Read this article in the English version here.

Articolo in collaborazione con BigBit.

Fare trading crypto può sembrare semplice, mentre in realtà operare con successo non lo è affatto.

In primo luogo, non conviene affidarsi soltanto al proprio intuito: può essere uno degli errori peggiori, perché si tratta di un mercato complesso ed è estremamente difficile comprenderlo, a meno che non lo si conosca già a fondo.

Ecco dunque alcuni consigli che conviene seguire per iniziare.

Order book

Il cosiddetto order book è la lista degli ordini di acquisto o vendita già caricati sulla piattaforma di trading,  in attesa di essere eseguiti.

Il valore di mercato è il prezzo a cui è stata eseguita l’ultima operazione di compravendita, con gli ordini di acquisto in attesa (bid) che presentano un prezzo di acquisto ancora inferiore al valore di mercato, mentre quelli di vendita (ask) avranno un prezzo superiore.

Analisi dei grafici, ma anche delle news

Le principali criptovalute hanno il maggior volume scambiato in dollari americani. Pertanto l’analisi dei grafici dovrebbe essere effettuata confrontando la variazione di valore sia rispetto a bitcoin che ai dollari.

Nel trading crypto sono centrali anche le notizie: il cosiddetto trading sulle news è un elemento chiave perché alcune notizie  possono modificare il sentiment del mercato, soprattutto nel breve periodo. Per questo occorre sempre tenersi informati e saper selezionare le notizie di grande impatto che spesso sono quelle coinvolgono i big del settore, come SEC, Coinbase, ETF di vario genere, regolamentazione, ecc…

Al tempo stesso, il trading sulle sole notizie è altamente sconsigliato in quanto a volte espone il trader a movimenti decisamente volatili, quindi difficilmente gestibili, specialmente a chi è inesperto o investe in un settore spesso a bassa liquidità come oggi sono molte criptovalute.

Niente emozioni

Una regola inderogabile nel trading è quella secondo cui non ci si dovrebbe mai affidare alle emozioni.

Il cosiddetto trading emotivo può fare grossi danni: rabbia, paura, stress (e anche la troppa sicurezza) non sono mai sentimenti da assecondare, specialmente nel settore crypto dove la volatilità è molto alta.

La psicologia del trading è un elemento chiave per dominare le emozioni. Le probabilità di prendere decisioni imprudenti quando si è in situazioni di forte stress sono altissime.

Se scende non è detto che poi salga

Acquistare monete di valore molto contenuto non significa necessariamente mettersi in portafoglio un affare. E nemmeno acquistare criptovalute che si sono svalutate rispetto a bitcoin offre garanzie.

Il tempo è denaro

Una settimana nel mercato delle criptovalute equivale a tre mesi sulle borse tradizionali. Operare in questo settore non significa solamente lavorarci tutti i giorni, ma addirittura, farlo ora dopo ora. Questo implica che è  assolutamente necessario calcolare bene la quantità di tempo che si è in grado realisticamente di investire in questa attività.

A volte è necessario limitarsi ad investimenti a lungo termine, piuttosto che operare quotidianamente, proprio per mancanza di tempo. Inoltre operare quotidianamente non significa necessariamente comprare e vendere ogni singolo giorno, ma seguire l’andamento dei mercati giorno per giorno.

Bisogna sempre ricordare che il tempo che si investe ha comunque perlomeno un costo marginale, quindi un prezzo.

Se si decide di dedicarsi quotidianamente a questa attività è meglio iniziare a “piccole dosi” e valutare le prime performance ottenute prima di incrementare gli investimenti.

Le criptovalute oltretutto offrono la possibilità di fare trading anche con importi molti bassi, perchè non ci sono quote minime significative da investire, e perché a volte si riescono a generare guadagni significativi anche senza essere costretti ad investire cifre importanti.

In ultimo, quasi sempre è meglio affidarsi ai consigli di chi se ne intende ed evitare di fare pasticci da soli.

Previous articleCon la Blockchain finisce l’era dei monopoli di Internet
Next articleLa guida definitiva su Tron
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo