HomeSponsoredBitcoin: cattive notizie dal G20 per BTC ma questa alternativa può cambiare...

Bitcoin: cattive notizie dal G20 per BTC ma questa alternativa può cambiare tutto

SPONSORED POST*

Arrivano cattive dal G20 che si è appena concluso in India che sta considerando la regolamentazione delle criptovalute in sintonia con le raccomandazioni del Fondo Monetario Internazionale (IMF) e del Financial Stability Board (FSB). 

Dopo un’iniziale inclinazione verso un divieto totale le autorità indiane hanno però rivisto la loro posizione riconoscendo la necessità di un consenso globale sulle regolamentazioni delle criptovalute.

Il recente vertice dei leader del G20 ha sottolineato le raccomandazioni IMF-FSB, enfatizzando l’importanza di regolamentazioni unificate pur consentendo ai Paesi di adottare regole più severe in base ai rischi percepiti.

Durante il Global Fintech Fest 2023, Nirmala Sitharaman, Ministro delle Finanze indiano, ha sottolineato la necessità di una cooperazione internazionale nella regolamentazione degli asset cripto. Ha evidenziato come le criptovalute vadano oltre i confini nazionali richiedendo una risposta globale coordinata.

Tuttavia, in India, le sfide nella definizione delle regolamentazioni cripto persistono. L’industria locale sta chiedendo agevolazioni fiscali a causa di un esodo di investitori, scatenato da politiche fiscali sfavorevoli. 

Una nuova tassa dell’1% sulle transazioni crypto e la rimozione delle detrazioni per le perdite hanno influenzato la redditività dei partecipanti al mercato.

L’impatto di queste notizie sul prezzo di Bitcoin oggi è negativo, con il BTC/USD in calo a causa delle reazioni degli investitori al panorama regolatorio incerto in India.

Analisi di Bitcoin (BTC)

Il prezzo di Bitcoin si aggira appena sopra i 25.500 dollari, con una potenziale resistenza a 26.200 dollari. 

I tentativi di superare la soglia dei 26.200 dollari hanno fallito, portando a dei pullback al di sotto dei 25.650 dollari. 

Tuttavia, il supporto rialzista intorno ai 25.350 dollari ha mantenuto il prezzo al di sopra dei 25.500 dollari.

Attualmente BTC viene scambiato al di sotto della soglia dei 26.000 dollari e della media mobile semplice a 100 ore, affrontando la resistenza della linea di tendenza ribassista vicino a 25.950 dollari.

La resistenza chiave si trova a 26.200 dollari e il suo superamento potrebbe segnalare un rally verso 26.750 dollari o addirittura 28.000 dollari.

Al ribasso, se i 26.000 dollari non verranno conquistati, il supporto è a 25.500 e 25.350 dollari, con il rischio di scivolare verso 24.500 o 24.000 dollari.

Alternative a BTC: Bitcoin BSC vola in prevendita

Nel vasto universo delle criptovalute Bitcoin rimane la moneta principale del mercato grazie a caratteristiche uniche. Esiste però un’alternativa appena arrivata in prevendita e capace di raccogliere in pochi giorni più di 1 milione dii dollari.

Stiamo parlando di Bitcoin BSC, valuta che si basa sulla robusta architettura di Bitcoin ma con l’aggiunta delle tecniche avanzate della blockchain. 

L’obiettivo? Cercare di superare i successi di altri derivati di Bitcoin, come Bitcoin Cash (BCH) che ha visto un incremento del 73%, mentre Bitcoin ha registrato una diminuzione del 2,3% nello stesso arco temporale.

E non è l’unico. BTC20, un altro derivato di Bitcoin lanciato appena un mese fa, ha registrato una crescita del 52%. Questi dati evidenziano l’interesse crescente per le criptovalute legate a Bitcoin.

Una delle caratteristiche distintive di Bitcoin BSC è il suo approccio rivoluzionario allo staking, una pratica che mira a stabilizzare il valore del token nel tempo.

Nonostante alcune piattaforme di staking abbiano recentemente perso il loro appeal, Bitcoin BSC ha adottato un sistema basato sulla BNB Smart Chain, con rendimenti calcolati sulle conferme dei blocchi di Bitcoin.

Gli investitori possono già monitorare l’efficacia di questo sistema in tempo reale attraverso la Dashboard di Bitcoin BSC.

Ma c’è di più. Bitcoin BSC offre un prezzo di ingresso estremamente competitivo, fissato a soli 0,99 dollari per token. Questo prezzo, che ricorda quello del Bitcoin nel 2011, potrebbe rappresentare un’opportunità d’oro per gli investitori, soprattutto in vista dell’imminente halving di Bitcoin, un fenomeno che storicamente ha innescato rialzi di prezzo.

Con una fornitura totale di 21 milioni di token e una struttura di distribuzione ben pensata, Bitcoin BSC sembra pronto a fare la sua mossa nel mercato cripto.

La prevendita, iniziata da poco, offre un’opportunità unica per gli investitori di entrare a un prezzo vantaggioso.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS