Evergrande colpisce i mercati mentre la Cina vieta le crypto
Evergrande colpisce i mercati mentre la Cina vieta le crypto
Criptovalute

Evergrande colpisce i mercati mentre la Cina vieta le crypto

By Crypto Advertising - 28 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Evergrande, uno dei più grandi sviluppatori immobiliari commerciali cinesi, che si presume possieda più di 1.300 progetti in 300 città in tutta la Cina, sta crollando a causa del debito di oltre 300 miliardi di dollari. 

La cedola che colpisce i mercati

Il settore immobiliare rappresenta circa il 20% del PIL cinese, secondo le stime di alcuni economisti. Essendo la seconda più grande economia del mondo, qualsiasi crollo in questi settori importanti potrebbe avere effetti a catena sui mercati globali.

Lunedì scorso, l’S&P 500 ha visto grandi oscillazioni quando le azioni di Evergrande sono crollate del 19% al suo livello più basso in più di dieci anni.

La settimana di cattive notizie riguardo Evergrande è continuata con il mancato pagamento di una cedola di 83,5 milioni di dollari su una delle sue obbligazioni denominate in dollari. Il secondo maggiore azionista della società, Chinese Estate Holdings, ha poi annunciato di aver scaricato il 13% della sua partecipazione in perdita e potrebbe scaricare l’intera quota nei prossimi mesi.

I media e i mercati sono stati inondati da conversazioni su come il caos nel mercato immobiliare cinese potrebbe estendersi a tutta l’economia mondiale.

Evergrande Cina
Crisi Evergrande si ripercuote sui mercati

I timori che il gigante immobiliare cinese possa innescare un “momento Lehman”, in cui il crollo dei mutui subprime del 2008 ha avuto un effetto domino sull’economia mondiale, hanno dilagato la scorsa settimana. Il sentimento prevalente era che il debito dominava il mondo e Evergrande lo ha dimostrato ancora una volta nel 2021. 

Nel tentativo di alleviare le paure del mercato, la banca centrale cinese (PBoC) ha iniettato più di 18,5 miliardi di dollari (120 miliardi di yuan) nel sistema bancario. 

Le crypto ora sono un asset class integrato a livello macro

Per quanto riguarda le criptovalute, i prezzi sono crollati lunedì scorso in un diffuso sell-off di mercato, innescato dalle preoccupazioni del catastrofico default del debito di Evergrande, prova del fatto che le criptovalute stanno diventando un asset class macro-integrato con correlazioni più elevate agli eventi macro.

CoinMarketCap ha registrato perdite di oltre 250 miliardi di dollari nei mercati delle criptovalute e il valore delle criptovalute globali è sceso a meno di 1,9 trilioni di dollari. La piattaforma di analisi Bybt ha registrato un totale di 1,2 miliardi di dollari di crypto futures liquidati.

Mentre i prezzi crollavano, il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha twittato che il paese aveva seguito la strategia del “buy the dip” – 150 bitcoin (circa 6,5 milioni di dollari), portando il totale detenuto a 700 monete. 

Cina vieta crypto
Il tweet di Bukele

L’annuncio di mercoledì di Evergrande di aver risolto il pagamento di una cedola, un’obbligazione del 5,8% scambiata a Shenzhen che scade nel 2025, ha causato un rimbalzo di breve durata sia per le crypto che per i mercati globali (Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq). Il giorno seguente, il gigante immobiliare cinese è andato in default sul pagamento del suo bond denominato in dollari per 83,5 milioni di dollari, facendo ripiombare i mercati nell’incertezza.

Di conseguenza, le misure di conformità prese contro il più grande exchange di criptovalute del mondo, Binance, hanno visto la piattaforma porre delle restrizioni agli utenti di Singapore per quanto riguarda l’utilizzo dei suoi servizi. Questo segue simili pressioni normative globali da Hong Kong, Malesia, Thailandia, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti e Germania negli ultimi mesi,  

La People’s Bank of China ha anche dichiarato venerdì scorso che aveva intenzione di prendere provvedimenti contro le criptovalute. Sul loro sito web, la PBoC sostiene che tutte le attività crypto svolte in Cina sono illegali.

Questo include il trading di asset digitali, altcoin, emissione di token e derivati. Inoltre, la PBoC afferma anche che le attività all’estero che coinvolgono direttamente la Cina sono anche illegali. Il prezzo di BTC ha perso quasi il 5%, mentre ETH è sceso di oltre l’8% dopo l’annuncio.

Crackdown delle crypto – crollo del mercato – recupero del mercato a nuovi massimi – si ripeterà?

Nonostante sia chiaro che i mercati delle criptovalute si stanno muovendo in un ambiente di mercato molto più vulnerabile, nonostante tutti i titoli scoraggianti, la community sembra prendere tutto con le pinze.

Cina vieta le crypto
Cina e mercati delle criptovalute

Considerando che questa non è la prima volta che la Cina ha affermato che le criptovalute sono illegali, gli investitori non sono eccessivamente preoccupati perché annunci come questo seguono un ciclo che si è svolto dal 2017: La Cina si abbatte sulle crypto – i mercati crollano – i mercati si riprendono e raggiungono nuovi massimi – a ripetizione.

Nonostante si possa dire che le motivazioni del governo cinese dietro a misure repressive come questa generalmente ruotino intorno all’emissione dello Yuan digitale, il CBDC cinese, alcuni ambienti hanno associato sia il giro di vite sulle crypto che il giro di vite sulle fintech alla crisi di Evergrande. 

Cina vieta le crypto

Secondo un analista di mercato con sede in Cina, Weston Nakamura, la presa di mira delle big tech e dell’élite fintech è un tentativo del governo di ottenere il sostegno populista prima di un “salvataggio” di Evergrande utilizzando i soldi dei contribuenti.

“Evergrande verrà soccorsa, e più verrà aiutata, più sarà necessario intervenire (su altri settori) solo per questioni di immagine”, ha detto Nakamura in un podcast di Real Vision, credendo che la Cina alla fine interverrà per ridurre al minimo l’impatto del debito di Evergrande sull’economia.

Un accordo in cui Evergrande viene ristrutturato in tre entità separate è presumibilmente in fase di finalizzazione da parte del partito comunista cinese, con lo sviluppatore immobiliare che si trasforma in un’impresa statale. L’obiettivo principale è quello di arginare qualsiasi effetto economico diffuso che un’insolvenza della portata di Evergrande causerebbe sull’economia cinese.

Gli ultimi mesi hanno visto la Cina mettere un freno alle grandi piattaforme tecnologiche che hanno spazzato via un valore significativo da titoli come Alibaba, Didi e Tencent.

La recente dichiarazione che il trading di Bitcoin e altre criptovalute è un’attività criminale segue un modello di CCP che prende di mira enormi piattaforme tecnologiche, questa volta nello spazio di trading crypto. A partire da questa stesura, grandi exchange cinesi come Huobi e Bitmart, per citarne solo alcuni, hanno iniziato a limitare gli utenti cinesi dall’utilizzare le loro piattaforme.

  • Da Cecilia Wong, Managing Partner (Singapore) e Amirsan Roberto, co-fondatore di Sinofy Group. Sinofy è una società di gestione di consulenza tecnologica end-to-end con sede a Shanghai.
Crypto Advertising

Vuoi un tuo articolo pubblicato su Cryptonomist? Vuoi pubblicizzare il tuo progetto crypto? Contattaci su [email protected]

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.