Interview with Marco Crotta: EarthBi Advisor

Share this article:

The answers from the Blockchain Expert

In view of the upcoming official announcements on the EarthBi project developments, our IEO Advisor Marco Crotta, blockchain expert, answers some questions to investigate the issue of transparency and guarantee that blockchain technology is able to offer to companies.

In fact, EarthBi intends to offer its clients the benefit of traceability of the certified bioplastic through blockchain.

Marco Crotta EarthBi Advisor

We hear a lot about the role of blockchain in business processes. How would you describe this situation?

Companies have finally started looking at the Internet of 2020. They are beginning to understand that there is a phenomenon that can no longer be ignored that will lead to a radical change in the way business is done, similar to what happened after 1990 with the Web. The parallels are stunning.

After an initial mistrust and distancing from such new technologies, invented by some nerds and which clearly break with the past, companies are starting to understand that, willy-nilly, these are bringing a change that is already at the door. They can either choose to be part of this change (like Amazon did) or to be left behind by their competitor that is already studying the blockchain.

The change we are talking about is not a trivial one: it is first of all a radical change of mentality and vision on how to communicate, on what is communicated, on what the true value is and how it moves. We are tackling fundamental points of the business and not in a soft way: they are small earthquakes that, understandably, all those who have a position to defend don’t like at all.

But pantea rei, and opposing or ignoring all this, it is a wrong move.

Blockchain changes everything, it forces transparency, the sharing of some data and the consequent responsibility on what one states. It is, therefore, a tool that rewards transparency and, in some ways, meritocracy. Not surprisingly, the firsts to benefit from it, are the small manufacturers, champions of excellence, that increased sales by demonstrating through blockchain their value compared to the giants of the trade.

Blockchain is therefore a profound change at cultural and mind level too. Many of those who oppose this change and do not accept this technology are simply not ready to change their point of view or mentality.

 

How much hype is the use of blockchain in business processes and how much, instead, is technology necessary?

In order for the process of blockchain data recording to be a guarantee of transparency, the blockchain itself must be transparent. The blockchain par excellence is the first one, which started everything, the Bitcoin blockchain.

This blockchain, and those derived from it, has a series of essential attributes: free, open, without central authorities, without barriers to entry, without hidden information, verifiable independently of anyone … in a word: PUBLIC.

Only that type of blockchains has a very high degree of reliability, security and can provide two fundamental features useful to the corporate world: guaranteeing the non-modifiability of the data and consequently guaranteeing a point-in-time to the information recorded in it. 

There are other tools called Distributed Ledger Technology or DLT (including so called Private Blockchains) sometimes confused (on purpose?) with blockchain mostly for marketing operations. Unfortunately, these are the eye-catchers of those companies that, as we said before, are not ready to make a real transition to a real blockchain. So they opt for the sort-of-blockchain but also get to sort-of-results. 

Actually, a private blockchain, precisely because of their private and non-transparent nature, cannot give all the guarantees that we have listed before for the public ones.

Take the case of the supply chain traceability. The purpose is (or at least should be) to give data to the public, to the final customer, or even just to the next company in the supply chain path.

It is clear that the recorded data must necessarily be public, independently verifiable by anyone (even and first of all by competitors, consumer associations and authorities), cross-referenced with others data, and above all immutable. If this were not the case, the value of the information would be that of a draft on a notebook.

Not only, if by design and choice, the data is written by a single person with exclusive access to a private system, or if access is provided only to a small group of companies, or if there is no way to conduct independent checks, then the intent is merely to ride the hype.

Using a public blockchain ensures transparency, the recorded data is therefore useful and brings added value. The result is a gain in terms of image and, possibly, also in market positions. And this time not by riding the fashion of the moment without having understood it (or hoping that others have not understood or studied it) rather by fully adopting and embracing the blockchain way of doing things, enjoying its fruits.

 

The EarthBi project will use blockchain for bioplastic traceability. What does it mean?

The EarthBi product can be either the finished product of a supply chain or an intermediate semi-finished product. It will be possible to track each lot and know quantities, origins, destinations. This brings many direct and indirect benefits, especially for customers and consumers.

Let’s take a toy manufacturer. By purchasing the raw material from EarthBi it will have a series of certifications, and may use them as a start point to which add further certifications about its toys. A QR Code attached to the product packaging (or other tagging system) will allow the consumer to receive a series of information on what he is buying.

The more complete and detailed the documentation is, the more guarantees are given.

 

What are the advantages for a client buying the EarthBi bioplastic certified on blockchain compared to competitors?

Let’s start with the main purpose: to fight plastic waste pollution by providing an alternative that has no impact on the environment and that can replace the current petroleum-based plastics. To achieve this, it is necessary that as many producers as possible convert to the use of bioplastics and abandon the polluting synthetic polymers.

This change is practically painless and immediate for any manufacturer.

However, there still is a small effort for companies that need a more direct and immediate motivation as could be the increase in sales. In this sense, EarthBi can be an advantage, given that more and more people are sensitized to the problem of pollution and therefore want to be able to choose a product that is less polluting or with environmental friendly packaging.

Moreover, another leverage is given by the laws that will outlaw disposable plastic in the near future, so the certification of the type of material used allows an unaltered production without the risk of any penalties.

For these two aspects to be effective, it is necessary to distinguish who uses bioplastics from those who don’t. The strongest, most transparent and binding guarantee for manufacturers is today represented by the blockchain technology. Using the blockchain to demonstrate to the customer, the consumer and the legislator that their product really makes use of biological materials alternative is therefore a unique advantage of EarthBi, both in terms of product, legality, quality and also of brand, positioning, marketing and message.

Finally, it must be considered that the use of blockchain for the traceability of the supply chain is also an internal tool for the company. Those who equip themselves with this technology benefit from higher level insight and control over their own business, finding points along the chain where they can make improvements.  

 

EarthBi: https://earthbi.io 


Leggi l’articolo in italiano:

Intervista a Marco Crotta: Advisor di EarthBi

Le risposte dell’Esperto Blockchain

In vista dei prossimi annunci ufficiali sugli sviluppi del progetto EarthBi, il nostro IEO Advisor Marco Crotta, blockchain expert, risponde ad alcune domande per approfondire il tema della trasparenza e garanzia che la tecnologia blockchain è in grado di offrire alle aziende.

EarthBi, infatti, intende offrire ai propri clienti il beneficio derivante da una tracciabilità della bioplastica certificata su blockchain.

Marco Crotta EarthBi Advisor

Si sente parlare molto del ruolo di blockchain nei processi aziendali. Come descriveresti questa situazione?

Le aziende hanno finalmente iniziato a guardare alla Internet del 2020. Stanno iniziando a capire che c’è un fenomeno che non può più essere ignorato che porterà ad un cambiamento radicale del modo di fare business pari a quanto avvenuto dopo il 1990 col Web. Su questo, i parallelismi sono sbalorditivi.

Dopo un’iniziale diffidenza e presa di distanza da tecnologine troppo nuove, inventate da qualche nerd e che rompono in maniera netta col passato, si è iniziato a capire che, volenti o nolenti, queste stanno portando un cambiamento che ormai è già alle porte. Le aziende possono scegliere se essere parte di questo cambiamento (come ad esempio fece Amazon) o se essere lasciate indietro dal loro competitor che sta già studiando la blockchain.

Il cambiamento di cui stiamo parlando non è cosa da poco: è innanzitutto un cambiamento radicale di mentalità e di visione sul modo di comunicare, su cosa si comunica, su quale sia il vero valore e come si sposti. Si vanno a toccare punti fondamentali del business e non li si tocca affatto piano: sono piccoli terremoti che, comprensibilmente, non piacciono affatto a chi ha una posizione da difendere.

Ma panta rei, ed opporsi o ignorare la cosa è una mossa sbagliata.

La blockchain cambia tutto, costringe alla trasparenza, alla condivisione di alcuni dati ed alla conseguente assunzione di responsabilità su quanto si certifica (il famoso metterci la faccia). È, per questo, uno strumento che premia la trasparenza e, per certi versi, la meritocrazia. Non sorprende che i primi a trarne beneficio siano i piccoli produttori campioni dell’eccellenza che, dimostrando con la blockchain il loro valore rispetto ai giganti del commercio, hanno visto un incremento delle vendite.

Blockchain è, dunque, un cambiamento profondo anche a livello culturale e di pensiero. Molti di coloro che osteggiano questo cambiamento e che non accolgono questa tecnologia, semplicemente non sono pronti a cambiare punto di vista e mentalità.

 

Quanto è hype l’utilizzo di blockchain nei processi aziendali e quanto, invece, è tecnologia necessaria?

Affinché il processo o i dati registrati sulla blockchain siano una garanzia di trasparenza, è necessario che la blockchain sia trasparente. La blockchain vera per antonomasia è la prima, quella che ha dato il via a tutto quanto, ovvero quella di Bitcoin.

Questa blockchain, come quelle da essa derivate, ha una serie di attributi irrinunciabili: libera, aperta, senza gestori, senza barriere all’ingresso, senza informazioni nascoste, verificabile indipendentemente da chiunque… in poche parole PUBBLICA.

Solo queste tipologie di blockchain hanno un altissimo grado di affidabilità, di sicurezza e possono godere di due caratteristiche fondamentali utili al mondo aziendale: dare garanzia della non modificabilità del dato e conseguentemente dare garanzia di data certa alle informazioni registrate lungo la catena.

