Gli indirizzi bitcoin sono codici alfanumerici complessi, quasi impossibili da ricordare a memoria. Ma è possibile creare un bitcoin vanity address modificando una porzione della stringa alfanumerica del proprio indirizzo per rendere più facile il riconoscimento.

Read this article in the English version here.

Ad esempio, una celebre transazione di novembre 2018, effettuata da indirizzi inseriti dal governo USA nella sua blacklist riguardante l’Iran, coinvolgeva due bitcoin vanity address:

1JEWSxAgGhSFuNPHUAr13zftNLjYt5wZaS e 1MoSSaDDSStrRo53YjPaGcXiABAXfYuvEL.

Come è possibile notare, dopo l’1 iniziale c’è una piccola porzione di stringa che non è composta da caratteri casuali.  

Ma come si può creare un bitcoin vanity address?

Si può ad esempio utilizzare Vanitygen, che cerca corrispondenze tra una stringa di testo scelta arbitrariamente e chiavi pubbliche generate casualmente.

Questa ricerca viene effettuata in modo probabilistico, quindi più lunga è la stringa scelta, più tempo impiegherà il computer per creare indirizzi fino a che uno non soddisfi i requisiti desiderati.  

Ma ci sono anche altre soluzioni per creare dei bitcoin vanity address come quella che consente di creare indirizzi contenente solo numeri e caratteri maiuscoli.

Oppure ci sono servizi online come Vanity Pool o Vante.me che consentono di eseguire la ricerca utilizzando i potenti server del sito, al posto del computer dell’utente.

In tal caso, però, ci sono due problemi: il primo è il costo perché il servizio utilizza potenza computazionale di terzi che consuma energia elettrica che necessita di essere pagata.

SSUCv3H4sIAAAAAAAEAH1RMW7DMAzcC/QPhmYbtWMntjt26Au6BRloiXWIyFIhySmCwH+vFMWppmy6O/FIHq+vL1nGHFrH3rPrkt/gAJZ4wAF5TFLO1hlwpJWny/zOoyCnDYFMyQEcPyqY0JNqljLQd1/rwM0WbdKKg8PRe0TyYRH77yPOVuEm+govsY/ZkkJr3z5JgeLI8uSPnYfwh63Ukj9x+kI/r5Z6vDz3iI/DuieMqPjlf+pgaNBndMYJzAlduoAXq0398DrEx5JkY1AixGz2sQc7/To0U5rWmQTqBMMsSCfBnTUHGQrqxPnHECc1JmXaHdGkR/DX1VNCKO1uk7CYCBP+SgFWddV1TdfWfbvZll2z2bH1spqfSKSzxmMfyUvmkvAkglPfVVAOvCmgLtui2e2g6LctFNAPJRdt8w314ONa/gC3368BoAIAAA==

Il secondo è che creare un bitcoin vanity address da un servizio online di terze parti significa anche farsi generare la chiave privata, senza avere la certezza assoluta che quest’ultima non venga memorizzata dal servizio stesso.

Pertanto questa è una pratica solitamente sconsigliata.

Dal punto di vista della sicurezza, infatti, il modo migliore per creare un bitcoin vanity address è quello di farlo utilizzando il proprio computer, meglio se offline.

Tuttavia, la potenza computazionale di un normale computer potrebbe richiedere anche molto tempo per effettuare tutti i tentativi necessari per raggiungere il risultato desiderato.

Ad esempio, con Vanitygen potrebbe volerci circa una settimana di calcoli per riuscire ad individuare una coppia di chiavi privata ed indirizzo pubblico che inizi con i caratteri “1Bitcoin”, mentre per un indirizzo che inizi con “1BitcoinEat” potrebbero volerci addirittura 3.500 anni.

Un vanity address riduce il livello di privacy delle transazioni perché, mentre gli indirizzi generati casualmente non contengono informazioni riconducibili al proprietario, con i vanity address potrebbe essere più semplice risalire al proprietario conoscendo solo l’indirizzo stesso.

Gli indirizzi, infatti, sono pubblici ed un vanity address potrebbe essere più semplice da riconoscere per tutti gli sconosciuti che dovessero analizzare le transazioni sulla blockchain pubblica.

Forse non è un caso che la percentuale di bitcoin vanity address tra quelli complessivamente in uso nel mondo sia decisamente bassa.