Oggi bitcoin tenta di recuperare il 52% della dominance, salendo di qualche decimale rispetto agli ultimi giorni. BTC riesce così a non scendere sotto quota 51%, il livello più basso raggiunto ad agosto 2018.

Read this article in the English version here.

Restano invece invariate le quote di mercato di Ethereum, Ripple ed EOS.

Fonte: COIN360.com

I prezzi nei giorni scorsi non sono riusciti a spingersi oltre le resistenze mensili di medio periodo e ora sono alla ricerca di supporti per non gravare il movimento al ribasso iniziato domenica scorsa.

Questa mattina la maggior parte delle criptovalute è preceduta dal segno negativo.

Tra le big 20, le uniche che riescono a oscillare in territorio positivo sono Cardano (ADA), in 11° posizione che sale del 2,5%, così come Dash, in 15° posizione che mette a segno un +1%.

Per trovare segni più importanti bisogna andare oltre la 20° posizione dove c’è VeChain (VET) alla 24° posizione, che sale di +2,5%, e Lisk (LSK), 38° posizione, che dopo molto tempo riesce nuovamente a emergere con un rialzo che questa mattina supera il 5%

Stellar Lumens (XLM) torna a scendere del 3,5% annullando tutto il buon movimento al rialzo costruito nella giornata di ieri. La fondazione Stellar Lumens ha annunciato che dalla prossima settimana cambierà il logo, accantonando il missile iniziale, assumerà una connotazione molto più professionale, con un cerchio che assume la forma di una S.

Le prime cinque crypto in classifica sono tutte in negativo, con perdite del 2-3%. L’unica che riesce a limitare il ribasso è Ripple che scende dello 0,8% dai livelli di ieri.

Nonostante la debolezza generalizzata, il settore delle criptovalute riesce a mantenere una capitalizzazione intorno ai 132 miliardi, segnale che l’affluenza degli acquisti continua generalizzata.

Gli scambi su base giornaliera si mantengono buoni con oltre 32 miliardi passati di mano nelle ultime 24 ore.

Grafico bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Con la dominance oggi in leggera salita, bitcoin dopo aver fallito la rottura di quota 4.000 dollari si trova a fare i conti con il supporto dinamico che passa a 3850 dollari.

È molto probabile che possa essere violato nelle prossime ore. Nulla di preoccupante se la discesa si fermasse prima dei 3.750 dollari. In caso di violazione al ribasso il prossimo approdo è a 3.600 dollari. Positivo il recupero a 4.000 ma ancora meglio una spinta a 4.200 dollari.

Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Le oscillazioni in area 140 dollari mostrano la mancanza di voglia degli operatori di entrare con nuovi acquisti che spingerebbero i prezzi oltre i 140 e verso i 155 dollari.

Questo rimane il livello di resistenza più importante in ottica mensile.

Il tempo non gioca a favore del rialzo. Ethereum si trova a contatto con il suo supporto dinamico e dovrà riuscire a mantenere i 115 dollari in caso di affondo al ribasso. Una violazione sotto questo livello attirerebbe vendite speculative e spingerebbe i prezzi verso i 100$, livello tecnico e psicologico.

Al rialzo è necessario il ritorno in area 155$.

Previous articleStellar Lumens annuncia un nuovo logo
Next articleLa criptovaluta di Facebook: un valore di 19 miliardi
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo