Dopo due giorni di rialzi consistenti, oggi tornano le vendite nel mercato delle criptovalute.

Read this article in the English version here.

Come sempre, dopo un periodo di rialzo, è normale che ci sia un ribasso: bisogna quindi prendere atto che il ritracciamento c’è e non deve tornare a preoccupare, ma deve far alzare comunque l’attenzione sul contesto generale dei mercati crypto.

Tra le prime 30 criptovalute per capitalizzazione che troviamo su Coinmarketcap, queste sono tutte in rosso: il ribasso medio è di oltre il 6 %. L’unica che si distingue è Zcash (ZEC) che sta beneficiando del listing di ieri sull’exchange Coinbase Pro.

La capitalizzazione totale del mercato crypto torna a scendere, in linea con i ribassi di oltre il 6%: dai 140 miliardi di ieri, oggi siamo poco sopra i 130 miliardi.

Ma, come dicevamo, il ribasso attuale non deve preoccupare più di tanto: quando ci sono in due giorni rimbalzi del 20% – Tron (TRX) in 3 giorni è salita addirittura del 50% – osservare movimenti del 6% può fare effetto e far tornare il timore delle pressione delle vendite. In realtà, quello che dovrebbe preoccupare è se i prezzi tornassero sotto i livelli di guardia.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Seguendo il ragionamento, il livello di guardia sarebbe 4000 dollari che, oltre ad essere un supporto tecnico, è soprattutto anche un livello psicologico. Il livello di bitcoin da monitorare sono i minimi di 3600 dollari raggiunti martedì scorso.

Nel caso di un ulteriore affondo durante il weekend sotto i 4000 dollari e poi 3600, questo farebbe tornare decisamente le vendite, segnale ovviamente molto negativo che farebbe testare anche la soglia psicologica dei 3000 dollari.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Ethereum, dopo un rimbalzo poco oltre i 120 dollari, ora si trova a 110 dollari. Si tratta di un ribasso che non preoccupa perché la soglia di supporto psicologico è di 100 dollari che per ora è stato contenuto.

Dai massimi di metà gennaio ETH ha perso il 90% e in un contesto così negativo è bene continuare ad avere prudenza e non anticipare. Certo è che questi sono livelli che stimolano a comprare a prezzi scontati, però il contesto generale degli ultimi mesi non supportano grandi acquisti: i volumi rimangono interessanti ma è un segnale che capiremo nelle prossime settimane.

Previous articleRovereto non sta abbandonando i Bitcoin
Next articleLe procedure KYC degli exchange crypto pongono il rischio hacker
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo