Il Gibraltar Blockchain Exchange (GBX), di proprietà della Borsa di Gibilterra (GSX), ha annunciato di voler consentire gli scambi di security token.

Per la precisione, GSX vuole offrire servizi di scambio di titoli di debito digitali e fondi digitali. Si tratta di titoli tokenizzati, come obbligazioni societarie, obbligazioni convertibili, titoli garantiti da attività, derivati, fondi aperti o chiusi, basati su Distributed Ledger Technology (DLT).

Grazie alle DLT, GSX vuole aprire questi mercati in modo da assicurare loro maggiore liquidità, rendendo più accessibili i beni illiquidi e ponendo le basi per democratizzare i mercati dei capitali, immutati oramai da decenni.

Tramite smart contract, e la rete STACS, verranno lanciati titoli di debito digitali e fondi che potranno anche consentire la distribuzione di pagamenti, cedole o dividendi.

La Gibraltar Stock Exchange (GSX) è una borsa valori privata nata nel 2014 a Gibilterra, la prima ad avere ottenuto tutte le autorizzazioni per poter operare legalmente sul territorio d’Oltremare britannico.

Queste autorizzazioni regolamentari concesse dalla Gibilterra Financial Services Commission (GFSC) consentono infatti agli emittenti l’uso di blockchain o DLT come mezzo per registrare gli asset e listarli sull’exchange.

Nick Cowan, CEO del gruppo GSX, ha commentato:

“Questo è un momento storico per GSX, abbiamo lavorato duramente per raggiungere questo punto, e ora siamo sull’orlo di un periodo davvero rivoluzionario per i mercati dei capitali. Ora abbiamo un’incomparabile opportunità per GSX di diventare un precursore nel mercato dei titoli digitali emergenti. Stiamo sperimentando un cambiamento significativo, per il miglioramento del settore finanziario globale, siamo già arrivati ​​così lontano, e questo è solo l’inizio”.

Quello dello scambio dei titoli tokenizzati è un terreno ancora sgombro, in cui però si annuncia molta competizione nel prossimo futuro. Per GSX potrebbe essere un vantaggio competitivo quello di essere arrivata tra le prime, visto che ad oggi di Borse Valori che consentono lo scambio di questi titoli di investimento ce ne sono ancora molto poche.