La quotazione di bitcoin (BTC) continua in una fase laterale, con un leggero ribasso rispetto alle prime ore di oggi, 9 novembre.

Read this article in the English version here.

Nonostante la prevalenza di segni rossi per la maggior parte delle criptovalute, rimane congelato il quadro tecnico di medio periodo con prezzi che, dopo aver provato ad allungare, tornano ai livelli di inizio settimana.

Continua il momento di relativa calma che alimenta entrambi i fronti contrapposti tra chi si aspetta ulteriori ribassi e chi vede questo periodo di lateralità come una occasione di accumulazione prima del prossimo rialzo in concomitanza con un possibile “rally di Natale”.

La capitalizzazione totale torna a 210 miliardi di dollari con il numero totale delle criptovalute quotate su Coinmarketcap, prossimo a superare quota 2100.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Quotazione Bitcoin (BTC)

La quotazione di Bitcoin al momento è di $6378 dollari, in ribasso rispetto alle prime ore di oggi, quando segnava $6424.

Dopo aver mancato la conferma oltre i 6600 dollari, anche area 6500 sembra non aver il giusto appeal per attirare nuovamente gli acquisti.

Lentamente i prezzi stanno scivolando verso i 6400, rendendo sempre più complicata la vita dei trader. Continuano a rimanere valide le indicazioni di monitorare area 6750 al rialzo, mentre al ribasso è necessaria la tenuta dei 6200 dollari.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

I prezzi stanno testando area 210 dollari, la parte bassa della candela rossa di ieri. Fallito l’allungo oltre i 220 dollari, si torna a monitorare i supporti.

In particolare è necessaria la tenuta dei 200, meglio ancora dei 190 dollari. Quest’ultimo livello importante anche in ottica mensile.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/XRPUSD/

Ripple (XRP)

Nonostante aver perso oltre il 10% di valore nelle ultime 48 ore, i prezzi riescono a mantenere quota $0,50.

La tenuta di questo livello potrebbe dare indicazioni di consolidamento per preparare un ulteriore rialzo. Al contrario, un ritorno sotto mezzo dollaro sarà da sommare all’ennesimo fallimento di un nuovo rialzo per proiettarsi verso quota 1 dollaro.  

Previous articleEric Schmidt, ex CEO di Google: “Ethereum ha del potenziale”
Next articleSoundreef, la blockchain di Bitcoin per tutelare il diritto d’autore
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo