Ticketmaster, una delle prime società a vendere biglietti online, vuole combattere le truffe e la concorrenza di bagarini e startup con la blockchain.

Read this article in the English version here.

Acquistando un gruppo specializzato nella tecnologia alla base delle criptovalute, l’azienda statunitense intende sviluppare la sua propria tecnologia in-house, per offrire ai clienti una serie di vantaggi.

Primo fra tutti la certezza della validità del biglietto acquistato per partecipare a eventi del mondo dello sport e dell’intrattenimento.

Per permettere di rifiutare biglietti falsi nei punti di entrata per l’evento acquistato, Ticketmaster offre da un po’ di tempo biglietti muniti di codice a barre. Ma questo escamotage sinora non è stato sufficiente a scongiurare i casi di frode e sembra che il gruppo abbia alla fine deciso di sfruttare le potenzialità della tecnologia blockchain.

Convertire biglietti in asset digitali protetti dalla blockchain

È in quest’ottica che si inquadra l’operazione di acquisto di UPGRADED, la cui tecnologia permette di convertire i biglietti tradizionali in asset digitali protetti dalla blockchain.

Così facendo UPGRADED sostiene di essere in grado di guadagnarsi la fiducia dei detentori di biglietti, dando al contempo controllo e flessibilità ai proprietari dei contenuti, alle aziende, ai gruppi musicali e ai club sportivi.

Siamo fieri di quello che abbiamo costruito negli anni e siamo impazienti di lavorare con la squadra incredibile di Ticketmaster per aiutare a sviluppare i nostri progetti”, ha dichiarato l’amministratore delegato di UPGRADED in un comunicato stampa.

Ticketmaster, che gestisce le vendite di circa il 50% degli eventi organizzati negli Stati Uniti grazie alla commercializzazione online, vuole così sbaragliare la concorrenza sempre più agguerrita delle piccole aziende e startup che stanno nascendo nel settore.

Negli ultimi due anni si sono registrate sul mercato una serie di ICO di biglietterie di eventi, come quelle di Aventus, Blockparty ed Eventchain, il cui scopo dichiarato è quello di spezzare l’oligopolio nel settore di attori storici come Ticketmaster.

Ticketmaster vuole difendere monopolio dall’assalto delle startup

Agendo da mediatore tra arene, stadi e teatri e i clienti, la società controllata da Live Nation Entertainment ha costruito negli anni una sorta di impero e non ha alcuna intenzione di farsi spodestare dal trono.

Ticketmaster è continuamente alla ricerca di tecnologie emergenti e non ce ne sono tante che offrono le possibilità uniche della blockchain”, ha indicato Justin Burleigh, chief product officer di Ticketmaster North America.

La speranza è che la tecnologia blockchain darà ai creatori di eventi un maggiore controllo e una maggiore visibilità, garantendo al contempo una maggiore protezione dalle truffe ai fan”.

È stato oggetto di critiche molto aspre nel corso degli ultimi anni per via dei costi ritenuti eccessivi e per la sua politica di ripartizione. Nei media si è dato grande spazio alla battaglia legale intrapresa dai Pearl Jam contro il gruppo, accusato di non consentire alla band di Seattle di abbassare il prezzo dei biglietti dei concerti.

Previous articleSi stringe lo spread sul Bitcoin
Next articleOMF, il blockchain-music festival si tiene oggi a Berkeley
Daniele Chicca
Laureato in lingue e letterature straniere all'Università di Bologna, con un anno da undergraduate presso la UCL di Londra. Giornalista professionista dal 2007, si è con il tempo specializzato in finanza, economia e politica. Dopo tre anni presso il desk di Reuters a Milano, ha lavorato per diverse testate, contribuendo tra le altre cose a portare a un incremento del traffico progressivo sul sito Wall Street Italia e offrendo servizi di vario genere da inviato per Radio Rai e per le agenzie stampa AGI e TMNews (ex Apcom). Al momento è responsabile della redazione, della linea editoriale e del coordinamento di un importante sito di informazione economica e finanziaria