La Banca digitale svizzera Swissquote ha annunciato che permetterà ai propri clienti di partecipare alla ICO di Diamond, una token sale della società LakeDiamond che vuole sviluppare una nuova tecnologia nel settore dei diamanti industriali.

Read this article in the English version here.

Questo collegamento diretto banca-ICO è una novità assoluta nella finanza e non a caso avviene in una nazione all’avanguardia nel settore delle valute virtuali. La banca incasserà una commissione dell’1,25% sulle sottoscrizioni.

I clienti della banca potranno comprare i token direttamente in banca, la quale non solo eseguirà l’ordine di acquisto, ma prenderà in custodia i token su incarico dei clienti stessi, fornendo così un servizio completo.

Il CEO di Swissquote, Mark Burki, ha affermato: “In questo modo siamo fedeli alla nostra filosofia di democraticizzare la finanza offrendo ai nostri clienti la possibilità di aiutare la crescita delle startup”.

La banca permette già ai clienti di usare le criptovalute, per cui era già aperta ai nuovi business digitali.

La società LakeDiamond presenta delle caratteristiche particolari: si tratta di uno spin-off dell’Istituto Federale di Tecnologia Elvetico, e si occupa dello sviluppo dei reattori all’interno dei quali sono creati artificialmente i diamanti utilizzati nell’industria.

La società spera di raccogliere 60 milioni di franchi svizzeri (circa 50 milioni di euro) per l’acquisto di nuovi reattori. I possessori dei token vengono ad avere dei “minuti di lavorazione” di una macchina acquistata con il denaro corrispondente, per cui partecipano all’utile prodotto dalla macchina stessa.

Si calcola che sono necessari circa 462 ore di lavorazione per poter giungere ad un diamante di dimensioni tali da poter essere tagliato.LakeDiamond ritiene di poter arrivare a 18,4 miliardi di franchi di fatturato nel 2022.

La ICO si terrà nel 2019, ma i clienti Swissquote possono prenotare i token da oggi, 22 ottobre.