Uno degli argomenti che desta sempre più interesse è scoprire quali sono le città migliori per le startup in ambito crypto e ICO.

Read this article in the English version here.

Anche se con un tasso inferiore al primo semestre 2018, le iniziative nel settore delle valute virtuali sorgono in modo continuo.

Molto spesso i nuovi imprenditori si trovano in difficoltà nello scegliere la location ottimale, che sia adeguata dal punto di vista delle normative e dell’ambiente imprenditoriale.

Per questo motivo vi proponiamo dieci luoghi che sono sia crypto friendly sia aperti dal punto di vista imprenditoriale e che quindi si prestano ad essere la sede ideale per delle startup.

  • Hong Kong

Si tratta di uno dei territori più business friendly del pianeta. Recentemente ha ospitato il Blockchain Global Summit dopo che questo è stato sfrattato da Pechino. Il fatto che la Cina continentale abbia messo al bando ICO e criptovalute ne fa il gateway ideale per il grande mercato orientale. I contro sono legati all’alto costo degli affitti degli uffici.

  • Singapore

Un altro mercato che si è molto avvantaggiato dalla chiusura del mercato cinese e dal bando delle ICO dalla Corea del Sud, è Singapore. La città-Stato è un Hub universitario e finanziario, unendo due fattori ottimali per la nascita di startup nel fintech.

Inoltre, si tratta di una città sicura e molto bella, a parte il clima. I token launch sono stati regolati dalla MAS, l’autorità locale finanziaria, fornendo quindi un ambiente ottimale. Il problema, anche in questo caso, è legato all’alto costo della vita.

  • Lugano

La città in Svizzera è il centro di numerose startup di carattere finanziario e legate alle criptovalute. La normativa è precisa ed è legata a quella della Federazione, il tutto sotto il controllo della FINMA.

I costi immobiliari sono inferiori ad Hong Kong e Singapore e la città è facilmente raggiungibile anche grazie all’aeroporto intercontinentale di Malpensa. La lingua del Canton Ticino è l’italiano, rendendolo un passaggio ottimale per l’accesso al mercato italiano. Esistono diverse università locali e si può anche attingere da quelle milanesi.

  • Lubiana

La capitale slovena guida i piccoli Stati nell’Unione Europea aperti alle valute virtuali. Oltre ad un ambiente aperto, vi è anche Bitcoin City, un grande centro commerciale e ricreativo che accetta bitcoin.

Inoltre, la città è poco costosa ed è la sede di Bitstamp.

  • Buenos Aires

La capitale argentina, oltre ad essere una grande città, presenta alcune caratteristiche molto interessanti per gli investimenti in crypto, in quanto l’alta inflazione al 48% annui secondo gli ultimi dati, crea un ambiente interessante per le valute virtuali.

Inoltre, la comunità nel settore è molto ampia, con un summit Sudamericano nel settore ICO, crypto e blockchain molto seguito. Recentemente vi è stato un boom degli ATM di Bitcoin.

  • Jacksonville

La città della Florida ha alcune caratteristiche interessanti: ha 800 mila abitanti ed è facilmente raggiungibile grazie all’hub aeroportuale e dispone di ben 20 ATM di criptovalute.

In questa città, ad un Papa John’s, furono comprate le prime pizze contro bitcoin nel 2010, ed a febbraio, nella stessa pizzeria, venne testata la prima transazione di LN. Aggiungiamo che è una delle città USA con maggior possesso di crypto pro capite, il clima è gradevole ed i costi accessibili.

  • Amsterdam

Città giovane e con molti ATM per le criptovalute.

startup ico crypto

Oltre 40 aziende accettano bitcoin e crypto come pagamento, esiste Bitcoin Boulevard e vi è la Bitcoin Embassy, spazio aperto dove discutere di nuove iniziative. Ottima la vita notturna e ha un ambiente finanziario molto vivo.

  • La Valletta e Malta in generale

L’isola mediterranea è nota per aver emesso e reso operativa la prima legislazione completa per le valute virtuali, blockchain e ICO: per questi motivi si presta in modo ottimale alle startup che vi trovano anche un ambiente imprenditoriale molto aperto.

Inoltre, l’isola è membro dell’Unione Europea, dando così accesso ad un mercato molto ampio.

  • Crypto Valley di Zug

Si tratta di una zona non particolarmente abitata, nel cuore della Svizzera, che, per l’ambiente legale e fiscale favorevole, è diventato uno degli hub mondiali nel settore delle valute virtuali. La Crypto Valley Association, che raccoglie le società interessate, ha ben 250 startup come membri e 18 NGO.

  • San Francisco  

Frisco significa anche Silicon Valley, Università di Berkeley e Stanford, quindi quello che è riconosciuto come il cuore high tech degli USA e del mondo. Le major dell’high tech sono qui o nei suoi dintorni, come Apple, Facebook e Google.

Anche Coinbase ha sede a San Francisco, dove sono presenti 60 ATM di criptovalute. Pertanto, c’è sia l’ambiente culturale sia quello finanziario adatto alle startup crypto. Unico problema i costi molto alti per gli uffici e per l’alloggio.