In una giornata stagnante con la maggior parte delle criptovalute a contatto con i supporti mensili, emerge prepotente il prezzo di Binance Coin (BNB) che mette a segno un rialzo di oltre il 15% in meno di 24 ore e rivedendo i livelli dello scorso fine luglio.

Read this article in the English version here.

Grafico Binance Coin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BNBUSD/

In meno di un mese il prezzo del token dell’exchange Binance raddoppia il suo valore. Segnale positivo in un contesto dove la maggior parte degli operatori rimangono dubbiosi osservando, da oltre due mesi, oscillazioni a ridosso dei minimi dell’ultimo anno.

Nonostante questa apparente calma per le quotazioni, i più pragmatici osservano con reale ottimismo il ritorno degli scambi tra wallet.

La blockchain di Bitcoin nelle ultime due settimane registra il più elevato numeri di transazioni dallo scorso dicembre 2017, periodo della famosa bolla rialzista che in quei giorni vide toccare la quotazione record dei 20.000 dollari.

Oltre al prezzo di Binance Coin, tra le più famose spiccano i rialzi di Tron (TRX) e Bitcoin SV (BSV) oltre il 4%.

La crypto Tron (TRX) beneficia nuovamente del secondo airdrop di BTT. Così come annunciato nelle ultime ore dal suo fondatore, Justin Sun, lunedì 11 marzo tutti i possessori di TRX riceveranno gratuitamente in premio i token di BitTorrent.

Dopo la ‘mannaia’ di metà gennaio, quando Coinmarketcap cancellò dal suo paniere oltre 70 token oramai inutilizzati e senza più valore, il numero di criptovalute torna nuovamente oltre quota 2100.

Nonostante l’arretramento dei prezzi degli ultimi giorni, la capitalizzazione totale rimane sopra i 125 miliardi di dollari con quote di mercato sostanzialmente invariate tranne per Binance Coin che, con il prezzo in rialzo, riesce a conquistare per la prima volta nella sua storia l’ottava posizione in classifica tra le maggiori capitalizzate, superando Stellar Lumens (XLM) e Tron (TRX), ad un passo da Bitcoin Cash (BCH).

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Nelle ultime ore i prezzi di bitcoin tornano a contatto con area 3750 dollari, ex resistenza che per tutta la prima parte di febbraio aveva respinto ogni tentativo di rialzo.

Per tornare a rivedere gli acquisti è necessario recuperare i 4000 dollari, resistenza psicologica oltre che tecnica. Scivoloni sotto 3750 aprono spazi per allunghi sino area 3600, livello da tenere per non affondare sotto i $3500 e tornare a fare i conti con i minimi dell’anno.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Il test del supporto a 125 dollari provoca una debole reazione dei Tori, facendo rimbalzare i prezzi sopra i 130 dollari. Però, per tornare a far salire i prezzi di Ethereum, è necessario un ritorno sopra i $140.

In caso contrario è necessario non spingersi sotto i $115, altrimenti per Ether sarà necessario ricostruire la fiducia conquistata con il movimento di febbraio che ha permesso di creare una struttura tecnica rialzista in queste ore in corso di verifica supporti.

Previous articleStarbucks, pagamenti in bitcoin con Bakkt. L’azienda ha ora anche le quote
Next articleIl CEO di Coinbase sull’acquisizione di Neutrino: “Via i membri di Hacking Team”
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo