La nuova roadmap di EOS potrebbe comprendere novità per quanto riguarda REX.

Read this article in the English version here.

Dall’estate scorsa, quando Daniel Larimer in un post aveva lanciato la proposta, gli utenti di EOS aspettano con ansia il Resource Exchange (REX), il cui scopo sarebbe quello di creare un mercato efficiente per dare e prendere in prestito risorse fondamentali per l’ecosistema ed essere ricompensati per lo scambio.

Il meccanismo funziona in modo che ogni EOS holder possa dare in prestito i propri token al REX ed in cambio riceve dei REX token, in base al valore in quel momento. Questi REX genereranno delle fee per aver dato in prestito gli EOS incrementando di fatto il valore finale. I REX token potranno poi essere convertiti di nuovo in EOS.

Per quanto riguarda invece il funzionamento dei REX se uno vuole chiedere token in prestito, il meccanismo funziona in maniera diversa: per ogni EOS depositato su REX vengono generati degli Staked EOS token (SEOS), all’inizio con un tasso di 1 a 1. Dopo, i vari trader potranno comprare e vendere SEOS per EOS con una piccola fee di transazione.

Il BP EOS Authority ha creato una pagina che permette di tracciare lo stato di questa proposta.  Attraverso il sito si può quindi vedere la roadmap e la fase di test che dovrebbe cominciare il prossimo 20 marzo.

EOS World Expo

Considerando la notevole espansione e adozione di EOS e della sua blockchain che ha permesso di sviluppare numerose dApp ma anche sidechain e sister chain, il mese prossimo si terrà nella Baia di San Francisco l’EOS World Expo.

Da questa manifestazione ci si aspetta di vedere presentati i nuovi progressi raggiunti sia a livello generale della blockchain sia le varie dApp, permettendo di entrare in contatto direttamente con i team delle startup.

L’evento si terrà il prossimo 13 e 14 aprile a San Francisco e si possono prenotare i biglietti sul sito ufficiale.

 

Previous articleMiSE Global Startup Program: la blockchain va in Erasmus
Next articleIBM: una soluzione di pagamenti basata su stablecoin
Alfredo de Candia
Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.