Recentemente è stato effettuato un sondaggio intervistando oltre 1.000 clienti Amazon per scoprire quanto si fidano della piattaforma e, tra le domande ce ne era anche una sul comprare criptovalute.

Read this article in the English version here.

Una delle domande aveva come obiettivo quello di comprendere quanto Amazon fosse ritenuto un rivenditore affidabile, e tra le altre cose si è scoperto che il livello di fiducia dei clienti nei confronti dei prodotti a marchio Amazon varia a seconda della categoria dei prodotti stessi.

A tal proposito è stata posta una specifica domanda riguardo la fiducia che i clienti riporrebbero in ipotetici nuovi prodotti a marchio Amazon.

Il 73% degli intervistati ha risposto che sarebbe disposto ad acquistare un computer a marchio Amazon, il 52% coupon e deal locali, il 37% farmaci, il 31% prodotti per la sicurezza casalinga ed il 30% marijuana a scopo medico.

Amazon: comprare in criptovalute

Il 12,7% dei clienti ha risposto che sarebbe disposto ad acquistare criptovalute.

Non è chiaro se intendessero acquistare una criptovaluta a marchio Amazon (ovvero un token proprietario della società) o acquistare criptovalute su un exchange dell’azienda, ma è certo che abbiano indicato proprio esplicitamente la parola “criptovalute”.

Visto che si trattava di un sondaggio con risposta a selezione multipla, il termine criptovalute risultava tra le risposte senza una specifica spiegazione e questo determina l’ambiguità della risposta.

Sono oramai anni che si vocifera di uno sbarco di Amazon nel settore crypto con un proprio token, e d’altro canto la società è già ampiamente attiva nel fornire servizi basati su blockchain.

Inoltre, solo qualche giorno fa il CEO di Binance Changpeng “CZ” Zhao aveva dichiarato su Twitter che secondo lui “Amazon dovrà emettere una valuta prima o poi”.

Il sondaggio di cui sopra potrebbe contribuire a convincere l’azienda ad accelerare sul percorso che potrebbe portarla prima o poi ad emettere un proprio token, anche perchè è nel suo stile cercare di includere nel proprio catalogo quanti più prodotti e servizi offerti al pubblico direttamente e senza passare per intermediari.