Microplastic and Bioplastic in daily life

    0
    44

    Microplastic: an invisible risk

    If you think of the environmental plastic problem, the first images that come to mind are the accumulation of waste on the beaches, or whole waves of bags and containers abandoned in our seas and oceans. Not only, other impressive images are also those of sea turtles or giant whales found dead with mountains of plastic inside.

    All this bad waste management could appear as the only cause of global plastic pollution, but there is still another one … In fact, there are plastics that are invisible to the human eye and much more dangerous and harmful: microplastics.

    Microplastics are those small plastic particles with a diameter between 330 micrometers and 5 millimeters, which settle everywhere, becoming the main cause of pollution for human health and the environment.

    The most serious damages caused by the invasion of the microplastic are recorded above all in the marine and aquatic habitats, but also on the ground and even in our houses and, perhaps unconsciously, also in our body.

    In particular, these micro-particles of immortal plastic are the first toxic substances that are dispersed in the environment in which they are found, during the infinite process of decomposition of the plastic material.

    In this regard, here is how Mario Tozzi, Italian geologist and researcher at the Consiglio Nazionale delle Ricerche – CNR – recently commented on the microplastics:

    “These (plastic) fragments end up in the food chain and are actually taken by fish and seabirds to feed themselves and their offspring causing problems of various kinds including the choking of animals that eat these substances. We have arrived at an even more serious next step that these very small fragments are being inserted into the food chain, mixing almost from a genetic point of view with plankton, that is, forming a kind of mixed plastic and living organism, and moreover they concentrate even in the rocks forming a conglomerate made of rocks, sand fragments, small grains and tiny plastic particles: a real disaster. “

    Microplastic in the cosmetics and clothing sector

    How many times does it happen, over the course of a day, to deal with plastic? Bottles, containers, bags, cards and various objects are the first cases that can go through our mind, but if we talk about microplastic, there are other cases of contact that are not so obvious.

    In fact, to play a role in increasing the marine pollution with the consequent contamination of food and drink also for the human being, there are microplastics deriving from:

    • cosmetic products (exfoliating creams, toothpastes, creams, gels)
    • synthetic clothing (fleece clothes, sportswear, acrylic fabrics).

    Well, in everyday action, from the cleanliness and protection of our body to the choice of a fashion dress to wear, the dangerous plastic micro-particles are omnipresent.

    The toothpaste or exfoliating cream microgranules and synthetic fibers fragments of tissues have something in common. Both are composed of microplastics which, due to their microscopic size, cannot be effectively filtered and retained by purifiers.

    Therefore, whether it is the shower drain or the sink, or our home washing machine, the unfiltered microplastics also flow towards our seas and oceans, contributing to global pollution from plastic.

    In this regard, in the cosmetics sector, the fight against microplastic has already achieved important objectives.

    In fact, while in the US it has already been active since 2017, in Italy, the law called Legge di Bilancio of December 27, 2017 published in the Gazzetta Ufficiale, states as follows:

    “From January 1st, 2020 it is forbidden to market cosmetic products for rinsing with exfoliating action or detergents containing microplastics. [Microplastics are all those] solid plastic particles, insoluble in water, measuring 5 mm or less, intentionally added to cosmetic products “.

    In addition, in the same law, the sale and production of comfortable cotton swabs in plastic material is prohibited from January 1st, 2019.

    Bioplastic: the solution in everyday life

    Although bans on the production and sale of products containing microplastics may seem an intelligent and effective action against pollution, the introduction of alternative plastics in the processing system may also play a fundamental role.

    Imagine that we want to continue to brush our teeth with our toothpaste with microgranules or to wear comfortable and resistant clothes made of synthetic fabric, without having on the conscience the death of marine living beings. Thanks to bioplastic all this is now possible.

    The EarthBi project aims to be able to replace all the products created from plastic material with its own bioplastic, without modifying in any way the habits of the consumers or the producers in the material processing phase.

    earthbi payoff

    Micro-particles of the EarthBi bioplastic are, in fact, produced by PLA, which is based on sugar cane and glucose and therefore highly biodegradable.

    The fading over time of these particles also present in the cosmetic products and synthetic fabrics of the clothing sector created with bioplastics, will allow to safeguard the environment from the toxicity deriving from microplastic.

     

    EarthBi: https://earthbi.io 


    Leggi l’articolo in italiano:

    Microplastica e Bioplastica nella vita quotidiana

     

    La microplastica: un pericolo invisibile

    Quando si pensa al problema ambientale della plastica, le prime immagini a cui si fa riferimento sono l’accumulo di rifiuti sulle spiagge, oppure onde intere di sacchetti e contenitori abbandonati nei nostri mari e oceani. Non solo, altre immagini toccanti sono anche quelle di tartarughe marine o balene giganti trovate morte con all’interno montagne di plastica.

    Tutta questa cattiva gestione dei rifiuti potrebbe apparire come unica causa dell’inquinamento globale da plastica, ma c’è ancora dell’altro…Esistono, infatti, plastiche invisibili all’occhio umano e molto più pericolose e nocive: le microplastiche.

    Le microplastiche sono quelle piccole particelle di plastica con un diametro compreso tra i 330 micrometri e i 5 millimetri, che si insediano in ogni dove, diventando la principale causa di inquinamento per la salute dell’uomo e dell’ambiente.

    I danni più gravi causati dall’invasione della microplastica si registrano soprattutto negli habitat marini ed acquatici, ma anche sul suolo fino ad entrare proprio nelle nostre case e, forse inconsapevolmente, anche nel nostro corpo.

    In particolare, queste micro-particelle dell’immortale plastica sono le prime sostanze tossiche che si disperdono nell’ambiente in cui si trovano, durante l’infinito processo di decomposizione del materiale plastico.

    A tal proposito ecco come Mario Tozzi, geologo e ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche – CNR – ha recentemente commentato le microplastiche:

    “Questi frammenti (di plastica) finiscono nella catena alimentare e anzi vengono assunti da pesci e dagli uccelli marini per il nutrimenti di se stessi e della loro prole causando problemi di svariata natura compreso quello del soffocamento degli animali che mangiano queste sostanze. Siamo arrivati ad un passo successivo ancora più grave che questi frammenti piccolissimi si stanno inserendo all’interno della catena alimentare mescolandosi quasi da un punto di vista genetico con il plancton, formando cioè una specie di organismo misto di plastica e vivente e in più si concentrano anche nelle rocce formando un conglomerato fatto di rocce, di frammenti di sabbia, di piccoli granelli e di minuscole particelle di plastica: un vero e proprio disastro.”

    La microplastica nel settore cosmetica e abbigliamento

    Quante volte ci capita, nel corso di una giornata, di avere a che fare con la plastica? Bottiglie, contenitori, sacchetti, schede, tessere e oggettistica varia, sono le prime casistiche che possono scorrere nella nostra mente, ma se parliamo di microplastica, esistono altri casi di contatto non cosí scontati.

    Infatti, ad incrementare l’inquinamento marino con la conseguente contaminazione di cibi e bevande anche per l’essere umano, ci sono le microplastiche derivanti da:

    • prodotti cosmetici (creme esfolianti, dentifrici, creme, gel)
    • abbigliamento sintetico (vestiti in pile, abbigliamento sportivo, tessuti acrilici).

    Ebbene sí, in ogni azione quotidiana, dalla pulizia e protezione del nostro corpo alla scelta dell’abito fashion da indossare, le pericolose micro-particelle di plastica sono onnipresenti.

    I microgranuli del dentifricio o delle creme esfolianti ed i frammenti delle fibre sintetiche dei tessuti, hanno un qualcosa in comune. Entrambi sono composti da microplastiche che, a causa della loro microscopica dimensione, non riescono ad essere filtrate e trattenute in modo efficace dai depuratori.

    Pertanto, che si tratti dello scarico della doccia o del lavandino, o della nostra lavatrice di casa, le microplastiche non filtrate scorrono anche loro verso i nostri mari e oceani contribuendo all’inquinamento globale da plastica.

    A tal proposito, nel settore della cosmetica, la lotta alla microplastica ha già raggiunto obiettivi importanti.

    Infatti, mentre negli USA si è già attivi dal 2017, in Italia, la Legge di Bilancio del 27 dicembre 2017 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, recita come segue:

    “Dal 1° gennaio 2020 è vietato mettere in commercio prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche. [Le microplastiche sono tutte quelle] particelle solide in plastica, insolubili in acqua, di misura uguale o inferiore a 5 millimetri, intenzionalmente aggiunte nei prodotti cosmetici”.

     

    Non solo, nella stesse legge si vieta dal 1°gennaio 2019 la vendita e la produzione dei confortevoli cotton fioc in materiale plastico.  

    La soluzione della bioplastica nella vita quotidiana

    Per quanto i divieti alla produzione e vendita di prodotti contenenti microplastica possano sembrare azione intelligente ed efficace contro l’inquinamento, l’introduzione di plastiche alternative nel sistema di lavorazione puó anch’essa giocare un ruolo fondamentale.

    Immaginiamo di voler continuare a lavarci i denti con il nostro dentifricio con i microgranuli o ad indossare comodi e resistenti abiti di tessuto sintetico, senza però avere sulla coscienza la morte di esseri viventi marini, grazie alla bioplastica tutto questo è possibile.

    Il progetto EarthBi si propone come scopo quello di poter sostituire tutti i prodotti creati da materiale plastico con la propria bioplastica, senza che questo vada a modificare in alcun modo le abitudini dei consumatori finali né dei produttori nella fase di lavorazione del materiale.

    earthbi payoff

    Le micro-particelle della bioplastica EarthBi sono infatti prodotte dal PLA, a sua volta derivante da canna da zucchero e glucosio e quindi altamente biodegradabile.

    La dissolvenza nel tempo di queste particelle presenti anche nei prodotti di cosmetica e tessuti sintetici del settore abbigliamento create con bioplastica, permetterà di salvaguardare l’ambiente dalla tossicità derivante da microplastica.

     

    EarthBi: https://earthbi.io