Tra le migliori crypto da segnalare nell’analisi trading di oggi svetta Ripple (XRP) con un rialzo del prezzo che sfiora il +5% dai livelli di ieri mattina.

Read this article in the English version here.

Ripple beneficia della promozione di Coinbase, il più importante exchange su territorio statunitense, che ieri ha ufficialmente annunciato che nelle prossime ore inserirà nel suo paniere la terza più grande ed importante criptovaluta, appunto XRP.

Un riconoscimento importante per Ripple in un periodo che la vede nell’occhio del ciclone per il suo dubbio futuro a causa di JPM Coin. Tra le maggiori crypto Ripple oggi è l’unica che riesce ad annullare il passo indietro fatto la scorsa domenica.

Dopo forte movimento ribassista di domenica, i patiti delle montagne russe si prendono una pausa in attesa di capire se si è trattato di un semplice movimento tecnico dovuto a prese di profitto generato con la complicità degli scarsi volumi, oppure un focolaio ribassista, preludio di un movimento di ritracciamento più importante.

La giornata odierna registra alternanza di colori con oscillazioni attorno alla parità per la maggior parte delle criptovalute.

Sono poche, infatti, le coin che registrano variazioni oltre il punto percentuale, sia in positivo che in negativo.

Grafico XRP, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/XRPUSD/

Trading Ripple (XRP): il prezzo risale

Rivedendo quota $0,34, il prezzo di Ripple (XRP) torna a contatto con un’importante resistenza che da metà gennaio si sta dimostrando una ostica barriera difesa dai ribassisti.

Con l’ultimo test di ieri pomeriggio, per ben sei volte in 40 giorni, è fallito ogni tentativo di salire oltre questo livello. Per questo motivo diventa fondamentale la rottura di questa barriera per far saltare gli Stop-Loss posizionati poco sopra area $0,3380-0,3450 ed accompagnare il movimento a rivedere area $0,40-0,45 – livelli abbandonati lo scorso dicembre.

Un ritorno sotto i 30 centesimi di dollaro rafforzerebbe la tendenza ribassista presente dallo scorso settembre che sta caratterizzando ogni pullback (rimbalzo al rialzo) con massimi inferiori.

Tra le migliori di giornata troviamo anche Bitcoin Cash (BSV) che festeggia con un rialzo del 14% l’entrata nel circuito di Coingate, gateway di pagamento che accetta la conversione tra le maggiori criptovalute nonché con la valuta fiat.

Dopo aver perso oltre 15 miliardi di dollari in meno di 12 ore, la capitalizzazione totale tenta di rimanere agganciata a $130 miliardi per provare a tentare nuovamente di stabilire un nuovo record dell’anno sopra i 140 miliardi di dollari raggiunti nell’ultimo weekend.

Invariate le quote di mercato delle principali crypto con bitcoin a cavallo del 52%.

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

La discesa di domenica arriva puntuale a chiudere il ciclo mensile partito i primi giorni di febbraio. Nonostante il grave ribasso a doppia cifra la tendenza di medio periodo di bitcoin rimane impostata al rialzo.

Se i minimi di chiusura rimarranno quelli attuali, il ciclo mensile torna ad invertire la tendenza dopo un mese di gennaio inciampato verso il basso dopo la positiva reazione iniziata a metà dicembre. Per non assistere al ritorno degli Orsi è necessario proteggere il supporto dei 3750.

Un’eventuale rottura attirerebbe la speculazione al ribasso.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

I prezzi di Ethereum tentano di recuperare i livelli della trendline dinamica rialzista (trendline rossa sul grafico) penetrata al ribasso nel pomeriggio di domenica scorsa.

L’allungo al rialzo tra sabato e domenica mattina ha aggiornato i massimi del nuovo anno, ma manca delle dovute conferme per attestarsi come un solido rialzo.

E’ necessario, pertanto, recuperare al più presto area 150 dollari, altrimenti aumenta il rischio di rivedere i 115 dollari nelle prossime settimane, inoltre è necessario il ritorno dei volumi che la scorsa settimana hanno accompagnato la spinta al rialzista.  

Previous articleFusion Foundation e AXP portano le auto usate su blockchain
Next articleReport Diar: aumenta il numero di bitcoin holder
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo