Oggi record di capitalizzazione per le crypto Eos e Litecoin: entrambe registrano nuovi record da inizio anno consolidando la 4a e 5a posizione tra le principali capitalizzate, con guadagni di oltre il 45% da inizio anno per Eos e del 60% per Litecoin.

Read this article in the English version here.

Grafico Eos, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/EOSUSD/

Con la capitalizzazione sale anche il prezzo delle due crypto il 5 e 9%, lievitano le performance per entrambe dal valore ticker del primo gennaio.

Il polso della situazione è evidente dai ribassi contenuti con discese che non si spingono oltre perdite del 2% dai livelli di ieri. Nella lista delle sofferenze delle ultime 24 ore ci sono Ethereum, Ripple e Bitcoin Cash, in arretramento di poco più di un punto percentuale.

Da notare il rosso relativo di Ripple che, su base giornaliera, segna uno scivolone del 2% circa, facendo ombre sul deciso movimento che nelle ultime ore ha riportato i prezzi a contatto con un importante livello di resistenza posto a 0,34 dollari, valori abbandonati ad inizio gennaio quando il token XRP abbandonò la seconda posizione in classifica dopo oltre tre mesi, il periodo più lungo degli ultimi due anni.

Si allinea anche Tron (TRX) in discesa del 2% continuando a soffrire delle prese di beneficio dopo la sfrenata corsa delle scorse settimane. Nonostante le performance degli ultimi giorni, TRX continua a mantenere un saldo positivo da inizio anno con un rialzo di 25%.

La sbornia di volumi degli ultimi cinque giorni registra un leggero ribasso nelle ultime 24 ore con scambi in discesa del 15% ed un assestamento oltre i 22 miliardi di dollari.

La capitalizzazione totale prosegue a salire attestandosi sopra i $133 miliardi. Dai livelli di inizio febbraio, il punto più basso degli ultimi due mesi, il valore della capitalizzazione totale ha recuperato oltre il 20%, pari ad oltre 20 miliardi dollari.

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Il contatto con la trend line dinamica ribassista (linea rossa spessa), passante in area 4050 dollari, da ieri ha acceso la battaglia tra Orsi e Tori. Le dinamiche su altre importanti crypto che negli ultimi giorni stanno riflettendo evidenti benefici sui prezzi di bitcoin, tengono gli investitori con un occhio sul ballo delle quotazioni sopra i 4000 dollari, con l’altro occhio sulle quotazioni delle altre altcoin.

E’ importante continuare a consolidare aree di supporto utili a sostenere improvvisi cambi di direzione. La tenuta dei livelli odierni proietterebbe i prezzi a quota $4200, area cruciale in ottica di medio e lungo periodo.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

La frenata odierna non preoccupa con prezzi di Ethereum ancorati in area 150 dollari. Per poter superare agilmente i massimi di inizio gennaio, distanti ormai poco meno del 10% in area $163, per il Toro sono necessari corazza ed elmo resistenti.

Le vendite di gennaio iniziate in area $160 hanno dimostrato essere un livello ben protetto dagli Orsi. In meno di un mese i prezzi sono capitolati del 75% annullando gran parte dell’egregio lavoro svolto dai minimi di metà dicembre ai massimi raggiunti la settimana dell’Epifania.

Per questo motivo al prossimo attacco con ambizioni di nuovi massimi annuali è necessario sferrare un’azione decisa. Un ritorno sotto i 120 dollari potrebbe provocare qualche tremolio alle gambe del rialzo.        

Previous article2 proposte ETF su bitcoin all’esame della SEC
Next articleRipple Vs JPM Coin. Una vera competizione?
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo