Cryptonomist ha avuto la possibilità di intervistare Patrick L. Springer, ex Amministratore Delegato di Morgan Stanley e ora nel comitato consultivo di Polybird Global Exchange, una piattaforma di trading per titoli blockchain e asset tokenizzati.

Read this article in the English version here.

Con una carriera di oltre 20 anni presso Morgan Stanley, dove è stato Amministratore Delegato del dipartimento titoli istituzionali, Springer può essere considerato uno dei leader nel campo delle azioni.

Ha fornito consulenza agli investitori azionari istituzionali con sede nel Nord America e ha guidato la distribuzione di numerose offerte internazionali di azioni, contribuendo a raccogliere oltre 50 miliardi di dollari di capitale per le società del settore tecnologico e di altri settori negli ultimi 10 anni.

La tokenizzazione degli asset: cos’è e come cambierà i mercati finanziari – si espanderà e si aprirà ai mercati dei capitali?

La tokenizzazione degli asset è il processo attraverso il quale un asset finanziario viene digitalizzato e reso disponibile per lo scambio attraverso la tecnologia blockchain. Le parole chiave nell’ultima frase sono digitalizzato e blockchain, e questi due termini stanno consentendo un cambiamento di paradigma.

Prima della blockchain esisteva un modo limitato per scambiare gli asset. All’estremità superiore, un proprietario di un asset poteva quotare uno strumento su un exchange fisico, che si limitava principalmente al capitale proprio e ad alcuni tipi di titoli di debito; a tal fine è stato creato un elaborato sistema piuttosto costoso di negoziazione e di regolamento.

Oppure potrebbe essere scambiato tramite una banca, che potrebbe formare un prestito o un sindacato di project financing con un gruppo di entità che le banche conoscono. Infine, si potrebbe vendere a qualcuno che è un conoscente o attraverso un avvocato, che è come la maggior parte delle persone comprano o vendono i loro beni finanziari o le loro case.

In ciascuno di questi casi è necessario un intermediario finanziario per garantire la transazione – rispettivamente l’exchange, la banca o l’avvocato. Ognuno di questi metodi ha dei costi che devono essere coperti e l’attrito che può portare o meno a ottenere il miglior prezzo di compensazione del mercato, sia per l’acquirente che per il venditore.

Digitalizzare un bene e renderlo sicuro grazie alla crittografia tramite una blockchain può aprire nuove strade per lo scambio di beni e per gli investitori per indirizzare in modo più specifico i loro investimenti. Con la digitalizzazione, gli investimenti possono essere frazionati in tagli più piccoli, rendendo un investimento disponibile per un maggior numero di investitori, e di conseguenza potenzialmente più liquido.

Un esempio di questo è un progetto immobiliare – da un grande progetto multimiliardario ad uso misto a un nuovo progetto di condominio da quindici appartamenti in costruzione – diventa possibile, tramite tokenizzazione, per più tipi di investitori, partecipare a più tipi di transazioni immobiliari.

La tokenizzazione degli asset consente una gestione più mirata degli investimenti – ad esempio, la proprietà azionaria contro una cedola dei flussi di cassa, la possibilità di acquistare un’unità di investimento a Brooklyn e/o un’unità a Miami, o un progetto di centro commerciale in Arizona contro un’unità monofamiliare in Colorado).

La tokenizzazione degli asset ha significative economie di scala che riducono anche i costi. Gli smart contract sulla blockchain assumeranno molte delle funzioni legali e amministrative di una transazione e automatizzeranno processi che finora richiedono molti passi, molte persone e molto più tempo.

L’automazione delle regole attraverso smart contract garantirà che solo gli investitori appropriati – investitori che soddisfano i requisiti regolamentari e di idoneità finanziaria – partecipino ad un’offerta. Tutto questo può ridurre i costi di pedaggio menzionati in precedenza e riduce gli attriti. Per i mercati finanziari, storicamente questa riduzione dei costi ha causato una crescita massiccia dei mercati finanziari, trainata da una maggiore partecipazione e da un fatturato più elevato.

