Read this article in the English version here.

Si stanno svolgendo le elezioni dei 27 super rappresentanti della rete Tron.

Infatti, è previsto che gli utenti eleggano 27 super-rappresentanti rispetto a una comunità di oltre un milione di sostenitori.

Questi super-rappresentanti saranno i guardiani della rete Tron e ricopriranno i ruoli principali nella futura struttura di governance.

Inoltre, i 27 avranno il compito di produrre i blocchi della mainnet di Tron e agiranno come nodi chiave in grado di convalidare le transazioni, creare nuovi blocchi sulla rete e competere per i premi.

teamtronics

Ogni possessore di TRX può esprimere un voto per ogni token detenuto, quindi non è difficile ricevere molti voti dai possessori di grosse quantità di TRX.

Ed è forse anche per questo che un paio di giorni fa il fondatore di Tron, Justin Sun, ha annunciato su Twitter la sua candidatura alle elezioni dei super-rappresentanti.

In poco più di 24 ore ha raccolto oltre 120 milioni di voti. Il 30% dei voti ricevuti proviene da un singolo indirizzo, mentre l’82% dei voti ricevuti proviene da soli quattro indirizzi.

In questo momento è ottavo nella lista dei più votati ma avendo superato i 100 milioni di voti risulta eletto tra i super-rappresentanti.

Da notare che il più votato è TeamTronics, con oltre 320 milioni di voti, ed una distribuzione meno concentrata (i primi 10 indirizzi per numero di voti costituiscono tutti insieme solo poco più del 30% dei voti ricevuti).

Nel suo discorso elettorale Sun aveva assicurato che la sua scelta di candidarsi era una decisione personale e che la Fondazione Tron non era coinvolta.

Per cercare di scongiurare l’eventuale conflitto di interessi ha chiarito che la sua candidatura sarebbe stata gestita esattamente come quella di qualsiasi altro candidato, seguendo gli stessi processi.

Alcuni utenti tuttavia hanno espresso dubbi sulla candidatura di Sun, visto che la democrazia è un elemento importante della della rete Tron.

Tuttavia, proprio perché democratica, la rete è inclusiva, e consente a chiunque voglia, e possa, di candidarsi. Ovvero anche a Justin Sun.