Nella giornata odierna non passano inosservate le news su Enjin Coin (ENJ) che, con un rialzo superiore al 70%, non solo mette a segno la migliore performance del giorno ma anche dell’ultima settimana.

Read this article in the English version here.

Grafico Enjin Coin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ENJUSD/

Questo rialzo spinge i prezzi del token a oltre 0,16 $ con una capitalizzazione di 128 milioni di dollari. Enjin Coin vola al 43° posto in classifica tra le oltre 2.100 crypto quotate su Coinmarketcap.

Enjin Coin è nato a fine 2017 in piena bolla speculativa come un token per remunerare il gaming online. Da circa 2 settimane, poche ore dopo la presentazione del Galaxy S10, circolavano news che Samsung avesse un interesse per il token.

Indiscrezioni che si sono ufficializzate proprio nelle ultime ore con il colosso sudcoreano che ha confermato la news. Enjin Coin verrà integrato tra le varie app ufficiali di Samsung sul Galaxy Store. È una notizia che va a sostenere il settore.

Samsung con l’annuncio del Galaxy S10 ha lanciato anche un’app che consente di conservare le chiavi crittografiche dei servizi crypto.

Da inizio febbraio Enjin Coin ha messo a segno un rialzo del 700% che ha moltiplicato di 6 volte il suo valore, da 0,025 $ ora si è spinta sopra gli 0,20 $, rivedendo addirittura i livelli di inizio febbraio 2018 spazzando totalmente il periodo negativo che con i minimi di fine novembre rilegavano il token nella massa di tutto il settore, con una perdita che era del 95% dei massimi storici assoluti raggiunti a gennaio 2018.

Il 7 gennaio 2018 il token sfiorava 0,50$. Siamo distanti, ma Enjin Coin ha recuperato il 40% di tutto il movimento ribassista, e questo tecnicamente è un segnale positivo.

Per il resto, la settimana si avvia a concludersi positivamente per la maggior parte delle criptovalute nonostante l’andamento incerto delle prime tre in classifica.

Dalla 4° posizione emerge Litecoin come la migliore tre le top 20 con un rialzo di circa il 20%. Grazie alla performance degli ultimi due giorni Litecoin vede aggiornare i massimi del 2019.

Grafico Litecoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/LTCUSD/

LTC è tra le crypto migliori di inizio anno con un rialzo che porta quasi a raddoppiare il suo valore dal 1 gennaio 2019.

La capitalizzazione totale si mantiene sopra i 133 miliardi di dollari con un volume giornaliero che torna a crescere a ridosso di scambi di 30 miliardi di dollari. La dominance del bitcoin rimane poco oltre il 51%.

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

In queste ultime ore i prezzi del bitcoin si trovano nuovamente a fare i conti con la soglia tecnica e psicologica dei 4.000 dollari. È una resistenza sia statica che dinamica. Un primo test di rottura di questa mattina ha indicato l’importanza con una momentanea respinta da parte dei venditori nuovamente sotto soglia 3.985$.

Tecnicamente il livello da seguire con attenzione sono proprio i 3.985 dollari in quanto analizzando i movimenti dell’ultima settimana, quando i prezzi hanno provato a superare questa soglia sono aumentati i volumi di scambio indicando la particolare sensibilità del livello sotto l’aspetto operativo.

Alle porte del fine settimana è importante seguire con attenzione la soglia dei 3.750 dollari. Solamente un movimento al ribasso sotto questi livelli aumenterebbe le possibilità di ulteriori ribassi. Invece una spinta sopra i 4.000  dollari e un consolidamento sopra questo valore attirerebbe i prezzi al prossimo step rialzista dei 4200 dollari.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Passando ad Ethereum la situazione rimane invariata. Da tre giorni i prezzi oscillano poco sopra e poco sotto i 140$ creando tecnicamente un livello spartiacque che sta congestionando i prezzi degli ultimi tre giorni.

È necessario che gli operatori prendano una direzione al rialzo verso area 155 dollari che ora è diventata area di resistenza statica e dinamica. Un ribasso sotto i 130-128 dollari farebbe rizzare le antenne dei ribassisti in quanto si indebolirebbe la struttura rialzista presente dallo scorso metà dicembre e confermata da scorso inizio febbraio con la tenuta dei minimi di supporto tecnico e psicologico dei 100 dollari.

Ascolta qui il podcast di Federico Izzi in collaborazione con Fintech24:

Previous articleTicinoCoin: oggi presentato ufficialmente il progetto svizzero
Next articleCarrefour sfrutta la blockchain per tracciare anche il latte
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo