Di recente, il sito di Steemit ha subito un attacco DDoS (distributed denial of service) che ha messo offline il sito per 25 minuti, secondo quanto riportato dal team stesso.

Read this article in the English version here.

“Steemit.com è stato soggetto ad un sostenuto attacco DDos che ha portato il sito offline per circa 25 minuti oggi. Il team di Steemit sta lavorando per mitigare l’attacco, ma steemit.com sta ancora avendo dei problemi ad intermittenza”.

L’attacco DDoS mette in crisi i server di un sito ricevendo numero richieste molto elevate che causano l’intasamento del server e quindi l’impossibilità di un normale utilizzo.

L’eccessivo sovraccarico porta infatti ad avere i server down e quindi creare un disservizio per tutti gli utenti che da quel momento in poi non possono accedervi.

Steemit attacco DDoS

Questo attacco DDos ha colpito solo i server di Steemit e non la sua blockchain. Successivamente il team di Steemit.com ha implementato diverse misure per fare in modo che il problema non avvenga in futuro, come scritto in un aggiornamento da parte del team.

Anche se questa non è la prima volta che Steemit.com subisce un attacco DDos,  non è chiaro perché il sito sia stato attaccato, ma si potrebbe considerare un dispetto da parte di qualche  competitor oppure anche da un hacker che volesse testare che problema avesse potuto creare.

Qualche tempo fa la blockchain di Steemit aveva raggiunto un milione di utenti, nonostante le critiche per il fatto che i contenuti potessero essere censurati dal team.

A gennaio infatti si erano verificati alcuni casi di censura che hanno sollevato molte critiche nella comunità crypto, visto che Steemit si propone come un social media completamente decentralizzato.

In realtà si era poi scoperto che ad essere decentralizzata era soltanto la blockchain, mentre il sito è centralizzato e quindi anche soggetto a censura.

Previous articleTrading crypto: cos’è lo scalping?
Next articleTron: 91 milioni di dollari spesi sulle dApp in 24 ore
Alfredo de Candia
Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.