Durante la giornata di oggi, 19 marzo 2019, si distingue il movimento al rialzo del prezzo di Stellar Lumens (XLM) che stamattina sale oltre il 5%.

Read this article in the English version here.

Replica con un ulteriore balzo in alto Enjin Coin, che continua nuovamente a salire tornando sui massimi raggiunti la scorsa settimana.

Sono le due sole crypto che evidenziano l’andamento prettamente rialzista, seguite a distanza da ZCash (ZEC) che oggi sale di 2,5%.

Fonte: COIN360.com

Tutte le altre oscillano intorno alla parità, con preferenza di territorio negativo ma nulla di preoccupante in un contesto generale tenendo presenti i rialzi dell’ultima settimana. Tra le prime 50 criptovalute l’unica negativa dai valori di martedì scorso è Steem con un calo del 7%.

La migliore performance settimanale è invece quella di Bitcoin Cash che riesce a salire di oltre 20%, seguita dal prezzo di Stellar Lumens (XLM) che beneficia dei rialzi delle ultime 48 ore dovute al listing da parte di Coinbase.

Coinbase ha inserito nel suo listino di trading Stellar Lumens e ciò si riflette positivamente sul prezzo della coin durante questo inizio 2019. XLM è la terza crypto listata da Coinbase nell’ultimo trimestre dopo Ethereum Classic (ETC) e Basic Attention Token (BAT).

La capitalizzazione continua ad oscillare intorno ai 140 miliardi di dollari. Nelle ultime 24-48 ore si evidenzia un aumento dei volumi di contrattazione su base generale.

Bitcoin scende sotto quota 51% di dominance, confermando l’andamento a favore delle altcoin, in particolare Litecoin e EOS che continuano a guadagnare fette di mercato, così come Stellar Lumens. Tutto questo a svantaggio della quota di bitcoin, Ether e XRP che rimangono in fase calante.

Grafico bitcoin by Tradingview

Prezzo di Bitcoin (BTC)

Poco da aggiungere rispetto a ieri pomeriggio. I prezzi rimangono in quota 4.000 dollari ma non riescono a spingersi oltre i 4.100-4.200 dollari, livelli di resistenza cruciali per innescare un prossimo balzo al rialzo. Rema contro l’impostazione del prossimo ciclo bimestrale che si avvia verso la fase conclusiva stimata entro i primi giorni di aprile.

Diventano pericolosi al ribasso estensioni sotto i 3850-3700 dollari  in quanto attirerebbero speculazioni al ribasso con la probabilità di rivedere i minimi di inizio febbraio.

Grafico Ethereum by Tradingview

Valore di Ethereum (ETH)

Anche qui situazione tecnica rimane sostanzialmente invariata rispetto alle ultime 24 ore. Le oscillazioni millimetriche fanno rimanere i prezzi a ridosso dei 140 dollari non dando nessuna indicazione utile in ambito operativo.

Il trend mensile di questo marzo 2019 che prende in riferimento il minimo di inizio febbraio continua a rimanere rialzista.

Continua a rimanere decisiva quota 155 dollari che fornirebbe nuovamente benzina per ulteriori spinte rialziste e attirerebbe nuovi acquisti. Pericolose sarebbero invece discese sotto i 120-115 dollari.

Previous articleInvesting Napoli 2019: intervista a Pietro di Lorenzo
Next articleBanca d’Italia: le attività crypto sono inutili e sospette
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo