La gente crede ancora nell’idea che le criptovalute come bitcoin e le blockchain sono separabili.

Read this article in the English version here.

Le blockchain alla base di Bitcoin, Ethereum, Litecoin e molte altre criptovalute non potrebbero esistere senza le loro valute. Le blockchain sono reti che funzionano su migliaia di computer e per motivare le persone a farle funzionare è necessario un incentivo. Questo incentivo è la criptovaluta.

Nella maggior parte dei casi, la criptovaluta è un termine improprio che viene attribuito ad una nuova tecnologia che la maggior parte ancora non capisce. Certo, Bitcoin era inteso come una valuta, e mentre la maggior parte di noi ora lo considera come una riserva di valore, la sua adozione come valuta è in aumento.

Inoltre, le criptovalute non sono necessariamente destinate ad essere usate come valute. Molte vengono utilizzate per ragioni che hanno ben poco a che fare con il fatto che sono una valuta.

Prendiamo Ethereum come esempio. Parecchie DApp sono state sviluppate sulla piattaforma: giochi, exchange decentralizzati e molto altro ancora. Le persone memorizzano on-chain gli hash di informazioni con la data e l’ora.

Un modo in cui Ethereum potrebbe arrivare all’adozione di massa (una volta che i problemi di scalabilità vengono risolti) è grazie ad una stablecoin – per esempio, DAI – che viene utilizzata come mezzo di scambio.

Ethereum sarebbe ancora usato per pagare le spese di transazione, ma non come valuta.

Le blockchain senza criptovalute sono possibili, ma non pratiche

Investendo in una criptovaluta, si investe nella blockchain sottostante. Mentre le blockchain private che funzionano senza incentivi reali sono possibili, è difficile immaginare di motivare la stessa quantità di persone a dedicare così tante risorse al mantenimento di una rete senza essere pagati per il lavoro svolto.

Per esempio, diciamo che Google decide di creare una blockchain autorizzata senza valuta.

Posizionerebbe i server in tutto il mondo, diciamo addirittura che ne posiziona un migliaio.

Inoltre, la blockchain non potrebbe esistere se non autorizzata, dal momento che nessuna criptovaluta è addebitata per inviare transazioni e la gente potrebbe spammare ed eseguire attacchi ddos contro rete per renderla inutilizzabile.

Questo impegno avrebbe ancora bisogno di soldi, i tecnici devono essere pagati per la manutenzione e l’installazione del server e ci sono anche i costi operativi e hardware. Se la rete creata offre un servizio a pagamento agli utenti, potrebbe ancora valerne la pena.

Tuttavia, è difficile immaginare un sistema di questo tipo che raggiunge le dimensioni come le reti di Bitcoin o Ethereum. Inoltre – essendo più piccolo – un tale sistema tenderebbe ad essere anche meno sicuro.

È molto più facile integrare un crypto asset che paga per la manutenzione della rete. Il mercato determina il valore del protocollo, e questo determina quante persone dedicano le loro risorse al mantenimento della blockchain.