oro rimanga un bene rifugio privilegiato, mentre nei periodi di crescita molti investitori tendono a puntare su BTC per la sua maggiore volatilità.

by

Articolo Precedente

Articolo Successivo