PayPal ha deciso di fare un investimento nel suo primo progetto blockchain. Si tratta della startup Cambridge Blockchain, azienda dedicata alla disintermediazione sulla proprietà dell’identità digitale.

Read this article in the English version here.

Secondo quanto riportato, il progetto di Cambridge Blockchain su cui PayPal ha voluto investire, consentirà ai propri utenti di dimostrare chi sono, impedendo che le informazione personali vengano condivise.

Un portavoce di PayPal ha affermato:

“Abbiamo fatto un investimento in Blockchain Cambridge perché sta applicando blockchain per l’identità digitale in un modo che riteniamo possa avvantaggiare società di servizi finanziari tra cui PayPal”.

Al momento non è stato pubblicato l’ammontare dell’investimento totale, ma sembra che sia un’estensione del round di finanziamento della serie A di Cambridge Blockchain rivelato lo scorso maggio 2018.

Secondo il report, sembra che da documenti depositati presso la SEC si possa dedurre una raccolta di $3,5 milioni di nuove azioni per la Cambridge Blockchain, dopo il primo round da $ 7 milioni guidato da HCM Capital di Foxconn.

In generale, le soluzioni di Cambridge Blockchain sfruttano il potenziale della blockchain per fornire identità digitali su scala globale, soddisfando tutti gli obblighi di riservatezza a livello globale.

Non solo, la società ha una specifica esperienza nella progettazione di sistemi software per condividere dati di identità tra le istituzioni finanziarie europee.

Matthew Commons, CEO di Cambridge Blockchain, ha confermato di aver lavorato precedentemente con PayPal in un progetto di Fintech Europe 2018, un acceleratore che affronta i crescenti requisiti normativi relativi alla protezione dei dati e la privacy in generale.

“Immaginiamo un futuro in cui gli utenti abbiano un controllo molto più diretto sui loro dati personali, e crediamo anche in architetture aperte e interoperabili. Vogliamo allontanarci da un mondo in cui le persone sono davvero bloccate in una piattaforma specifica”.

In un’altra intervista aveva anche affermato:

Il nostro servizio consente di semplificare la conformità dell’identità digitale e allo stesso tempo offre ai clienti il controllo sui propri dati di identità. Siamo onorati del voto di fiducia di PayPal e attendiamo con ansia il loro supporto e guida”.