Crypto e regolamentazione, i gemelli inseparabili. Un dibattito inevitabile – Parte 1
Crypto e regolamentazione, i gemelli inseparabili. Un dibattito inevitabile – Parte 1
Regolamentazione

Crypto e regolamentazione, i gemelli inseparabili. Un dibattito inevitabile – Parte 1

By Sheraz Ahmed - 4 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Il dibattito su come regolare l’industria delle criptovalute sembra non avere fine. Le discussioni su crypto e regolamentazione stanno diventando sempre più accese man mano che l’industria cresce, e ci sono crescenti preoccupazioni da parte dei regolatori.

Un dibattito agli albori

Quello che è iniziato nei primi giorni come una discussione accademica su come classificare Bitcoin o Ethereum, è stato poi rapidamente oscurato dal boom delle ICO. Da allora l’industria è cresciuta sia verticalmente che orizzontalmente. La maggior parte dei servizi che si trovano nel tradizionale mondo finanziario “fiat”, si possono ora trovare replicati anche sulla blockchain; exchange, stablecoin, FX trading, servizi di prestito – per nominarne solo alcuni. La lista sta crescendo, così come la sua popolarità.

Sebbene alcune aziende abbiano cercato di allineare i loro servizi con i regolamenti esistenti o con i regolamenti futuri attesi, altre aziende hanno preso provvedimenti per evitare la regolamentazione. Questi provvedimenti sono stati radicali, come ad esempio il trasferimento dell’attività in un nuovo paese, o meno gravi, prendendo misure come la modifica di un’offerta esistente, la rimozione della possibilità di utilizzare i derivati durante il trading spot di crypto-asset, l’aggiunta di più misure KYC o KYB, il cambiamento della narrativa nel marketing, ecc.

Una buona regolamentazione finanziaria è difficile da ottenere, e c’è una sottile distinzione tra troppa regolamentazione, che può soffocare l’innovazione, e troppo poca, che può portare a danni per gli investitori. Nel mondo finanziario tradizionale, spesso scopriamo una mancanza di regolamentazione solo una volta che si verifica uno scandalo o una crisi. Quello che sembrava essere un buon approccio conservativo negli anni ’70 può sfociare in una crisi negli anni ’80. Oppure una liberalizzazione ben intenzionata della regolamentazione negli anni ’90 può finire con una crisi finanziaria negli anni 2000.

Il punto chiave qui è guardare l’intento. Nelle democrazie liberali, la regolamentazione ha lo scopo di bilanciare le forze occasionalmente concorrenti di incoraggiare l’innovazione, la concorrenza e l’accesso equo al mercato, con quelle di proteggere i consumatori da rischi involontari e mantenere la stabilità del mercato.

Quando la banca vi nega un prestito per la casa, l’intento è quello di proteggervi come consumatori tanto quanto quello di proteggere la società da una nuova bolla immobiliare, assicurandosi allo stesso tempo che la banca rimanga in attività, salvaguardando i vostri risparmi. Il ruolo del regolatore è quello di assicurarsi che tutti noi possiamo fidarci delle istituzioni da cui dipendiamo e delle aziende con cui abbiamo a che fare. C’è una ragione per cui l’aviazione, le armi da fuoco, l’alcol e i prodotti farmaceutici sono pesantemente regolamentati.

Tutti questi regolamenti hanno richiesto tempo per essere messi in atto e per essere corretti. Non sono perfetti, ma sono meglio di qualsiasi altra alternativa.

regolamentazione crypto
La Cina ha bannato le criptovalute

Le discussioni che dobbiamo fare

I titoli dei giornali sono stati ultimamente dominati soprattutto dall’approccio dei regolatori statunitensi e cinesi. Mentre la Cina ha preso misure drastiche per vietare le criptovalute e i servizi legati alle criptovalute, i regolatori statunitensi sono scesi in campo chiedendo alle aziende legate alle criptovalute di adattarsi alle regole ritenute pertinenti per loro. Dunque la discussione negli Stati Uniti assomiglia alla sana discussione che tutte le democrazie funzionanti devono avere. Domande come: chi deve essere regolato? Quale attività ricade sotto quale regolamentazione? Quale dovrebbe essere la regolamentazione per quell’attività? E anche, quale regolatore è responsabile per l’attività in questione?

Siamo ancora agli inizi, e gli errori non mancheranno.

Un aspetto interessante della discussione è la relazione tra ciò che può essere fatto e ciò che dovrebbe essere regolato. Per esempio, la protezione dei dati non era molto discussa quando Internet è stato lanciato. Le sfide di allora erano molto diverse. Come organizzare i dati, come cercare i contenuti, dare alla gente l’accesso a internet, come occuparsi dei diritti d’autore, ecc, erano questioni più pressanti. È stato solo più tardi, quando questi problemi si sono attenuati e diverse condizioni di mercato sono maturate, che siamo stati in grado di iniziare a guardare alla protezione dei dati. Prima di poterci preoccupare del modo in cui aziende del calibro di Google, Apple e Facebook trattano i dati personali, dovevano prima venire alla luce.

Le difficoltà normative non possono annullare le opportunità offerte da mondo crypto/blockchain

Con le vaste opportunità che la tecnologia blockchain offre, c’è un’incredibile quantità di innovazione in corso. Sebbene alcuni di questi nuovi prodotti e servizi piacciano solo a pochi, servizi come gli smart contract, i servizi decentralizzati e gli exchange stanno avendo un impatto sul modo in cui consumiamo prodotti e servizi, e sfidando ulteriormente le istituzioni consolidate come banche e broker. Con tale impatto, è naturale attirare l’interesse dei regolatori.

Per esempio, per quale motivo qualcuno dovrebbe aprire un conto di risparmio presso la propria banca all’1% di interesse, quando le piattaforme di finanza decentralizzata (DeFI) offrono da 5 a 10 volte tanto? Perché perdersi la crescita di Amazon, solo perché non ci si può permettere il prezzo di una singola azione? Perché non comprare una frazione di un’azione? Perché accettare di pagare commissioni elevate e tempi di liquidazione tardivi quando si inviano soldi ai propri cari in difficoltà, quando si può farlo in modo molto più economico e veloce sulla blockchain?

Dall’altro lato, cosa succede quando la piattaforma DeFi vi taglia l’accesso, e i vostri risparmi non ci sono più? O quando il broker virtuale non esegue i vostri ordini di acquisto di azioni? O quando i terroristi finanziano le loro operazioni esattamente nello stesso modo in cui voi trasferite il denaro ai vostri cari?

Con nuove opportunità, emergono nuove minacce. La questione non riguarda la necessità o meno di una regolamentazione. Infatti, la struttura legale esistente di ogni giurisdizione è essa stessa una forma di regolamentazione che proibisce ai cattivi attori di commettere frodi, per esempio. L’idea che ci sia in qualche modo un posto “fuori” dalla legge è ingenua, ed è stata sfatata quando diversi tribunali hanno preso la giurisdizione su internet.

Piuttosto, la questione chiave riguarda il modo in cui la regolamentazione dovrebbe funzionare, e come dovrebbe essere sviluppata e applicata. Queste non sono domande facili a cui rispondere, ma come abbiamo dimostrato con internet, può essere fatto – e ci sono molte giurisdizioni che stanno provando una varietà di approcci. Un maggiore livello di comunicazione tra le imprese crypto e blockchain, le istituzioni finanziarie tradizionali e gli enti governativi/regolatori possono permettere a tutti noi di raccogliere i benefici dell’innovazione senza sacrificare la sicurezza.

Non perdetevi le parti due e tre di questa serie, dove spiegheremo più in dettaglio lo stato attuale della regolamentazione delle criptovalute in tutto il mondo, e come la regolamentazione può fungere da catalizzatore per la crescita dell’industria delle criptovalute. 

 

A cura del Dr. Ozan Özerk, fondatore di OpenPayd e James Burnie, Partner di gunnercooke per la regolamentazione dei servizi finanziari e FinTech.

 

Sheraz Ahmed

Esperto con una profonda comprensione dell'innovazione, Sheraz Ahmed ha fornito consulenza a centinaia di startup sull'implementazione di pratiche moderne per promuovere i loro obiettivi di business. Come Managing Partner di STORM Partners, un fornitore di soluzioni all-in-one, e come responsabile dello sviluppo del business presso la Crypto Valley Association, promuove la crescita, la collaborazione e l'integrità nell'ecosistema blockchain globale!

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.