La prima vera corsa rialzista del mercato crypto del 2019 si prende una pausa, condizione necessaria per poter valutare le ultime novità del trading attendendosi una maggiore solidità dei supporti nei prossimi giorni.

Read this article in the English version here.

Nella top 20 delle crypto più capitalizzate, oggi i prezzi si muovono sotto la parità. Dopo giorni di euforia che da inizio febbraio vedevano il prezzo (quasi) raddoppiare, oggi è Binance Coin (BNB) a tirare il freno con un ribasso sopra il 4%.

Seguono Litecoin (LTC) e Cardano (ADA) che perdono poco oltre il 3%. Per trovare i primi segnali positivi bisogna spingersi poco oltre, con Waves e VeChain, in salita rispettivamente dell’1,5% e di oltre il 5,5% per VET.

Per trovare l’unico rialzo a doppia cifra (+13%) della giornata è necessario scorrere fino alla 57a posizione occupata da Repo con oltre $76 milioni. Il token, basato sulla piattaforma decentralizzata di Stellar, è un progetto che premia gli utenti nella scansione delle targhe auto non in regola con il pagamento delle rate di finanziamento.

La discesa di oggi non deve preoccupare. Tranne NEO, il saldo degli ultimi giorni registra un saldo positivo nella Top 20.

Tra la maggioranza di rialzi a doppia cifra svetta Eos che mette a segno un allungo di oltre il 35% dal giorno di San Valentino, seguita a pari merito da Ethereum e Binance Coin (+20%).

Nonostante la contrazione dei volumi su base giornaliera (-20% da ieri), la capitalizzazione totale rimane sopra i 133 miliardi di dollari, mostrando la voglia di tornare a salire.

Bitcoin scende al 52% di dominance, con Ethereum che rimane stabile sopra l’11%, mentre Ripple (XRP) scende sotto il 10% ai livelli più bassi degli ultimi tre mesi.

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC): le ultime news del mercato crypto 

Dopo lo scossone alle prime luci dell’alba, con prezzi che in meno di cinque minuti sono saliti di oltre 100 dollari spingendosi sopra i 4150 dollari, le quotazioni di bitcoin sono tornate ad oscillare attorno ai 4000 dollari.

Il livello evidenzia la sua importanza attirando gli scambi da oltre 48 ore. Per un buon consolidamento, utile a ricaricare la molla per un prossimo balzo, è necessario non tornare sotto i 3800 entro i prossimi giorni.

Un eventuale scivolone sotto questo supporto potrebbe far tornare la voglia di ritestare pericolosamente i 3600 dollari. Sopra 4200 dollari, invece, il segnale rialzista troverebbe ulteriore forza.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Le ultime news sul trading di Ethereum (ETH)

La ripida salita che in soli dieci giorni registra una corsa sopra il 30%, vede a 150 dollari la prima tappa delle prese di beneficio. Da lunedì pomeriggio i prezzi di Ethereum sembrano cullarsi su questo livello senza dare più segnali.

Diminuiscono gli scambi, anche se oltre la media delle ultime settimane. Prima di attaccare i massimi di gennaio occorre verificare la solidità dei supporti. Un eventuale ritracciamento non intaccherà il trend rialzista se non si spingerà sotto i $130. Sopra $165 possibili scossoni per la nervosa chiusura delle ultime posizioni ribassiste di medio periodo.

Previous articleLa community NEM approva la proposta di finanziamento
Next articlePer JP Morgan il vero valore di bitcoin è 2400 dollari. E JPM Coin quanto vale?
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo