In una sorta di manifesto crypto riguardante Malta potrebbe esserci scritto: Stable coin is the future” visto che il Primo Ministro Joseph Muscat, non nuovo a dichiarazioni favorevoli nei confronti delle tecnologie delle criptovalute, è intervenuto sulle stable coin dichiarando che sono una soluzione tecnologica molto interessante per gli sviluppi futuri.

Read this article in the English version here.

Muscat, infatti, ha detto:

“Non interverremo nelle politiche bancarie, perché devono occuparsi di questioni come le banche corrispondenti e le valutazioni del rischio. Il nostro lavoro come governo è quello di creare questo nuovo mercato e non lasciare che si formi un vuoto al suo interno. Alcune piattaforme stanno già operando in criptovalute e vengono creati nuovi settori, come le stablecoin, che vengono considerati più sicuri. Questo è il modo in cui il settore si sta evolvendo e guardiamo avanti [a tali sviluppi] positivamente”.

Il Primo Ministro maltese ha poi aggiunto che ogni volta che qualcuno va a Malta per fare business nel settore delle criptovalute li esorta sempre a mantenere i precedenti accordi bancari.

Anche Joe Cuschieri, amministratore delegato dell’autorità maltese che regola i mercati finanziari, la Malta Financial Services Authority (MFSA), ha esortato le banche ad aprirsi alle società che si occupano di crypto.

“È abbastanza chiaro che Malta ha bisogno di più banche per partecipare allo sviluppo della nostra economia, in particolare nello spazio digitale e nel fintech. Non sono contento della situazione attuale su vari fronti e non fare nulla non è un’opzione per me. La nostra strategia bancaria e la revisione delle nostre policy, saranno pubblicate il prossimo anno, ed affronteranno questa sfida in modo olistico. Ci consulteremo con tutte le parti interessate prima di prendere decisioni”.

In passato, Muscat aveva già rilasciato altre dichiarazioni dello stesso tono:

“Milioni di persone già attribuiscono valore alle valute virtuali, il che ha creato un mercato completamente nuovo: il concetto può suonare poco chiaro, ma non ho dubbi che costituirà la base di una nuova economia in futuro. Così come attribuiamo valore a pezzi di carta, così le generazioni future attribuiranno valore ai sistemi di archiviazione elettronica”.