Per essere chiari, tuttavia, la tokenizzazione degli asset è appena iniziata, e si muoverà e procederà in un modello a gradini. In questo momento, la tecnologia per tokenizzare asset è in fase di costruzione. Ma i proprietari degli asset hanno bisogno di aiuto per superare il processo di tokenizzazione, e ci deve essere un mercato dove gli investitori, specialmente gli investitori istituzionali, possono vedere, confrontare e valutare diversi tipi di token.

In altre parole, è necessario formare un sistema parallelo di consulenti per i mercati digitali dei capitali e uno o più mercati digitali. Sono un consulente di Polybird Exchange, (www.polybird.io) ed è proprio qui che risiede il nostro modello di business. Non dimentichiamo che la blockchain è per sua natura decentralizzata, quindi l’ecosistema che verrà creato per gli asset digitali può apparire molto diverso da quello che conosciamo oggi per gli attuali mercati degli asset.

Perché vale la pena tokenizzare gli asset aziendali o quelli rari?

In un mondo che è molto preoccupato per la disuguaglianza e l’accesso asimmetrico alle opportunità finanziarie, la continua innovazione finanziaria è estremamente importante. Non c’è dubbio che l’accesso ai mercati finanziari globali attraverso azioni, obbligazioni, ETF, fondi d’investimento e 401-K ha reso possibile per un numero di persone più elevato ottenere rendimenti degli investimenti corretti per il rischio e l’inflazione.

E per tutti coloro che pensano che l’innovazione non è andata abbastanza lontano nel democratizzare i mercati finanziari e migliorare l’accesso agli investimenti, allora dovrebbero essere molto interessati alla tokenizzazione e alla blockchain.

Gli investitori istituzionali di oggi continuano a gravitare verso i mercati dei titoli privati, come il private equity e il credito privato, perché continuano ad avere difficoltà a fare soldi nei mercati pubblici dominati dagli ETF e dal trading informatico. I mercati dei titoli privati sono opachi, di difficile accesso e hanno una trasparenza dei prezzi e una liquidità limitata.

Nel corso del tempo, un numero maggiore di questi titoli privati sarà digitalizzato e reso disponibile sulla blockchain. Sempre più tipi di investitori potranno accedere a questi investimenti nel corso del tempo. Questo è molto democratizzante.

Perché introdurre azioni e obbligazioni sulla blockchain?

Ci sono due modi per considerare la questione. Il primo è che gli attuali mercati azionari e del debito sono molto efficienti e non dovranno cambiare. È infinitamente più facile comprare e vendere una quota di Apple che comprare o vendere un’auto, una casa o un oggetto d’antiquariato. Qui non esiste la necessità di digitalizzare i più grandi titoli azionari attualmente scambiati.

Ma ci sono molte piccole imprese che sono quotate in borsa, e ci sono molte aziende che evitano i costi di essere una società pubblica. Queste possono trovare la tokenizzazione degli asset un’opportunità finanziaria.

Analogamente, vi sono molte parti del mercato obbligazionario quotato in borsa in cui la trasparenza dei prezzi e la liquidità sono controllate da un numero molto limitato di operatori. Avete mai provato ad acquistare un’obbligazione municipale? Gli investitori possono acquistarli solo in tagli di 5.000 dollari. Date le finanze pubbliche di così tanti dei nostri stati, posso vedere il caso in cui questi titoli dovrebbero essere frazionati!

Cos’altro può essere tokenizzato? Quali vantaggi ne traggono queste entità?

Ci sono un sacco di casi d’uso per diversi tipi di asset, e ci sono casi d’uso che non sono stati nemmeno pensati.

Prendiamo il caso dell’azienda biotecnologica Agenus. Si tratta di un’azienda biotecnologica quotata al NASDAQ con un market cap di circa 450 milioni di dollari. Ricordiamo quanto ho detto sull’efficienza dei mercati dei capitali per le azioni attualmente quotate.

Bene nel gennaio 2019, Agenus ha raccolto capitale attraverso una STO (Security token offering) che offre agli investitori un modo per investire in un loro specifico prodotto biotecnologico in cambio di una parte delle potenziali vendite future negli Stati Uniti di quel prodotto. Questo è stato offerto a investitori qualificati tramite Atomic Capital, e quindi, a quanto mi risulta, ciò è stato fatto in combinazione con le attuali leggi statunitensi sui titoli.