Secondo l’annuncio ufficiale pubblicato qualche giorno fa dall’azienda, Uquid Card inserirà la crypto Ripple (XRP) tra i metodi di pagamento disponibili per bollette e ricariche telefoniche.

Read this article in the English version here.

Nello specifico, gli utenti potranno acquistare le proprie ricariche telefoniche in XRP. Questa nuova feature sarà disponibile per oltre 600 delle compagnie telefoniche in 150 Paesi di tutto il mondo.

Le ricariche telefoniche si riferiscono anche a operatori quali TIM e Vodafone molto comuni in Italia, e infatti il servizio di Uquid è disponibile anche nel Bel Paese.

Per i pagamenti in XRP dei pacchetti dati, invece, l’opportunità di Uquid è un po’ più ristretta e si riferisce solo a Paesi quali Bangladesh, El Salvador, Guatemala, Honduras, India, Indonesia, Nicaragua, Nigeria, Filippine, Qatar e Sud Africa.

In Indonesia, invece, si potranno anche pagare le bollette dell’elettricità e l’assicurazione in XRP, mentre in El Salvador e Guatemala si potranno anche acquistare buoni alimentari.

Non solo, nel Guatemala e nelle Filippine sono disponibili i voucher della farmacia acquistabili in XRP, mentre negli USA le chiamate senza PIN.

Infine, mentre in Nicaragua sarà possibile pagare i mezzi di trasporto in XRP, nei Paesi come Repubblica Dominicana, Guatemala, India e Filippine grazie a Uquid si potranno pagare in XRP anche le bollette della TV.

Con questa nuova adozione di XRP, gli utenti dei Paesi sopra citati possono già accedere facilmente a tutti i servizi elencati e utilizzare la terza crypto per capitalizzazione di mercato per svariate attività. Non solo, Uquid annuncia di voler estendere il supporto anche ad altri Paesi.

Intanto, la notizia risulta essere un passo in avanti per la mass adoption di XRP. Ripple di recente ha anche fatto parlare di sé per aver rivelato di aver aumentato il proprio organico di 12 dipendenti nell’ufficio asiatico di Singapore per poter ampliare la gamma delle proprie attività oltre alla semplice assistenza ai clienti.  

Previous articleDipartimento Energia USA potrebbe usare blockchain
Next articleCrypto.com Chain: sale il valore del token
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.