Read this article in the English version here.

Il progetto blockchain Hyperledger sotto lo guida della Linux Foundation continua a far parlare di sé e ad attrarre nuove partnership.

Proprio ieri, 27 giugno, Hyperledger ha annunciato 11 nuovi membri tra i quali colossi come Lenovo e JD.com. I nuovi membri provengono anche da Stati Uniti ed Europa, sebbene la maggior parte sia costituita da compagnie cinesi.

Il progetto blockchain Hyperledger

Hyperledger è un progetto che, tramite la collaborazione con alcune società leader in vari settori (finanza, banche, IoT, tecnologia, logistica e manifatturiero), mira a creare “una nuova generazione di applicazioni transazionali che stabilisca fiducia, responsabilità e trasparenza al loro interno, snellendo al contempo i processi aziendali e i vincoli legali”.

Tra i più recenti partner troviamo nomi quali: Beike Finance, BGI Shenzhen Co., Ltd., Bit Game Foundation, Circulor, JD.com, Kyra Solutions, Lenovo, NuCypher, Optherium Labs, Shenzhen Onething Technologies e Shenzhen Ultrachain Technologies.

Del resto, la recente esplosione e diffusione di progetti legati alla tecnologia blockchain in Cina si riflette in alcuni numeri. Delle 456 compagnie che ad ora stanno cercando di integrare la blockchain come fattore propulsivo dei loro business, ben 50 provengono dalla Cina. Tra i maggiori partecipanti troviamo Baidu, Tencent e JD.com.

Anche Omnitude, un’azienda che fornisce i servizi blockchain alle aziende è diventata due giorni fa membro del progetto Hyperledger.

“Poiché le tecnologie blockchain continuano a mostrare il loro valore aggiunto in applicazioni sempre più diversificate, anche Hyperledger è in grado di proporre una base associativa sempre più allargata”, ha dichiarato Brian Behlendorf, direttore esecutivo di Hyperledger.

“Abbiamo partner di ogni dimensione da quasi 30 Paesi che stanno rivoluzionando vari campi: assistenza sanitaria, servizi finanziari, gestione della supply chain, gestione dell’identità digitale e altre attività e servizi online e basati su cloud. Di recente, è stato emozionante osservare la spinta all’innovazione in Cina e in altri paesi asiatici, dove abbiamo una base ampia e in crescita. Siamo lieti di affermare che grazie alla nostra comunità diversificata, la tecnologia blockchain sta influenzando le aziende e gli utenti di tutto il mondo.”

Chi sono i nuovi membri

Lenovo, un’azienda Fortune 500 da 45 miliardi di dollari, crea sistemi per il computing power ad alta potenzialità. Ha appena raggiunto lo status di più grosso fornitore globale dei top 500 supercomputer misurato dal numero di sistemi classificati nell’elenco TOP500. Uno su quattro sistemi della lista appartengono a Lenovo.

JD.com, invece, è il più grande rivenditore online della Cina e il più grande rivenditore al dettaglio online. La società è membro di Fortune Global 500. Grazie alla sua piattaforma e-commerce JD.com ha una base di clienti attivi di 301.8 milioni di persone e opera con una rete di 515 magazzini su un totale di quasi 11 milioni di metri quadrati.

Previous articleBTCC esce dal mining
Next articleLa Corea del Sud sale sulla Blockchain
Aneta Karbowiak
Laureata in Biologia all'Università degli Studi di Genova, si è presto interessata allo sviluppo delle applicazioni mobili e dei chat bot. È entrata nel mondo dell'editoria come manager di un sito di sport inglese dove ha gestito un team di dieci persone. Appassionata della tecnologia blockchain e delle criptovalute, ha cominciato a scrivere per Qubithacker.