Esistono altri strumenti chiamati Distributed Ledger Technology o DLT, talvolta confusi (o fatti confondere?) con la blockchain più che altro per operazioni di marketing, tra cui le blockchain private. Queste strizzano purtroppo l’occhio a quelle aziende che, come dicevamo prima, non sono pronte a fare una vera crescita attraverso la vera blockchain, e usano così delle simil-blockchain che però… portano a dei simil-risultati.

Le blockchain private infatti, proprio per la propria natura privata e non trasparente, non possono dare tutte le garanzie che abbiamo elencato prima per quelle pubbliche.

Prendiamo il caso della tracciabilità della filiera. Lo scopo è (o almeno dovrebbe essere) quello di dare dati al pubblico, all’acquirente finale, o anche solo al mio cliente diretto.

È evidente che i dati registrati devono necessariamente essere pubblici, verificabili indipendentemente da chiunque (concorrenza, associazioni di consumatori e autorità incluse), incrociabili con altri, e soprattutto immutabili. Se così non fosse, la valenza sarebbe quella di un appunto scritto su un block notes.

Non solo, se il dato è scritto da una sola persona su un sistema privato a cui solo lui ha accesso, o se l’accesso è fornito solo ad un gruppo di aziende, o se non si ha modo di fare delle verifiche, allora l’intento è solo quello di cavalcare l’hype.

Utilizzando una blockchain pubblica si garantisce trasparenza di registrazione, il dato è utile e porta valore aggiunto. Ne deriva un guadagno in termini di immagine e, probabilmente, anche di posizioni di mercato, e stavolta non perché si cavalca una moda del momento senza averla capita (o sperando che altri non l’abbiano capita o studiata) ma perché si è iniziato a ragionare e lavorare coerentemente con la blockchain, cogliendone i frutti.

 

Il progetto EarthBi utilizzerà blockchain per la tracciabilità della bioplastica. Cosa significa?

Il prodotto EarthBi potrà essere il prodotto finito di una filiera o un suo semilavorato intermedio. Sarà possibile tracciare ogni lotto e sapere quantità, provenienza, destinazione di essi. Questo porta molti vantaggi diretti ed indiretti, soprattutto per clienti e consumatori.

Prendiamo ad esempio un produttore di giocattoli. Acquistando la materia prima da EarthBi avrà una serie di certificazioni al riguardo, e potrà, a questo punto, usarle come base di partenza a cui aggiungere tutte le certificazioni del suo prodotto finale. Queste saranno recuperabili da un QR Code apposto sull’etichetta del prodotto, o altro sistema, che permetterà al consumatore di ricevere una serie di informazioni su cosa sta acquistando.

Più la documentazione che si può fornire è completa e dettagliata, maggiori sono le garanzie che si danno.

 

Quali sono i vantaggi per un cliente nell’acquistare la bioplastica EarthBi certificata su blockchain rispetto ai competitors?

Partiamo dallo scopo principale: combattere l’inquinamento da rifiuti plastici fornendo un’alternativa che abbia impatto nullo o quasi sull’ambiente e che possa sostituire le attuali plastiche derivate dal petrolio. Per fare questo è necessario che quanti più produttori possibili si convertano all’utilizzo di bioplastica ed abbandonino i polimeri sintetici inquinanti.

Questo cambiamento è praticamente indolore ed immediato per qualsiasi produttore.

Tuttavia, alla base, esiste uno sforzo per le aziende che necessita di una motivazione più diretta ed immediata come potrebbe essere l’aumento delle vendite. In questo senso, EarthBi può essere un vantaggio, dato che sempre più persone sono sensibilizzate al problema dell’inquinamento e vogliono quindi poter scegliere un prodotto meno inquinante o con packaging bio.

Non solo, un’altra leva è data dalle leggi che vieteranno prossimamente la plastica monouso, quindi la certificazione del tipo di materiale utilizzato consente di mantenere inalterata la propria produzione senza rischio di eventuali sanzioni.

Affinché queste due spinte siano efficaci, è necessario che si possa distinguere chi fa uso di bioplastica e chi no. La garanzia più forte, trasparente e vincolante per i produttori è oggi rappresentata dalla tecnologia blockchain. Poter dimostrare al cliente, al consumatore e al legislatore che il proprio prodotto fa realmente uso di materiali bio ed alternativi alla plastica attraverso blockchain è quindi un vantaggio di unicità di EarthBi, sia in termini di prodotto, legalità, qualità sia anche di brand, posizionamento, marketing e di messaggio.

Infine, c’è da considerare che l’utilizzo di blockchain per la tracciabilità della filiera offre anche un vantaggio interno aziendale. Coloro che si dotano di questa tecnologia matureranno più attenzione nel controllare la propria produzione interna ed interconnessa con gli altri soggetti-produttori, trovando punti lungo la catena in cui dove apportare eventuali migliorie.  

 

EarthBi: https://earthbi.io