La migliore crypto della giornata da evidenziare nell’analisi di trading di oggi, 23 gennaio, è sicuramente Bitcoin Cash (BCH) che sale del 6% dai livelli di ieri pomeriggio, riuscendo a recuperare i 130 dollari, dopo l’affondo sotto quota 116 dollari nelle prime ore di ieri.

Read this article in the English version here.

Grafico Bitcoin Cash, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BCHUSD/

Oltre a Bitcoin Cash, impossibile non menzionare tra le migliori performance di trading anche Waves che oggi fa una ottima performance, salendo del 20% dai livelli di ieri.

Dopo il brivido ribassista di ieri, la giornata di oggi vede prevalere il colore verde. Segnali che non devono però trarre in inganno.

Il recupero dei livelli di inizio settimana non spazza via le incertezze presenti sino a ieri mattina. I mercati sembrano voler attendere la prima mossa da una delle parti tra orsi e tori.

Con i primi sicuri di continuare a tenere il pallino in mano, i tori continuano a mostrare timore non trovando il supporto degli acquisti necessari a superare con agilità le resistenze che darebbero nuovamente impulso a nuovi rialzi.

Tra le prime 20 in classifica, solamente Stellar Lumens (XLM) oscilla sopra e sotto la parità. Tutte le altre si mantengono sopra lo zero, anche se sono in poche a riuscire a spingersi al rialzo oltre il punto percentuale. Tra queste ci sono Litecoin (LTC), Eos, Dash e Tron (TRX) che salgono del 2%.

La capitalizzazione totale si riporta a fatica oltre i 120 miliardi di dollari a conferma come i segni positivi di oggi non indicano ancora un recupero degno di nota.

Rimangono invariate le quote di mercato, con bitcoin sopra il 52%, XRP salda in seconda posizione all’11% di dominance, seguita da Ether poco sopra il 10%. I volumi sono nella media di periodo, con oltre 16 miliardi di dollari scambiati nelle ultime 24 ore.

Grafico Bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Brutto il tuffo dei prezzi di ieri mattina andati a forare i 3500 dollari. Le ricoperture scattate hanno fatto recuperare i 3600 dollari in meno di un’ora a conferma di come questo livello, più volte indicato essere cruciale negli ultimi aggiornamenti scritti, sia area di scontro tra Orsi e Tori.

La mancanza di nuovi acquisti non permette ai prezzi di spingersi oltre i 3700 dollari, livello di resistenza di breve periodo che, se violata, darebbe fiducia per spingersi nuovamente in area 4000 dollari. Un nuovo ritorno sotto i 3500 dollari, invece, potrebbe non trovare più la difesa dei compratori intervenuti ieri.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

La rottura dei 115 dollari ieri mattina ha riportato nuovamente i prezzi a testare per pochi minuti i 110 dollari. Come avvenuto domenica scorsa, il supporto ha fatto scattare ricoperture provocando un nuovo rimbalzo in area 120 dollari. Il su e giù degli ultimi tre giorni dimostra come il mercato in questo periodo è in balia della speculazione di breve.

Infatti, osservando il grafico dell’ultimo mese, si può notare come la volatilità si stia pericolosamente contraendo sempre più evidenziando un trend ribassista con prezzi a segnare nuovi minimi settimanali non causati da vendite importanti ma dalla domanda che preferisce spostarsi verso il basso.

Previous articleScandalo MasterCard sulle commissioni: una multa dall’UE per fee troppo alte
Next articleIl 2019 di Instagram: un business da 14 miliardi
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo